Contenuto sponsorizzato

La movida a Trento non si ferma, altra serata di assembramenti e muri trasformati in orinatoi (Foto e Video). I cittadini: ''Le parole del sindaco sono servite a ben poco''

"Questa è la dimostrazione del fatto che c'è una sfida da parte dei giovani" spiega il Comitato antidegrado di Trento. Ieri in zona vicolo Santa Maria Maddalena un nuovo assembramento. "Urla fino a tarda sera" denunciando i cittadini

Di G.Fin - 10 June 2021 - 09:21

TRENTO. “La situazione è stata uguale a quella di mercoledì scorso. La riunione fatta negli ultimi giorni ma soprattutto le parole del nostro sindaco che ce la sta mettendo tutta per evitare regole più rigide sono servite a ben poco. Questa è la dimostrazione del fatto che c'è una sfida da parte dei giovani”. Sono queste le parole del Comitato antidegrado di Trento dopo l'ennesimo assembramento che si è verificato ieri sera nella zona di vicolo Santa Maria Maddalena.

 

 

Ancora una volta purtroppo ci si è trovati davanti ad un assembramento fino a tarda ora e, ancora una volta, a comportamenti incivili con angoli delle vie e portoni delle case trasformati in orinatoi. “Le urla sono andate avanti fino a tarda sera, così è impossibile vivere in questa parte della città” hanno spiegato alcuni residenti.

Per il momento non sembrano aver portato alcun effetto le oltre tre ore di riunione tra esercenti, residenti e rappresentanti degli studenti con commissario di Governo, questore e sindaco che si sono tenute nei giorni scorsi. In questo appuntamento il sindaco Ianselli aveva chiesto a tutti uno sforzo per evitare di ricorrere a nuove e più restrittive ordinanze. (QUI L'ARTICOLO)

Ai rappresentati degli studenti il commissario di Governo, il sindaco e il questore hanno chiesto di prendere le distanze in modo netto ed evidente da chi si comporta in modo incivile, urlando a notte fonda, urinando in strada e aggredendo la polizia.

 

Da parte dei baristi è stato chiesto al Comune di poter allargare i plateatici impegnandosi nel contempo a non vendere bibite d'asporto dopo le 11 e a servire solo chi è seduto al tavolo, in modo da contenere le presenze. Si sono dichiarati disponibili anche ad assumere personale per controllare la clientela.

L'attenzione, quindi, è molto alta. Occorrerà ora capire se le proposte messe sul tavolo martedì scorso porteranno nei prossimi giorni dei risultati.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 giugno - 06:01
L'avvocato di Milano ha lavorato al provvedimento depositato nel 2019 dalla senatrice trentina che ora chiederà di farlo ripartire: ''Non si [...]
Cronaca
20 giugno - 20:46
L'uomo, classe '63, era scomparso da alcune ore e l'allarme era stato dato dai gestori della struttura dove alloggiava. Trovata la macchina [...]
Cronaca
20 giugno - 18:31
Fatale un malore per un 58enne di Monselice in provincia di Padova. L'allerta è scattata in val di Maso, poco lontano dall'abitato di Cesuna nel [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato