Contenuto sponsorizzato

Monte Baldo, i lupi predano due asini a Brentonico: entrati dal recinto sprovvisto di protezioni anti-lupo

Due asini sono stati predati dai lupi sull’Altopiano di Brentonico. Il Comune: “L’auspicio è che si trovi una forma di sorveglianza più efficace per scongiurare il più possibile le predazioni di animali domestici”

Di T.G. - 02 October 2021 - 10:59

BRENTONICO. La presenza del lupo sull’Altopiano di Brentonico è accertata ormai da un paio d’anni e sembra essersi assestata su circa quattro esemplari che compongono uno dei branchi che gravitano nella provincia di Trento. Il branco in questione è attivo sulla parte settentrionale del Monte baldo, quella trentina che ricade in gran parte territorio del Comune di Brentonico.

 

Se nei primi tempi la sua presenza era quasi ignota, nell’ultima estate il lupo si è fatto notare compiendo alcune predazioni di animali domestici. È notizia di questi giorni la predazione di altri due asini, nella frazione di Crosano ad alcune centinaia di metri dal centro abitato. Il recinto dove erano custoditi gli asini era sprovvisto di opere di prevenzione, come le recinzioni elettrificate.

 

“Come è ovvio – si legge nella nota del Comune di Brentonico – questo fatto ha destato un certo scalpore all’interno della comunità che si sente impotente di fronte a questo fenomeno”. In questi casi l’amministrazione è sempre in contatto, confrontandosi frequentemente sulla materia, con i vertici provinciali e soprattutto con gli uffici distrettuali della forestale provinciale.

 

È doveroso ricordare che esiste un’organizzazione di controllo dei grandi carnivori in capo alla forestale e che è possibile contattare in caso di necessità (335.7705966). Al contempo la Provincia garantisce un rimborso per i danni subiti dagli animali e fornisce inoltre contributi o apparecchiature per la difesa degli animali domestici dai predatori.

 

L’amministrazione comunale – prosegue la nota – è vicina agli allevatori. Spesso si tratta di appassionati che intendono manutenere i loro appezzamenti di terreno, che si sono visti predare i loro animali per i quali c’è sempre una grande affezione che non è in alcun modo rimborsabile. L’auspicio è che si trovi una forma di sorveglianza più efficace per scongiurare il più possibile le predazioni di animali domestici”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
15 ottobre - 19:56
Trovati 29 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 20 guarigioni. Sono 21 i pazienti in ospedale, di cui 3 ricoverati in terapia [...]
Cronaca
15 ottobre - 20:44
L'allerta è scattata in località Santa Margherita a Castelnuovo. Un 35enne portato in elicottero all'ospedale
Cronaca
15 ottobre - 18:16
Tra musica, ricordi e spunti filosofici, in un'intervista a Massimo Cotto su Virgin Radio il rocker emiliano si dice emozionato per il debutto del [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato