Contenuto sponsorizzato

Strage funivia del Mottarone, la sindaca di Stresa a Cavalese: ''Grazie per la vicinanza e la solidarietà: vi aspettiamo alla Messa in suffragio delle vittime''

All'indomani della caduta della funivia Stresa-Mottarone, il Comune di Cavalese e la Comunità di valle avevano scritto alla prima cittadina piemontese per manifestare vicinanza e fornire supporto. Il sindaco Sergio Finato: "Siamo a disposizione per aiutare a superare questo momento difficile"

Di Luca Andreazza - 21 June 2021 - 12:17

CAVALESE. "Vi ringraziamo per la vicinanza e per la solidarietà espressa per la tragedia che ha colpito la nostra comunità". Questa la lettera inviata da Marcella Severino, sindaca del Comune di Stresa, per rispondere a Cavalese. "Sono a comunicare che il 23 maggio alle 11 nel piazzale della funivia del Mottarone, a un mese dalla terribile disgrazia, il vescovo della diocesi di Novara, monsignor Giulio Brambilla, officerà una Santa Messa a suffragio delle vittime".

 

All'indomani della caduta della funivia Stresa-Mottarone, il Comune di Cavalese e la Comunità di valle avevano scritto alla prima cittadina piemontese per manifestare vicinanza e fornire supporto. Il dramma, infatti, riporta alla memoria purtroppo quanto avvenuto in Trentino tra gli anni '70 e '90 (Qui articolo). 

 

Prima della strage dei top gun del 1998 con l'aereo americano che ha tranciato i cavi della funivia del Cermis (Qui articolo), il parallelo riporta soprattutto al disastro del 1976, quando alle 17.20 di quel 9 marzo, la fune portante dell'impianto sciistico cedette e la cabina cadde sul fianco della montagna dopo un volo di circa 200 metri, quindi continuò la propria corsa sul terreno per altri 100 metri per poi fermarsi in un campo d'erba.

 

"Auspico nella vostra gradita presenza e colgo l'occasione per confermare che vi sarà data notizia di ogni eventuale evento futuro in merito", si conclude la lettera di Severino. La val di Fiemme e il Trentino si sono trovati a dover fare i conti con questi drammi, eventi che rientrano nel bagaglio della memoria della comunità, ogni anno gli anniversari di queste stragi sono ancora molto sentiti.

 

"Il dolore è ovviamente enorme - commenta Sergio Finato, sindaco di Cavalese - per le vite perse e per le famiglie coinvolte che saranno accompagnate per sempre da questo evento. Una ferita che resta anche nella comunità. E' importante, però, non dimenticare per rispetto delle vittime: si deve portare avanti la memoria di quanto avvenuto".

 

E mercoledì una delegazione si recherà in Piemonte, il sindaco, Giovanni Zanon (commissario della comunità territoriale), Raffaele Vanzo (presidente del Consiglio comunale) e un vigile con il gonfalone di Cavalese. "Ci mettiamo a disposizione per qualsiasi supporto al fine di rendere meno doloroso questo difficile momento e aiutare la comunità a elaborare questo dramma per poter ripartire: ci vuole tempo e tanta forza per superare questo periodo", conclude Finato.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 2 agosto 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 agosto - 10:37
Prosegue senza sosta il lavoro del contingente trentino tra riunioni di coordinamento, attività di prevenzione e pattugliamento [...]
Cronaca
03 agosto - 19:25
La consigliera di Fratelli d'Italia: “La conversione del bocciodromo di Sarche di Madruzzo in palestra polivalente sarà finalmente realtà”. [...]
Cronaca
04 agosto - 11:32
Negli ultimi giorni moltissimi cittadini hanno approfittato della possibilità di immunizzarsi attraverso il programma vaccinale dell’Azienda [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato