Contenuto sponsorizzato

Trentino, l'Rt cresce e arriva a 1.1 (in Alto Adige cala ancora, ora è il secondo più basso d'Italia). Provincia di Trento terza per terapie intensive occupate

Ancora non sono ufficiali le classificazioni per colori anche se Repubblica inserisce le due provincie autonome in zona rossa (Bolzano lo sarà comunque per decisione di Kompatscher, fino al 15 marzo). Intanto emergono i dati sull'Rt. Per il Trentino rischio ''moderato ad alta probabilità di progressione'' per l'Alto Adige seconda settimana con Rt da ''zona gialla'' e a un passo dalla zona bianca della Sardegna

Pubblicato il - 05 marzo 2021 - 17:02

ROMARisale leggermente l'Rt del Trentino (oggi all'1.1 mentre la scorsa settimana era all'1.06) mentre scende ancora quello dell'Alto Adige eppure da indiscrezioni entrambe le provincie potrebbero finire in zona rossa. Bolzano, in realtà, già c'è e ci resterà fino almeno al 15 marzo come da ordinanza del presidente Kompatscher di qualche settimana fa. Il tutto nonostante per la seconda settimana consecutiva il dato dell'Rt sia sotto quota 1 e questa settimana addirittura il secondo più basso d'Italia (0.75), secondo solo alla ''zona bianca'' Sardegna 0.67). 

 

A fare la differenza, però, per la prima volta potrebbe essere il tasso di positivi ogni 100.000 abitanti che, potrebbe cambiare il paradigma della prevenzione visto che l'Rt si basa su dati di due settimane prima mentre l'incidenza è attuale. E se il limite prefissato per la zona rossa fosse quello dei 250 contagi ogni 100.000 abitanti sia Trento che Bolzano risulterebbero essere sopra i 500 (per l'Europa da tre settimane siamo rosso scuri). Questo quanto sostiene Repubblica ma nelle prossime ore si avranno informazioni certe. Stando all'Rt il Trentino dovrebbe confermarsi in zona arancione e l'Alto Adige in zona gialla (anche se, come già detto, è comunque rossa per decisione politica e di tutela dei cittadini).

 

Ci sono poi le terapie intensive sotto pressione in 11 regioni e province autonome. La soglia critica, fissata al 30% di ricoveri in terapia intensiva dal ministero della Salute, per l'occupazione dei posti letto da parte di pazienti con Covid-19 vede in crisi, secondo i dati dell'Agenzia per i servizi sanitari (Agenas), l'Umbria con il 58%, il Molise al 54% e la Provincia di Trento (51%). 

 

Per quanto riguarda i dati generali cresce l'Rt in Italia e passa dallo 0,99 della scorsa settimana a 1,06. "Si conferma per la quinta settimana consecutiva un peggioramento nel livello generale del rischio - si legge nella bozza del monitoraggio dell'Iss e del ministero della salute -. Aumenta il numero di Regioni classificate a rischio alto (sono sei - Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia-Giulia, Lombardia e Marche). Ben nove Regioni sono classificate a rischio moderato".

 

''L’incidenza nazionale -prosegue il testo dell'Iss - nella settimana di monitoraggio, quindi, si allontana da livelli (50 per 100.000) che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale dell’identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti e anzi si avvicina alla soglia di 250 casi per 100mila abitanti. Nel periodo 10 – 23 febbraio l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,06 (range 0,98– 1,20), in aumento rispetto alla settimana precedente e sopra uno per la prima volta in sette settimane''.

 

''Il tasso di occupazione - aggiunge la bozza - in terapia intensiva a livello nazionale è complessivamente in aumento (26% vs 24% della scorsa settimana). Il numero di persone ricoverate in terapia intensiva è in aumento da 2.146 (23/02/2021) a 2.327 (02/03/2021); anche il numero di persone ricoverate in aree mediche è in aumento, passando da 18.295 (23/02/2021) a 19.570 (02/03/2021)''.

 

Ecco il quadro regione per regione degli Rt puntuali:            
Abruzzo, 0,96 (classificazione del rischio alta)
Basilicata, 1.16 (moderata)
Calabria, 0.81 (moderata ad alta probabilità di progressione)
Campania, 0.96 (alta con molteplici allerte di resilienza)
Emilia Romagna, 1.13 (alta)
Friuli Venezia Giulia, 0.92 (alta)
Lazio, 0.98 (moderata)
Liguria, 0.96 (moderata);
Lombardia, 1.13 (alta);
Marche, 1.08 (alta);
Molise, 1.66 (moderata ad alta probabilità di progressione);
Piemonte, 1.15 (moderata ad alta probabilità di progressione);
Provincia di Bolzano, 0.75 (moderata);
Provincia Trento, 1.1 (moderata ad alta probabilità di progressione);
Puglia, 0.93 (moderata ad alta probabilità di progressione);
Sardegna, 0.67 (bassa);
Sicilia, 0.79 (moderata);
Toscana, 1.18 (moderata ad alta probabilità di progressione);
Umbria, 0.79 (moderata ad alta probabilità di progressione);
Valle d'Aosta, 1.21 (moderata ad alta probabilità di progressione);
Veneto, 1.08 (moderata ad alta probabilità di progressione) 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
22 aprile - 13:00
L'altra questione posta all'attenzione del presidente del Consiglio Draghi riguarda i gettiti fiscali arretrati derivanti anch'essi dal Patto di [...]
Ambiente
22 aprile - 13:25
Negli scorsi giorni sono state trovate morte centinaia di api nella zona di Caldonazzo, da qui viene evidenziata la necessità di accelerare [...]
Politica
21 aprile - 17:17
In totale sono stati 211 i contadini che sono riusciti a inoltrare domanda, 185 dei quali residenti in val di Non. Alessio Manica ha depositato una [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato