Contenuto sponsorizzato

Vaccini anticovid, l'Ordine degli Infermieri: ''Adesione alta ma ora è importante accelerare gli approvvigionamenti e le forze in campo''

L’Ordine sta sostenendo e facilitando tutti gli infermieri mettendo a loro disposizione una selezione di informazioni valide sui vaccini e sta monitorando anche i canali social, per intercettare eventuali posizioni no vax fra gli iscritti e fornire in questo modo informazioni sulla sicurezza e la validità della vaccinazione

Pubblicato il - 10 January 2021 - 09:24

TRENTO. “Adesione alta degli infermieri alla vaccinazione e in costante aumento. E' un atto di responsabilità verso tutta la comunità”. Sono parole positive quelle che arrivano dal presidente dell'Ordine degli Inferimeri di Trento, Daniel Pedrotti in merito alla campagna di vaccinazione tra gli infermieri trentini.

 

L'obiettivo espresso ieri dal direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro, è quello di arrivare tra il 20 e il 25 gennaio alla completa copertura di tutto il personale sanitario presente.

 

Dalle fonti a disposizione ad oggi dell’Ordine, seppur non vi siano dati oggettivi, perché la rilevazione è in continuo progressione, l’adesione è alta e sta aumentando di giorno in giorno in base alle dosi di vaccino disponibili da somministrare al personale sanitario.

 

Gli infermieri in Provincia sono oltre 4.500. “L’infermiere, professionista intellettuale – ha spiegato Pedrotti - si pone domande, trova le risposte e questo processo permette un’adesione informata, consapevole e convinta alla vaccinazione trovando riscontro di dati scientifici solidi su sicurezza ed efficacia del vaccino”.

 

L’Ordine sta sostenendo e facilitando tutti gli infermieri mettendo a loro disposizione una selezione di informazioni valide sui vaccini e sta monitorando anche i canali social, per intercettare eventuali posizioni no vax fra gli iscritti. “Stiamo mettendo – chiarisce Pedrotti - a disposizione delle infermiere e degli infermieri documenti scientifici e informazioni valide provenienti da fonti autorevoli sul vaccino perché solo un'adesione informata, consapevole e convinta degli infermieri e di tutte le professioni sanitarie potrà consentire all'intera comunità trentina di superare la crisi che tante sofferenze sta apportando alla popolazione e tante difficoltà agli operatori. I dati di letteratura, solidi in termini di sicurezza ed efficacia del vaccino, siamo certi che aiuteranno ad un’adesione convinta anche chi può avere incertezze iniziali”.

 

L’Ordine, dal suo osservatorio, sta come già detto riscontrando un’alta adesione (o intenzione in quanto la campagna è appena iniziata) alla vaccinazione da parte delle infermiere e degli infermieri iscritti. “Ora è importante accelerare ancora di più, sia per quanto riguarda i quantitativi degli approvvigionamenti di vaccino, sia per quanto riguarda le forze in campo per sostenere la campagna vaccinale” spiega il presidente dell'Ordine degli Infermieri ribadendo che “Servono impegno e responsabilità di tutti per trasformare una straordinaria conquista della scienza in concreti risultati di salute pubblica”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 settembre - 06:01
I tagli degli scorsi anni al sistema sanitario sono stati un fallimento con conseguenze drammatiche ed ora questa situazione va a sommarsi alle [...]
Cronaca
19 settembre - 19:38
Trovati 19 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 17 guarigioni. Sono 16 i pazienti in ospedale, di cui 2 ricoverati in [...]
Montagna
19 settembre - 20:25
I dati tra il 19 giugno e il 16 settembre non sono ancora ufficializzati perché si attende la conclusione della stagione, molti rifugi sono [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato