Contenuto sponsorizzato

''Ho preso il Covid perché ho voluto prenderlo per poter lavorare'', ora Melandri fa retromarcia: ''Una battuta ironica'' (VIDEO). Ieri era alla manifestazione 'No green pass''

L'ex pilota di MotoGP  nelle scorse ore in una intervista aveva spiegato di aver contratto il virus per necessità: "Non considero il vaccino un'alternativa valida". Poi su Instagram con un video fa retromarcia: “Era una frase ironica, mai farei qualcosa di simile di proposito”

Pubblicato il - 16 January 2022 - 09:44

TRENTO. “Per una battuta ironica è uscita una tempesta. Mi spiace ma non lo ho contratto volontariamente e non sono stato a contatto con un positivo...Scherzando dissi: se sarò positivo sarà per necessità così avrò il green pass”.

 

Dopo la bufera che lo ha travolto nelle scorse ore (QUI L'ARTICOLO) l'ex pilota di MotoGp e Superbike, Marco Melandri ha deciso di fare marcia indietro usando un video che ha pubblicato sulla propria pagina Instagram.

 

Non sarei mai andato da qualche parte con qualcuno per contagiarmi, né lo avrei mai consigliato al peggior nemico. Ormai ci sono dentro, mi dispiace se le mie parole sono state mal interpretate” spiega nel video.

 

 

 

 

Un intervento che è arrivato dopo le parole del sottosegretario all'Interno Carlo Sibilla che ieri pomeriggio aveva annunciato che "le forze dell'ordine verificheranno l'accaduto. Al di là dei profili penalistici su cui valuterà l'autorità giudiziaria, il comportamento e il messaggio sono senza dubbio indegni e pericolosi".

 

Melandri aveva già reso nota la sua posizione, con interventi sui social contro le iniziative del governo per frenare la pandemia e ieri ha partecipando ad una manifestazione 'No green pass' e 'No vax' a Milano. "Dobbiamo dare la libertà ai ragazzi di fare sport, non possiamo negarglielo — ha detto dal palco nel corso della manifestazione no vax e no green pass — Voglio guardare mia figlia in faccia. Ho deciso di espormi perché non ho più nulla da perdere" e ancora "C'è razzismo, chi ha la tessera verde è bravo, chi non ce l'ha è cattivo. Mia figlia deve essere libera di vivere", ha concluso Melandri. 

 

LA VICENDA

"Ho preso il Covid perché ho cercato di prenderlo e, al contrario di molti vaccinati, per contagiarmi ho fatto una fatica tremenda" sono le parole usate nell'intervista rilasciata da Marco Melandri al magazine Men On Wheels. (QUI L'ARTICOLO)

 

L'ex pilota MotoGp e Superbike, ha rilasciato una dichiarazione shock. "Ho fatto apposta - ha detto - per potere essere in regola almeno per qualche mese e non è stato nemmeno facile. Mi sono dovuto contagiare per necessità, dovendo lavorare e non considerando il vaccino un'alternativa valida".

 

Parole che hanno immediatamente scatenato i social e non solo con numerose critiche. "Sono già negativo da un po' di tempo - ha spiegato ancora Melandri - ma chi non ha il Green pass deve comunque rimanere in castigo per dieci giorni. Se non mi avesse chiamato un ragazzo per dirmi che era positivo dopo essere stato a contatto con me non me ne sarei nemmeno accorto. Conosco molte persone con due dosi che provano a infettarsi per evitare la terza. Comunque per me il Green pass era e rimane un ricatto. Lo userò solo per lavoro e se devo accompagnare mia figlia. Sono disposto a utilizzarlo solo per lo stretto necessario".

 

L'ex pilota inoltre ha sfoderato tutta la retorica dei no vax tra l'incertezza sui vaccini, l'inattendibilità del numero dei morti ed ha preso anche le difese di Nole Djokovic

 

L'INTERVENTO DI TRENTINO MARKETING

Ambasciatore di Trentino Marketing e raffigurato spesso con il cappellino marchiato della società provinciale di promozione turistica, Melandri è già stato annunciato ai nastri di partenza della prossima Marcialonga in val di Fiemme.

 

Dopo le parole dell'ex pilota ieri è intervenuto Maurizio Rossini, amministratore di Trentino Marketing: "L'accordo con Marco Melandri è scaduto nelle scorse settimane e il rinnovo non è in agenda".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 maggio - 20:51
Il 54enne Enrico Giovannini è precipitato mentre tentava di raggiunge la cima Presanella, Barbara De Donatis, di soli 29 anni, è morta per un [...]
Cronaca
22 maggio - 20:31
All'alba era partito con ramponi e piccozza, oltre agli sci agganciati allo zaino, per raggiungere la vetta con l'amico Andrea Bonn. Era molto [...]
Cronaca
22 maggio - 16:45
In alcuni casi oltre alla pioggia è arrivata anche la grandine che nella zona di Folgaria e Lavarone ha raggiunto le dimensioni di una pallina da [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato