Contenuto sponsorizzato

Peste suina africana, dall'azienda trentina Gpi arriva l'app per monitorare il territorio e segnalare le carcasse con fotografie e geolocalizzazione automatica

L'app è acquistabile da Regioni, istituti zooprofilattici, aziende sanitarie e Comuni, che a loro volta possono metterla a disposizione di cacciatori, operatori forestali o escursionisti per creare una vera e propria rete di segnalazioni sul territorio

Di Filippo Schwachtje - 26 January 2022 - 12:43

TRENTO. L'app si chiama “Soverglianza passiva” ed è la strumento realizzato dal gruppo Gpi per segnalare facilmente alle autorità gli animali che vengono trovati morti sul territorio a causa della peste suina africana. Come ha spiegato a il Dolomiti il professor Ferroglio direttore della Scuola di Agraria e Medicina veterinaria dell'Università degli Studi di Torino (Qui Articolo), dopo i ritrovamenti di diverse carcasse risultate positive al virus tra Piemonte e Liguria (Qui Articolo), in questa fase il monitoraggio del territorio è una componente fondamentale per cercare di circoscrivere il contagio e ridurre la possibilità di fuoriuscita. Un'ipotesi che, anche in Trentino, ha portato gli allevatori ad alzare il livello d'allerta (Qui Articolo). 

 

Ed è proprio in questa direzione che si è mosso Gpi, mettendo a punto un'app che, come spiega il gruppo: “E' acquistabile da parte di enti pubblici come Regioni, istituti zooprofilattici, aziende sanitarie e comuni”. A loro volta poi, questi soggetti potranno “metterla a disposizione di tutte le persone che frequentano abitualmente ambienti rurali (cacciatori, operatori forestali o escursionisti) e che potenzialmente possono rinvenire carcasse o resti di animali”.

 

Un modo insomma per costruire una rete sul territorio, in grado di collaborare per segnalare al più presto possibili situazioni di rischio. “Per mezzo di questo strumento – continua Gpi in una nota – l'utilizzatore con pochi e semplici passaggi è in grado di effettuare una segnalazione completa della geo-localizzazione (automatica) del sito di rinvenimento e fornire le foto realizzate sul luogo del ritrovamento. Le segnalazioni così raccolte vengono recepite dai servizi competenti tramite apposito applicativo, parte integrante della fornitura dell'app”.

 

“In questo momento – aveva spiegato il professor Ferroglio – a mio parere è fondamentale da un lato evitare una sorta di 'malattia mediatica' e dall'altro mettersi piuttosto al lavoro per segnalare tutte le carcasse di cinghiali sul territorio, per delimitare al meglio l'area colpita e bloccare sul nascere eventuali fuoriuscite del virus”. E proprio per questo una soluzione simile a quella sviluppata da Gpi è stata attivata anche da un consorzio di ricerca finanziato dall'Autorità europea per la sicurezza alimentare. “Statisticamente – aveva sottolineato Ferroglio – per ogni carcassa trovata positiva al virus ce ne sono altre 32 che non vengono individuate, quindi è fondamentale agire ora”.

 

“Il nostro team – ha detto Marco Gambarini, responsabile dell'Area veterinaria del gruppo Gpi – si occupa di sanità pubblica veterinaria da più di trent'anni, sviluppando soluzioni informatiche all'avanguardia, con uno sguardo alle esigenze presenti e future dei nostri clienti. Con questo spirito, anche questa volta, vogliamo dare il nostro contributo mettendo a disposizione una soluzione mobile che faciliti le segnalazioni del territorio verso le istituzioni”.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 13 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 maggio - 17:15
Sono stati trovati 81 positivi a fronte di 589 tamponi. Zero decessi nelle ultime 24 ore. Sono 54 i pazienti ricoverati in ospedale
Cronaca
16 maggio - 16:27
I militari della stazione di Corvara in Badia, in collaborazione con personale della polizia municipale di quel comune, hanno effettuato nella [...]
Cronaca
16 maggio - 15:37
La polizia locale del capoluogo ha elaborato un piano straordinario della viabilità. Ecco i principali provvedimenti in previsione del concerto di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato