Contenuto sponsorizzato

Il presidente di Itas: "Mai subito nessun ricatto". Il cda: "Piena solidarietà a Di Benedetto"

Dopo che è emerso che il direttore (ormai ex dopo le dimissioni) Grassi sarebbe indagato per truffa, calunnia ed estorsione ai danni del presidente è proprio Di Benedetto a prendere posizione: "Se qualcuno mi ha 'seguito' si sarà accorto che cammino con i piedi per terra schiena dritta e fronte alta"

Il presidente di Itas Di Bendetto
Di Luca Pianesi - 13 April 2017 - 18:51

TRENTO. Itas è compatta e si stringe al suo presidente, Giovanni Di Benedetto, al quale il consiglio di amministrazione, riunitosi ieri in seduta straordinaria, all'unanimità ha manifestato la sua più completa solidarietà. Non solo: Itas spiega che sin da subito ha offerto la sua più ampia collaborazione alla magistratura "verso la quale c'è la più totale fiducia" e che si è "altresì costituita immediatamente come parte lesa". Parte lesa di una vicenda i cui contorni sono ancora tutti da definire. L'accusato, va detto, non è Di Benedetto ma l'ex direttore di Itas, Ermanno Grassi, Per lui gli inquirenti parlano di estorsione, truffa, calunnia con un giro di soldi enorme che si sarebbe tradotto in benefit, auto di lusso, borse, abiti griffati e assunzioni "discutibili". 

 

E dietro a parte di questo giro di denaro (gli inquirenti parlano di 392 mila euro di bonus) ci sarebbe un ricatto fatto allo stesso presidente da parte di Grassi. Ricatto scattato (sempre secondo l'accusa) dopo che aveva messo sulle tracce del suo presidente un investigatore privato (da qui l'accusa di estorsione). Ricatto che Di Benedetto definisce "destituito di ogni fondamento". "Se qualcuno mi ha 'seguito' - afferma il presidente - si sarà accorto che cammino con i piedi per terra schiena dritta e fronte alta. Conseguentemente ogni illazione su ogni mia presunta 'ricattabilità' è destituita di fondamento. Voltiamo quindi la triste pagina di ieri - aggiunge Di Benedetto - da rileggere nella sua portata oggettiva a conclusione dei lavori della magistratura. Riprendiamo da oggi con la stessa determinazione e impegno al servizio della comunità e dei nostri soci assicurati. Gli storici valori di mutualità, onestà e trasparenza vanno e saranno salvaguardati sempre a favore e nell’interesse della grande famiglia dell’Itas".

 

Per l'accusa Grassi avrebbe anche usato in maniera impropria il fondo destinato ai gadget aziendali: 430 mila euro "investiti" in abiti griffati, borse, oggetti di valore. E ancora un viaggio fatto a Palma di Maiorca con volo privato messo sul conto dell'Itas e il lavoro dato all'ex moglie con un contratto che non avrebbe previsto nemmeno l'obbligo di presenza in ufficio. Ci sarebbero le due Porsche acquistate da una società che fatturava a Itas per la sponsorizzazione delle vetture di lusso e il rifacimento di un mega attico in Piazza Silvio Pellico (ristrutturazioni del valore di 600 mila euro) fatto a spese della compagnia. E quindi si arriva alla calunnia, ipotesi che si riferisce a un contenzioso con un'ex dipendente accusata dallo stesso Grassi di aver usato oltre 400 mila euro. Tutte accuse da provare e da dimostrare. Intanto l'unico risultato immediato è quello delle dimissioni di Grassi "accettate - sempre ieri mattina dal Cda di Itas - con effetto immediato, attivando le procedure di legge". La palla adesso torna alla magistratura che in un anno e mezzo di indagini pare sia in possesso di molto altro materiale. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 26 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 maggio - 19:13
Se da una parte i negozianti lamentano un calo della clientela nei giorni del concerto, a causa anche delle strade chiuse e [...]
Società
28 maggio - 19:02
La 37enne di Arco Francesca Morghen realizza prodotti con le copertine della celebre rivista, con cui ora è nata una collaborazione. Le [...]
Cronaca
28 maggio - 18:28
Da metà pomeriggio sono in azione i corpi dei vigili del fuoco in gran parte del territorio. A Trento, in via Brescia, un'auto è rimasta bloccata [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato