Contenuto sponsorizzato

Eva Klotz di nuovo a processo per il manifesto che 'spazzava' via il tricolore

Dopo la condanna di primo grado e l'assoluzione di secondo grado, la Cassazione annulla la sentenza e chiede un nuovo processo. I fatti risalgono al 2010

Pubblicato il - 28 ottobre 2017 - 10:55

BOLZANO. Ci vorrà un decennio per stabilire se la scopa che spazza via il tricolore lasciando soltanto il bianco e il rosso della bandiera tirolese è vilipendio oppure legittima libertà di espressione. Eva Klotz e i suoi compagni di partito, denunciati nel 2010, dovranno affrontare un nuovo processo.

 

Quei manifesti affissi dai Süd-Tiroler Freiheit in tutto il Südtirol. Alla conferenza stampa la pasionaria della secessione si presentò con una scopa di saggina in una mano, nell'altra il cartello con su scritto: "Auf Italien kann Süd-Tirol verzichten".

 

Quei manifesti, ovviamente, furono portati in tribunale e il primo giudice condannò tutti a un'ammenda da 3 mila euro a testa. Poi venne la sentenza di secondo grado e in appello la sentenza fu annullata: "Libertà di espressione"

 

Questa pronuncia fece arrabbiare il procuratore capo Guido Rispoli che si disse "sconcertato". La Procura Generale si appellò alla Cassazione che nei giorni scorsi si è espressa annullando la sentenza di assoluzione. Il processo di appello, dunque, è da rifare: "Sono sconcertata", si limita a commentare Eva Klotz.


 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 05:01

I sindacati Cgil, Cisl e Uil: "Chi chiedeva trasparenza e azioni concrete per contenere il contagio veniva accusato, mentre in realtà voleva solo preservare il territorio. Com'è che diceva il presidente Maurizio Fugatti? 'E poi si tira la riga e si vede il risultato'. Eccolo purtroppo". Zanella (Futura): "Giudizio impietoso. E non interessa del personale al collasso, mica c'è lui a riorganizzare e farsi turni massacranti"

06 marzo - 20:03
Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 4 decessi. Sono 84 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
06 marzo - 20:03

L'estate scorsa ci sono voluti 40 giorni in più rispetto agli altri anni per dare semaforo verde a questo servizio fondamentale e in quel lasso di tempo erano, purtroppo, morte affogate nei laghi trentini quattro persone. Questa volta si è giocato in anticipo, già disposto il dislocamento estivo dei sub direttamente all'eliporto Caproni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato