Contenuto sponsorizzato

Il golf va in buca a Rovereto? Si scatena il polverone e c'è il rischio "sabbie mobili" del conflitto d'interesse

Il Comune di Rovereto ha deliberato per incassare il finanziamento da 2 milioni e 200 mila di euro della Comunità della Vallagarina

Di Luca Andreazza - 25 novembre 2017 - 16:28

ROVERETO. Il golf va in buca a Rovereto o almeno ci prova. Dopo quasi sette ore di consiglio comunale è arrivato il via del Comune per incassare 2 milioni e 200 mila euro dalla Comunità della Vallagarina. Un importo che deriva dal Fondo strategico territoriale per queste risorse che hanno un destinatario e un obiettivo ben preciso: la riqualificazione dei Lavini. Un piano per il quale sono previsti a bilancio 2 milioni e 640 mila euro tra la valorizzazione della Ruina Dantesca, l'accesso alle orme dei dinosauri e la realizzazione del campo da golf da nove buche.

 

Una decisione che però pone diversi quesiti. Il primo viene messo in luce da Daniele Bertè, consigliere della circoscrizione Sud di Rovereto (ex Lega), e riguarda la figura di Roberto Bettinazzi.

 

"Bettinazzi è consigliere del direttivo del Golf club Rovereto - spiega - ma anche consigliere nel Comune di Rovereto e assessore allo sport e edilizia abitativa pubblica agevolata per la Comunità della Vallagarina, che ha trovato i fondi di 2 milioni e 200 mila euro del tesoretto del Fondo strategico territoriale".

 

"Il consigliere e assessore - aggiunge Bertè - era presente anche ai diversi incontri per difendere l'idea dell'investimento nel campo da golf".

 

Un concetto ribadito anche da Paolo Vergano, consigliere nel Comune di Rovereto targato Movimento 5 stelle. "E' una persona schiva, parla poco in consiglio, direi quasi mai - evidenzia - se non quando si trattano argomenti a lui particolarmente cari. Questo evidentemente lo era perché in questo caso ha preso la parola ben due volte distraendosi dal torpore serale. Probabilmente è tutto legale, anche se forse non è tanto elegante questo accumulo di cariche, non si è ancora parlato della realtà che prenderebbe in gestione il golf club, anche se viene naturale pensare a quelle associazioni che già possiedono il know-how e le competenze, proprio come quello di Rovereto".

 

Il golf viene visto in chiave turistica in grado di rilanciare il comparto, ma l'idea di vedere sorgere ai Lavini non piace. E si contesta soprattutto il metodo della maggioranza che non è mai riuscita a coinvolgere aula e cittadini. "Si è fatto tutto in gran segreto - contesta il pentastellato - senza trasparenza. A gennaio è stato convocato un workshop tra amministrazione e portatori di interesse, mentre nessuno ha pensato di coinvolgere i cittadini. La maggioranza ha imposto questo progetto in sordina, dopo mesi di voci di corridoio si sono presentati in consiglio ormai a giochi fatti".

 

Ma non sarebbe tutto. "Non solo il dibattito pubblico è mancato - prosegue il 5 stelle - ma questo studio di fattibilità è troppo vago: mancano indicazioni sul business plan, previsione di indotto e costi di gestione, ma nel frattempo è stato modificato il piano urbanistico e il Comune. Riqualificazione significa tutto e niente, è stato firmato un assegno in bianco che può inoltre portare alla speculazione edilizia: non bastano campo e club house, ma il golf necessita di un'importante infrastrutturazione tra residenziale e hotel. Inoltre gli ettari a disposizione non sembrano sufficienti, mentre il golf club di Folgaria è vicino, si rischia di disperdere l'offerta danneggiando entrambi i centri".

 

L'intenzione, quindi, è portare il campo da golf in zona Lavini. Una scelta in contrasto rispetto alle altre amministrazioni comunali in Vallagarina "Tutti i Comuni - dice il consigliere del Movimento 5 Stelle - hanno rivolto i loro pensieri alla mobilità dolce tramite progetti inter-comunali. Rovereto, il fulcro di tutti i problemi di viabilità, invece va per conto suo, fuori contesto".

 

L'unica certezza è che la zona dei Lavini versa in stato di degrado. "Sicuramente - conclude Vergano - la situazione è delicata, ma il golf non è una soluzione ottimale. Il futuro sono piste ciclabili e percorsi escursionistici, ma anche la capacità di valorizzare la Ruina e le orme dei dinosauri. E' necessario fare rete tra musei, anche per rilanciare il comparto delle cultura".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 20:13

Ci sono 127 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 12 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 222 positivi a fronte dell'analisi di 2.861 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,6%

30 ottobre - 18:15

La misura introdotta per evitare assembramenti: l’1 e il 2 novembre i cimiteri di tutto il Trentino rimarranno chiusi. Fugatti: “L’azienda sanitaria ci segnala un rischio aumento dei contagi sugli anziani, una settimana dopo le feste di Ognisanti”

30 ottobre - 20:57

Questi alcuni commenti durante la diretta della Provincia per aggiornare il territorio sulla situazione epidemiologica. Rossi (Patt): "Fugatti deve dissociarsi subito e anche prendere provvedimenti altrimenti vuol dire che condivide"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato