Contenuto sponsorizzato

Parte l'iter della manovra finanziaria. ''Prospettiva di crescita tra l'1,6 e l'1,7%''

La Prima commissione ha iniziato l'analisi del testo. Ugo Rossi ha illustrato i punti salienti: "Aumentano fatturato ed esportazioni, ottima performance nel turismo e nel commercio e c'è il segno più anche nel consumo delle famiglie"

Pubblicato il - 20 novembre 2017 - 19:57

TRENTO. L'iter della manovra finanziaria entra nel vivo. Ieri la Prima commissione, presieduta da Mattia Civico, ha iniziato l'analisi delle tre leggi che la compongono: bilancio di previsione, collegata e legge di stabilità.

 

L'illustrazione di Ugo Rossi è partita dal contesto socio economico che per il governatore "mostra segni positivi". "La situazione economica è migliorata - ha spiegato - e ci si approccia al bilancio con una prospettiva di crescita tra l'1,6 e l'1,7%. Percentuali prudenziali - ha specificato - anche se la variazione di bilancio che andrà in aula a fine novembre indica prospettive ancora più positive per la crescita".

 

Rossi ha evidenziato la ripresa del fatturato e delle esportazioni, confermata anche dalla Banca d’Italia, l'ottima performance nel turismo e nel commercio e in generale nel terziario. "C’è un più anche nel consumo delle famiglie - ha spiegato il governatore - anche se permane una propensione al risparmio radicata, che indica che permangono timori per il futuro".

 

Anche il tasso di occupazione aumenta e colloca il Trentino in cima alle classifiche e ai livelli dei migliori paesi europei. Stessa cosa per la disoccupazione, anche se quella femminile e giovanile permane ancora elevata.

 

"Aumentano gli investimenti fissi delle imprese - ha ricordato Rossi - soprattutto sull’innovazione. Ne è un esempio concreto la recente pubblicazione del bando per le piccole medie imprese che ha dato ottime risposte: su 18 milioni di contribui per 100 milioni di investimenti, il numero delle domande è stato il doppio delle disponibilità".

 

Date queste premesse la manovra 2018 apre quindi il campo agli investimenti, "soprattutto per migliorare la competitività delle imprese dal punto di vista del fattore umano e tecnologico, mantenendo la coesione sociale e ambientale".

 

Autobus ogni ora in tutte le valli. "La manovra - ha detto inoltre Rossi - dà la possibilità di avviare un piano straordinario sulla mobilità per dotare il Trentino un servizio di trasporto pubblico. Trentino Trasporti è al lavoro coinvolgendo la parte privata, puntando ad un potenziamento dell’occupazione anche in settori innovativi del trasporto dall’elettrico al car sharing".

 

Per le aziende sgravi fiscali per 200 milioni. Dal punto fiscale si conferma il pacchetto di sgravi per le aziende del 2017 e si valuta, con un emendamento, di intervenire sull’Imis per le categorie di fabbricati per attività produttive esclusi dallo sconto che sono al di sotto di una rendita catastale di 75 mila euro.

 

Sulla ricerca ci sono le conferme sul funzionamento della macchina ma si potenzieranno alcuni settori di ricerca, in particolare in progetti euroregionali. Stabilità nella manovra 2018 anche nel finanziamento dell’ateneo e borse di studio e i piani di accumulo.

 

Sul turismo, assestato il tema della tassa di soggiorno, il piano di miglioramento punta alla destagionalizzazione e ci sono risorse per bando di riconversione delle stazioni sciistiche con bandi, aperti a tutti i territori, per progetti innovativi. Trentino sviluppo, ha detto Rossi, potrà essere in grado di intervenire per finanziare infrastrutture alternative alle infrastrutture sciistiche.

 

Sull’agricoltura si punta alla diffusione delle varietà resistenti e il biologico e infrastrutture per la gestione dei fitosanitari e per migliorare la gestione delle risorsa acqua. Sull’edilizia abitativa, invece,  ci sono 20 milioni di euro che si aggiungono alle agevolazioni fiscali nazionali per sostenere l’abbellimento e la ristrutturazione degli esterni".

 

Lavori, questi,  che saranno finanziati solo se verranno utilizzati materiali locali. Sulle politiche della prima casa c’è la proposta per ridurre le difficoltà che giovani coppie e famiglie incontrano nell’accesso al mutuo agendo sulle garanzie.

 

Gli interventi Itea sulla qualificazione energetica vanno avanti e nei primi mesi dell’anno verrà varato un piano quinquennale per incrementare il patrimonio pubblico e sono confermati gli interventi sull’abbattimento dei canoni di affitto. "Questa manovra sull’edilizia - ha sottolineato Rossi -  può dare un’accelerazione al settore delle costruzioni ancora in sofferenza".

 

Attenzione anche all'ambiente: "Vanno avanti gli interventi sulla riqualificazione del paesaggio, anche sulla fruibilità di aree boschive. Su questo le imprese forestali potranno costituire lotti minimi, mettendo assieme i privati, per semplificare l’attività burocratiche".
 

Per quanto riguarda il lavoro, l'obiettivo è quello di garantite le risorse per il Progettone e rifinanziare il nuovo piano dell’Agenzia del lavoro: "Vanno cercate soluzioni innovative anche aprendo bandi alle imprese, soprattutto sociali, per mettere in campo iniziative economiche, come i piccoli negozi, i servizi postali o il trasporto di collegamento di piccole frazioni. Si tratta - ha spiegato il presidente -  di mettere in piedi start-up organizzative per impiegare i lavoratori del Progettore in nuovi lavori sociali".

 

Per il sociale c’è il tema dell’assegno unico nel quale confluiranno gran parte delle misure sociali e di riduzione fiscale. Per la scuola sono messe a bilancio le risorse per la trattativa del contratto per gli insegnanti, per il miglioramento delle disponibilità per i Bes e per l'incremento delle risorse per le mense.

 

Un aumento della spesa corrente legata alla scuola sui 5 giorni ma che può portare ad un incremento dell’occupazione. Si introduce una maggiore flessibilità sugli ambiti e premi per chi si ferma per cinque anni nelle sedi di titolarità. Premi anche per i docenti che si impegnano su progetti innovativi e si prevede un concorso per titoli per chi ha lavorato per almeno tre anni nelle scuole provinciali e paritarie.

 

Sulle politiche sugli anziani, ci sono 5 milioni in più e vanno ad aggiungersi ai budget delle comunità di valle legate all'introduzione di Spazio argento. Nel bilancio ci sono risorse per l’assistenza sanitaria sul territorio.

 

Cultura e sport, si punta sui distretti culturali e sportivi con attenzione per l’adunata degli alpini che rappresenta un appuntamento importante per il Trentino. Sui giovani la novità e lo sportello giovani e l’incremento di risorse per il servizio civile. Novità sono previste anche per il Consiglio provinciale dei giovani.

 

Per i comuni e comunità confermati i trasferimenti e c’è un’apertura per il personale e ci sono risorse per l’assunzione e la formazione di agenti di polizia locale. Ci sono poi 40 milioni per la gestione del patrimonio e un fondo per la gestione delle mense scolastiche.

 

Sul funzionamento della macchina pubblica si affronta il tema del ringiovanimento del personale: si assumeranno giovani in formazione lavoro, in collaborazione con i comuni, e si affronterà il tema dei prepensionamento e la stabilizzazione dei precari. Si farà un’analisi di tutti i bisogni della funzione pubblica per individuare criteri per la stabilizzazione e i prepensionamenti.

 

Individuati i criteri si potranno calibrare anche gli incentivi per i prepensionamenti. Infine, il presidente della Giunta ha ricordato che le spese di funzionamento Pat si sono ridotte di circa il 10% a testimonianza che il piano di miglioramento ha prodotto risultati importanti.

 

Sul tema delle gelate della primavera scorsa Rossi ha detto che la Pat è disposta a versare ulteriori risorse ma nei regolamenti si chiederà un minimo di impegno anche da parte dei datori di lavoro. Sul modello del fondo di solidarietà istituito la scorsa legislatura.

 

Per il terzo settore la manovra prevede per le urgenze ci si svincoli dalle gare. Si pensi, ha detto Rossi, ai casi di violenza, dove la risposta non può rincorrere le logiche ella gara. Sull’accreditamento si prorogano le convenzioni in essere e si introduce l’istituto della coprogettazione per individuare servizi fuori dalla logica dell’appalto.

 

Questi, in sintesi, i punti salienti della manovra finanziaria che Rossi ha illustrato ai consiglieri riuniti in commissione. Successivamente gli interventi sono stati soprattutto richieste di approfondimento sulle cifre e sulle strategie. 

 

L'analisi proseguirà nelle prossime sedute e le tre leggi che compongono la manovra finanziaria arriveranno in aula del Consiglio provinciale nelle sessioni di dicembre.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 settembre - 15:43

Dopo la presa di posizione del Patt provinciale la coalizione che sostiene Malfer perde pezzi: “La storia personale e sensibilità politica di una buona parte delle persone del gruppo non acconsente al tentativo di trovare un accordo programmatico con tutto il Centrodestra”. La firmataria dell’apparentamento Bazzanella: “A volte le scelte non sono semplici”

26 settembre - 16:34

Il bambino positivo frequenta la scuola elementare Pestalozzi di Bolzano. Venerdì 25 settembre, invece, è stato individuato un focolaio nella scuola superiore Gandhi di Merano che rimarrà chiusa in via precauzionale per le prossime due settimane

26 settembre - 12:03

Lo schianto è stato violentissimo, è successo a Cogolo del Cengio. L'amico che si trovava in auto assieme è stato trasportato in gravissime condizioni in ospedale 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato