Contenuto sponsorizzato

Elezioni, Luca Zeni: ''Uniti si poteva giocare la partita fino in fondo", Paolo Zanella: ''Giornata triste per il Trentino"

“Il M5S c’è. Senza fare alleanze, incassare grossi finanziamenti per la campagna elettorale e avere il sostegno dei media siamo riusciti a confermare sostanzialmente i consensi in Alto Adige e ad aumentare quelli in Trentino” è invece il commento sul risultato ottenuto dal Movimento 5 Stelle in Trentino e Alto Adige da parte del ministro Riccardo Fraccaro

Pubblicato il - 22 ottobre 2018 - 20:37

TRENTO. “Rimane il rammarico per un percorso che ha agevolato questo esito, facendo perdere credibilità a tutto il centrosinistra. Uniti si poteva giocare la partita fino in fondo: la responsabilità di aver scelto la via dei personalismi e della frammentazione è enorme”. Luca Zeni, rieletto oggi consigliere provinciale del Pd, commenta in questo modo nella propria pagina facebook il risultato di queste elezioni.

 

Parla di un “risultato netto” ed è giusto che “chi vince le elezioni possa governare senza scuse”. L'ex assessore provinciale alla Salute, si complimenta con Fugatti e la Lega che ora avranno la responsabilità delle scelte e del futuro della nostra comunità.

“Il Trentino si colloca dentro una corrente nazionale – spiega Zeni - che sta attraversando tutto l'Occidente; sono cambiati gli schemi interpretativi della realtà, e i partiti riformisti devono trovare nuove chiavi di lettura. Sarà il lavoro, duro, che dovremo fare nei prossimi anni, la ricostruzione prima di tutto di una cultura politica”.

 

Luca Zeni in queste elezioni è riuscito a portare a casa 2936 preferenze. “Non era scontato per me – spiega - avendo dovuto gestire alcune delle competenze più delicate (sanità e profughi su tutto), che sono state oggetto di forti strumentalizzazioni (e non mi consolerà di certo vedere che la demagogia di chi ha usato temi così delicati non avrà seguito nei fatti). Continuerò a lavorare con l'impegno di sempre, con una opposizione che sarà sempre nel merito e costruttiva”.

 

A mancare l'elezione è stato invece il candidato di Futura, Paolo Zanella che ha parlato di “giorno profondamente triste per il nostro Trentino”.

 

Per la prima volta il centrodestra prende le redini del governo provinciale. “Tutti sono giustamente preoccupati che i leghisti non ne siano in grado, perché mancano di cultura amministrativa e sappiamo cosa stanno combinando a Roma. Inoltre con Fugatti/Salvini è a rischio la nostra autonomia, lo strumento più prezioso che possediamo. Io sono però più preoccupato per altro”.

 

Per Zanella, la Lega che da oggi ci governerà “incarna una destra razzista, xenofoba, omofoba, misogina. Io mi sono candidato per questo, per portare avanti i valori di laicità, libertà e uguaglianza. Per difendere i diritti civili e sociali. Non ce l'ho fatta e di questo mi scuso con tutti e tutte quelli/e che ci hanno creduto. Avrei voluto fosse una vittoria collettiva, almeno questa, vista la debacle generale. Portare una voce resistente dentro il Consiglio era per me la cosa più importante oggi”.

 

Paolo Zanella afferma di “avere paura per il futuro”. “Credo sia normale – spiega - credo che chiunque tenga ai valori di uguaglianza, inclusione e solidarietà sia preoccupato. Ma abbiamo il dovere morale di andare oltre al paura. Di capire cosa si sia rotto nella nostra comunità, di dialogare con le persone, di ricostruire. Di resistere dentro e fuori dall'Aula”.

 

“Il M5S c’è. Senza fare alleanze, incassare grossi finanziamenti per la campagna elettorale e avere il sostegno dei media siamo riusciti a confermare sostanzialmente i consensi in Alto Adige e ad aumentare quelli in Trentino” è invece il commento sul risultato ottenuto dal Movimento 5 Stelle in Trentino e Alto Adige da parte del ministro Riccardo Fraccaro.  Un risultato, ha affermato, "che ci spinge a lavorare con rinnovato impegno per migliorare gli obiettivi. Ci rivolgeremo a chi non ci ha votato e a chi si è astenuto per spiegare le nostre idee per l’autonomia. Il centrodestra si presenta come un’accozzaglia di partiti e partitini, Pd e Forza Italia dimezzano i propri voti e le sedicenti forze autonomiste ne escono fortemente ridimensionate. Ora vedremo come governeranno. Il M5S, mantenendo la propria coerenza, entrerà nei Consigli provinciali con i suoi portavoce che terranno alta la bandiera del cambiamento. A loro - conclude Fraccaro - rivolgo l'auspicio di un proficuo lavoro sempre nell'interesse dei cittadini”.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 19:42

Se le opposizioni politiche sono subito intervenute per manifestare un grande sconcerto per il taglio da 5 milioni di euro, le associazioni sono uscite frastornate nel leggere il provvedimento. "Non vogliamo fare polemica - dice Anzi - ma la richiesta è quella di confrontarsi con l'assessore e il servizio perché la delibera lascia ancora molti aspetti da chiarire

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato