Contenuto sponsorizzato

Fugatti entra nella stanza dei bottoni, da oggi è ufficialmente il presidente della Provincia Autonoma di Trento

L'Ufficio elettorale circoscrizionale proclama gli eletti. Confermati i dati ufficiali, solo Savoi perde il seggio in favore di Cavada ma entrambi entreranno comunque in Consiglio provinciale

Di Donatello Baldo - 03 novembre 2018 - 11:51

TRENTO. Il nuovo presidente della Provincia Autonoma di Trento è da oggi, ufficialmente, Maurizio Fugatti. L'Ufficio centrale circoscrizionale ha ratificato l'esito del voto dopo un lungo e complesso lavoro di verifica. Sostanzialmente, i dati ufficiosi sono stati confermati.

 

La sola novità è in casa leghista: il candidato Gianluca Cavada per tre sole preferenze scavalca Alessandro Savoi, che così perde il seggio. Savoi sarà comunque ripescato in seguito alle dimissioni di una delle deputate elette che quasi sicuramente opterà per rimanere in Parlamento, liberando così un posto per il primo dei non eletti.

 

Durante la proclamazione era presente anche il nuovo governatore, attorniato da molti dei nuovi consiglieri del Carroccio. Presente anche Paolo Ghezzi di Futura che subito dopo la proclamazione si è avvicinato al nuovo presidente per le congratulazioni.

 

Fugatti, prima di prendere possesso del suo nuovo ufficio al primo piano del palazzo di piazza Dante ha rilasciato le sue prime dichiarazioni, ricordando le vittime del maltempo: "Iniziare questo percorso piangendo due giovani vittime è molto triste. La nostra vicinanza a queste famiglie - ha detto Fugatti - e il doveroso grazie alle strutture provinciali, alla Protezione civile e ai tanti volontari e ai tanti privati cittadini che nelle ore drammatiche del maltempo si sono messi a disposizione".

 

Da oggi scattano i 20 giorni per la convocazione del nuovo Consiglio provinciale e i 10 giorni per la formazione della Giunta. "I nomi usciti sui giornali sono soltanto ipotesi - ha voluto sottolineare il presidente - ora incontreremo gli alleati per trovare al quadra nei tempi dovuti". 

 

Da ieri Maurizio Fugatti non è più sottosegretario alla Salute del Governo Conte. Si è dimesso dalla carica nel pomeriggio, mantenendo però quella di deputato. Sul perché della decisione di rimanere comunque parlamentare, pur essendo incompatibile con la presidenza della Provincia, Fugatti si è limitato a dire che le dimissioni dal Parlamento "non sono necessarie all'atto della proclamazione".  

Il presidente della Provincia Maurizio Fugatti con il consigliere provinciale di Futura Paolo Ghezzi
Il presidente della Provincia Maurizio Fugatti con il consigliere provinciale di Futura Paolo Ghezzi
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 13:15

Buona performance delle Stelle alpine con Roberto Stanchina anche a Ravina/Romagnano, mentre Maule e Brugnara si dividono Povo. E' Paolo Piccoli a vincere nella circoscrizione S. Giuseppe/S. Chiara 

23 settembre - 10:50

Dove è passato Salvini la Lega ha perso (o al massimo è andata al ballottaggio) e anche chi ha cercato di portare il Patt verso quella sponda, come il presidente Panizza, è stato bocciato anche a casa propria. Gli errori del segretario Bisesti sono stati evidenti in tutti i campi ma Fugatti c'ha messo del suo con l'incredibile (ed effettivamente non credibile) annuncio del concerto di Vasco per il prossimo anno

23 settembre - 10:42

Alessandro Santuari è stato eletto con il 66,54% dei voti. Lega nord è la prima forza politica 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato