Contenuto sponsorizzato

Fugatti: "Tre della giunta si sono dimessi da parlamentari''. Ma non ancora, hanno solo rinunciato all'indennità trentina per tenere quella di Roma

La formalizzazione delle dimissioni non è ancora avvenuta per aspettare l'election day. La rinuncia all'indennità da presidente e assessore: "A quella da deputato è impossibile rinunciare"

Pubblicato il - 28 novembre 2018 - 10:12

TRENTO. "E’ una Giunta che vede presenti tre persone che si sono dimesse da precedenti incarichi parlamentari per sedere qui, segno di una scelta importante, una scelta ponderata ma anche molto netta, in favore della propria comunità, in favore del Trentino". Queste parole le ha pronunciate Maurizio Fugatti nel suo discorso di insediamento davanti al Consiglio provinciale, solenne e soddisfatto. Ma qualcuno ha voluto vederci chiaro e ha chiesto spiegazioni

 

Ugo Rossi è intervenuto subito: "Parla di tre persone - ovviamente lo stesso Fugatti, Stefania Segnana e Giulia Zanotelli - ma le dimissioni sono già avvenute?". No, devono ancora essere formalizzate e il governatore lo ha dovuto ammettere: "Si dimetteranno prossimamente per permettere l'election day unendo suppletive ed europee".

 

Non era una bugia, ma una mezza verità. Lui stesso e le due deputate aspettano che a Roma si decida. Fugatti ha però precisato che a uno dei due stipendi hanno rinunciato. "A quale?", ha chiesto il consigliere 5 Stelle Alex Marini

 

A quello di consigliere provinciale: "A quello di parlamentare è impossibile rinunciare - ha spiegato Fugatti - si può soltanto dare in beneficenza". E allora la rinuncia all'indennità trentina che vale 5.500 euro netti al mese. Quella da deputato vale invece 5 mila euro più 3.500 euro di diaria e 4 mila euro per i collaboratori.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:31

In Italia ci sono 11 Regioni classificate a rischio elevato, mentre Calabria, Lombardia, Piemonte e la provincia di Bolzano sono già entrate nello “scenario 4”, il peggiore. L’esperto del Ministero: “La percentuale dei positivi sui tamponi effettuati supera il 10% e non è un buon indicatore”

31 ottobre - 08:48

E' successo in centro a Rovereto, sul posto si sono portati immediatamente i vigili del fuoco che hanno spento l'incendio ma il mezzo è andato completamente distrutto. Sono in corso le verifiche da parte delle forze dell'ordine per capire la cause delle fiamme 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato