Contenuto sponsorizzato

"Non posso rispettare Salvini, porterà alla rovina l'Italia'', Reinhold Messner contro il ministro degli interni

Il re degli ottomila a Salto.bz (Qui intervista integrale in tedesco) parla di Salvini, che si è preso la scena alla Spatzenfest di Castelrotto

Di L.A. - 15 ottobre 2018 - 19:48

BOLZANO. "Ci sono molti politici che rispetto. Ma non posso rispettare Salvini. La mia preoccupazione è che quest'uomo rovinerà l'Italia e l'Europa", queste le parole di Reinhold Messner al quotidiano Salto.bz (Qui intervista integrale in tedesco), che non nasconde la propria irritazione per la comparsa del ministro degli interno alla Spatzenfest di Castelrotto e il re degli ottomila aggiunge: "Il Paese si trova ai margini dell'economia: il collasso è molto più veloce della valanga".

 

"L'ho visto casualmente alla televisione - spiega - devo dire che sono rimasto spaventato. E' salito sul palco e si è preso la scena. Nessuno ha detto nulla. Anzi, tutti ad ammirare quest'uomo, anche un po' impauriti. Un po' come quando nella savana compare un elefante: anche gli animali hanno questo stato d'animo. Solo che in questo caso l'elefante è apparso allo Spatzenfest".

 

Il grande alpinista ha inoltre aggiunto che "Quello non era il suo palcoscenico non era la sua tenda, non era il suo pubblico e non erano i suoi elettori". La sera prima anche Arno Kompatscher si è presentato sul palco a Castelrotto. "Ma è il governatore: questa è la sua provincia e il suo elettorato, inoltre il presidente ha uno stile diverso rispetto a Salvini".

 

Ma Salvini è il ministro degli interni. "E gli piace. Ma in questo momento - prosegue l'alpinista - si trova in campagna elettorale e si è semplicemente preso i riflettori in casa altrui in un modo con il quale vuole adulare anche gli elettori altoatesini".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 giugno - 06:01

Ci sono date che incarnano più di altre i passaggi decisivi della storia di un Paese. Il 2 giugno 1946 ha per una famiglia roveretana una doppia valenza, legata alla vicenda di un fante partito per la guerra in Africa settentrionale, caduto prigioniero degli inglesi e ritornato in patria proprio quando c'era da decidere tra "Repubblica" e "Monarchia". Riabbracciati i propri cari, Aldo Farinati non avrebbe avuto dubbi su cosa votare

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato