Contenuto sponsorizzato

Punto nascite di Cavalese, Fugatti: ''A breve possibile riapertura senza depotenziare l'ospedale''

A questo proposito sono state analizzate le questioni tecniche della messa a disposizione di una sala operatoria ad hoc per garantire la sicurezza del parto così come richiesto dal Comitato percorso nascite nazionale e sono stati approfonditi anche gli eventuali rischi di depotenziamento temporaneo del reparto di chirurgia

Di Luca Andreazza - 02 luglio 2018 - 19:26

CAVALESE. "La volontà è quella di arrivare nel breve periodo a riaprire il punto nascite di Cavalese - dice Maurizio Fugatti - si può dare attuazione fattiva alla deroga già concessa in precedenza. Questo senza escludere le garanzie di sicurezza del parto, come richiesto dal Comitato percorso nascite nazionale, e senza depotenziare l'ospedale".

 

Questo sarebbe il risultato delle riunione tecnica al Ministero della salute, alla quale si sono presentati anche i responsabili dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari. Dopo la deroga al punto nascite, le istituzioni della Val di Fiemme, capeggiate dall'Associazione "un parto per Fiemme" si sono però schierati contro una riapertura fine a sè stessa. 

 

"L'obiettivo - spiega l'associazione - non è solo quello di riaprire il punto nascite, ma riattivare il reparto di pediatria ventiquattro ore su ventiquattro, la ripresa delle operazioni di ginecologia e la riapertura della sala operatoria per tutti i reparti collegati. Siamo ancora al punto di partenza: una proposta irricevibile quella di depotenziare l'ospedale per permettere la funzionalità del punto nascite".

 

E le diverse realtà del territorio si sono quindi rivolte alla Lega per avviare un processo di riapertura in grado di garantire la piena funzionalità dell'ospedale di Cavalese.

 

"Abbiamo approfondito - aggiunge il sottosegretario della Lega - le questioni che possono portare alla riapertura del punto nascite, da troppo tempo procrastinata. Tra i temi approfonditi anche la costruzione della nuova sala operatoria, ma anche i rischi di depotenziamento di reparti esistenti qualora fossero messe a disposizione sale operatorie già operative a fronte di una riapertura nel breve periodo".

 

A questo proposito sono state analizzate le questioni tecniche della messa a disposizione di una sala operatoria ad hoc, in particolare quella di chirurgia, per garantire la sicurezza del parto così come richiesto dal Comitato percorso nascite nazionale e sono stati approfonditi anche gli eventuali rischi di depotenziamento temporaneo del reparto di chirurgia.

 

"Il confronto tra i tecnici presenti - conclude Fugatti - ha ipotizzato percorsi che da una parte garantiscano la riapertura a breve del punto nascite e dall’altra non compromettano la continuità di reparti già esistenti nell’ospedale di Cavalese. L’auspicio di tutti è che i doverosi approfondimenti ancora in corso e le conseguenti verifiche tecniche precise e puntuali possano permettere la percorribilità di questo processo".

 

Un processo avviato da tempo. "Un percorso ipotizzato da tempo - commenta l'assessore Luca Zeni - nell'attesa che la nuova sala entri in funzionante tra un anno. Un punto a favore è il percorso nascite trentino e nel frattempo si potrebbe utilizzare in modo promiscuo il reparto di chirurgia senza depotenziare l'intera struttura, ma garantendo tutti gli standard di sicurezza. Trascorsi i tempi tecnici delle valutazioni, si potrebbe riaprire nel giro di qualche settimana".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato