Contenuto sponsorizzato

Quando la Lega diceva ''No a grisentopoli''. Ma ora l'ex assessore è alleato del Carroccio. Merler: ''E la chiamavano coerenza''

L'esponente dell'Upt ritrova un manifesto della Lega che puntava il dito contro Silvano Grisenti, ai tempi dell'inchiesta Giano Bifronte. Pubblica la foto su Facebook e scrive: "In politica tutto cambia"

Di db - 07 agosto 2018 - 09:29

TRENTO. C'è chi ha la memoria lunga e si ricorda degli anni scorsi, anche in politica. C'è chi si ricorda di un manifesto della Lega Nord che tuonava contro Silvano Grisenti e 'grisentopoli', che puntava il dito contro l'ex assessore, il dirigente dell'A22 finito nel mirino della Procura della Repubblica di Trento.

 

Un manifesto appiccicato in ogni dove che, nel clima della campagna elettorale del 2009 caratterizzato dall'inchiesta Giano Bifronte, rischiava di far perdere le elezioni al centrosinistra autonomista. La Lega Nord sfruttava le grane giudiziarie del fedelissimo di Dellai, "No a grisentopoli".

 

Ma ora Grisenti siede al tavolo con il giovane segretario del Carroccio Mirko Bisesti, con lui discute per la costruzione della coalizione del centrodestra: il vituperato Grisenti, quello della magnadora, quello della 'cupola degli appalti, quello condannato in via definitiva, è diventato un alleato.

 

Se vinceranno loro al prossimo giro, chissà che l'ex assessore non possa tornare alla sua scrivania. Perché in politica le cose cambiano velocemente, i salti di qua o di là della barricata sono innumerevoli e la coerenza non è una virtù, non lo è mai stata.

 

A pubblicare il 'reperto storico' su Facebook è stato Andrea Merler, dell'Upt. Come commento alla foto poche parole: "E  La chiamavano coerenza, ma si sa che in politica tutto cambia". Poi gli hashtag, che dicono tutto: #alternanza #transughi #individualismo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato