Contenuto sponsorizzato

Semi di fiore per una politica che vuole rinascere: 'Domani' contro l'astensionismo e a favore del Pd

L'associazione politica nata nel 2016 fa un appello al voto negli ultimi giorni di quella che definisce la "peggior campagna elettorale della storia repubblicana". La proposta sostenuta da 'Domani' è quella del Partito Democratico. Distribuiti semini di fiori e volantini al mercato di giovedì

Paolo Maccani, presidente dell'associazione 'Domani'.
Di Cinzia Patruno - 01 marzo 2018 - 19:50

TRENTO. Una campagna elettorale basata sulla paura. La peggiore della storia repubblicana. "Il confronto politico - così recita un volantino che molti hanno potuto leggere al mercato cittadino del primo, nevoso giorno di marzo - anziché avvenire sulle proposte per affrontare i problemi del Paese si è spesso esaurito in polemiche demagogiche, aggressioni verbali, populismi".

 

Sono queste le parole messe nero su bianco dall'associazione 'Domani', nata nell'ottobre 2016 con l'obiettivo di formare una nuova classe dirigente e creare figure politiche all'altezza. L'obiettivo dell'appello è la condanna all'astensionismo e la condivisione di quella che, secondo l'associazione, è la proposta migliore: quella del Pd.

 

"Questo clima di rissa inconcludente - continua il volantino - rischia di rafforzare la propensione all'astensione già presente in ampie fasce dell'elettorato. Il nostro appello, quindi, è quello di recarsi ai seggi elettorali. Se non saremo noi a determinare il risultato delle prossime elezioni politiche, infatti, sarà in ogni caso il risultato delle elezioni politiche a decidere per noi".

 

L'associazione illustra il panorama politico del Paese, suddividendo le forze in campo in tre parti. Una coalizione di centrodestra che "è divisa sui temi più importanti e è ben più pericolosa di quella che, tra il 2008 e il 2013, ha portato il Paese ad un passo dalla bancarotta". I candidati del Movimento 5 Stelle vengono descritti come i "nuovi" ma, secondo 'Domani', c'è bisogno di gente con "competenze conosciute". "La terza forza in campo, infine, è costituita dal Pd e dai suoi alleati. Una forza che può chiedere il consenso non su mirabolanti proposte con le quali portarci tutti nel paese dei balocchi, ma sulla promessa di continuare con impegno la strada già tracciata dai governi Letta, Renzi e Gentiloni".

"Di sicuro - spiega il presidente dell'associazione Paolo Maccani - non era nostra intenzione ignorare queste elezioni perché le riteniamo molto importanti. Il nostro appello è schietto: il tempo ci richiedeva schiettezza, una posizione ferma e diretta. Vogliamo dimostrare una certa impazienza". Un appello al voto innanzitutto e, non secondario, a un voto ben fatto secondo i canoni dell'associazione che si occupa da un anno e mezzo di formazione politica e elaborazione di proposte legislative dell'agenda politica trentina. "Il nostro è un appello a non disperdere il voto".

 

E chi stamattina stamattina si trovava al mercato ha ricevuto, oltre al volantino, dei semi. "I semini di fiori - spiega la consigliera comunale Elisabetta Bozzarelli, ideatrice di 'Domani' - sono una piccola iniziativa ma rappresentano un messaggio: piantare qualcosa per il futuro. La nuova vita nasce dal seme che muore e che però può creare davvero nuovi frutti".

 

Del tutto d'accordo il sindaco di Trento Alessandro Andreatta, che plaude anche la competenza dei candidati del Pd. "Abbiamo candidati capaci. Per qualcuno cambiare o non cambiare non cambia nulla: sono quelli che non vanno a votare. Ma la politica è cambiamento".

 

Nell'incontro organizzato da 'Domani' nel pomeriggio di oggi, primo marzo, tanti associati e non hanno potuto esprimere il loro parere in quello che era un dialogo informale sulle prossime elezioni. Stefano Carloni dell'amministrazione comunale di Fiavè condivide pienamente le posizioni dell'associazione e è entusiasta della partecipazione dei giovani alla vita politica nella sua valle, meno ai convegni politici a cui ha assistito. "La politica si rivolge ad una fascia più alta d'età perché sono la maggioranza e si deve occupare di regalare dentiere per ottenere voti. Il messaggio che porto avanti con l'appoggio di 'Domani' è quello che ogni giovane deve metterci del proprio per avere qualcosa indietro".

 

"Dopo il voto - conclude Maccani - torneremo a fare le attività che avevamo preventivato: un tour sul territorio per il lavoro di analisi e ha proposta che ha da sempre contraddistinto l'associazione".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato