Contenuto sponsorizzato

''Vinceremo dappertutto'', il centrosinistra autonomista presenta i candidati. Rossi: "Ora tutti parlano di autonomia, noi lo facciamo da anni''

Al Muse la conferenza stampa di lancio della campagna elettorale. La squadra al completo: presenti i candidati nei collegi uninominali e quelli nei listini proporzionali. Dellai: "Guardiamo a questa sfida con serenità"

Di Donatello Baldo - 04 febbraio 2018 - 12:40

TRENTO. "Quando arrivano le elezioni tutti parlano di autonomia, tutti si improvvisano esperti - dice Rossi - ma occuparsi di autonomia è cosa seria e noi ce ne occupiamo da molto tempo". E bene secondo lui e secondo tutta la coalizione che oggi si è data appuntamento al Muse per presentare tutti i candidati alle elezioni.

 

E' stato il governatore, in qualità di garante, a prendere per primo la parola seduto in mezzo ai rappresentanti delle liste che compongono la compagine di centrosinistra autonomista: il Patt-Svp, l'Upt-Civica Popolare, il Patt, la lista Insieme, +Europa con Emma Bonino, la Ual

 

Garante per la città di Trento è invece il sindaco Andreatta che ha portato i suoi saluti. Poche parole, poi se n'è andato dopo i primi interventi. Ha fatto gli auguri, un sincero in bocca al lupo. Parole di incoraggiamento apprezzate da tutti. E ci mancherebbe.

 

"In questa campagna elettorale le persone che abbiamo candidato si distingueranno per lo stile - afferma Rossi - nessun attacco, nessun insulto, questo perché vogliamo distinguerci dagli altri. E poi saremo tra la gente, accettando il confronto senza timore, anche se non sarà sempre facile".

 

E poi l'auspico: "Vinceremo, questo è l'impegno che prendiamo oggi. E vinceremo in tutti i collegi". Tutti entusiasti gli interventi dei rappresentanti delle forze in campo. Solo Marco Boato - in rappresentanza della lista di ispirazione ulivista Insieme - ha mosso una critica per lo sgarbo dell'esclusione dai collegi di Lucia Coppola.

 

"E' noto che siamo insoddisfatti - spiega l'ex deputato verde - perché non è stata voluta la candidatura di Lucia Coppola. In questo modo la coalizione sarebbe stata rappresentata in tutte le sue componenti". Ma dopo essersi tolto il sassolino dalla scarpa giura lealtà e sostegno a tutti i candidati.

 

La famiglia al centro per l'Upt-Civica Popolare. Eleonora Angeli snocciola in pochi minuti i punti fermi della sua lista sottolineando che le radici affondano nel cattolicesimo democratico. Fabio Valcanover è invece laico, radicale, antiproibizionista. "Noi portiamo dentro questo gruppo la prospettiva europea, il sogno degli Stati uniti d'Europa".

 

Ringrazia Franca Berger, la radicale storica che ha tessuto la trama dei rapporti con il centrosinistra affinché anche in Trentino la lista di Emma Bonino trovasse il giusto spazio. Ugo Rossi non se ne dispiace: "Ascolto Radio Radicale fin dal 1976 - spiega a Valcanover - e tutt'ora mi capita di seguire la rassegna stampa". 

 

Poi tocca agli assi portanti della coalizione fare il discorso di presentazione. Patt e Pd sono rappresentati da Simone Marchiori, vicesegretario delle Stelle Alpine, e Italo Gilmozzi, segretario provinciale democratico. 

 

Entrambi puntano sui risultati raggiunti. "La nostra coalizione è la stessa che in questi anni ha accompagnato i cittadini in un percorso non sempre facile ma carico di risultati per la nostra autonomia", dice Gilmozzi. "Ed importante e determinante è l'asse con l'Svp perché Trento con Bolzano conta molto di più", dice Marchiori. 

 

Schierati in prima fila i candidati nei collegi. Qualcuno si incontra per la prima volta, scambia i numeri di telefono con i colleghi, ripassa il discorso di presentazione. Franco Panizza, Mariachiara Franzioia, Tiziano Mellarini, Michele Nicoletti, Eleonora Stenico, Lorenzo Dellai.

 

In seconda fila i candidati sul proporzionale, e sedute vicine le due papabili Elisa Filippi (Pd) ed Emanuela Rossini (Patt). Più defilati gli altri, tanto si sa che le speranze sono a zero per le liste minori che corrono sul listino proporzionale. 

 

"Continuare con i lavoro fatto fin qui", auspica Nicoletti, "Porterò a Roma le mie competenze sul lavoro e sulla giustizia", sostiene Stenico, "Al centro i temi delle persone, le loro sofferenze la povertà che non è solo economica ma anche spesso culturale, relazionale", dice Franzoia.

 

Anche per Mellarini fino a qui si è fatto molto, anche per Panizza. "E abbiamo fatto bene ad allearci con l'Svp perché questa è una carta in più che dobbiamo giocarci a livello nazionale". Ma è Lorenzo Dellai che spinge la squadra con un'iniezione di coraggio e sicurezza.

 

"Dobbiamo rivolgerci anche al centrodestra, quello moderato, che appartiene alla destra europea e ragionevole. Spiegare che quello attuale è a trazione leghista, nazionalista. A chi vota i 5 Stelle per il cambiamento dobbiamo dire che il cambiamento, passo passo, lo stiamo portando avanti noi da anni". 

 

"E dobbiamo finirla di dire in giro che sarà dura - afferma - perché dobbiamo guardare a questa sfida con serenità". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'08 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 luglio - 06:01

Il racconto della figlia: "La struttura permette solo un visitatore per volta ma mio papà, poverino, si sente sempre molto spaesato e nel poco tempo a disposizione fa fatica a tenere una vera conversazione. Sono stati insieme per 63 anni di matrimonio, mentre adesso il tempo si è ridotto a pochi momenti"

09 luglio - 19:32

Arriva la presa di posizione del Consiglio nazionale dei centri commerciali che esprime grande preoccupazione per la norma che obbliga alla chiusura dei negozi le domeniche e durante le festività approvata dalla Provincia. Gli introiti domenicali e durante le festività rappresentano circa il 10-15% del fatturato annuo e arrivano a valere fino al 20-30% per le strutture di maggiore dimensione

09 luglio - 20:49

Per alcuni il video che sta circolando in rete mostrerebbe l'orsa JJ4 accompagnata dai suoi cuccioli ma in realtà si tratta di immagini girate nel 2017 (cosa che comunque non esclude che quest'anno la femmina abbia dato alla luce una cucciolata). Groff: “Sono un maschio e due femmine che si trovavano sul Brenta durante la stagione degli amori”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato