Contenuto sponsorizzato

De Bertoldi a Salvini: ''Il neo sindaco di Folgaria era incandidabile? Cosa si intende fare per annullare le elezioni?''

Interrogazione del senatore di Fratelli d'Italia al ministro dell'Interno per sottolineare come Michael Rech abbia lasciato il ruolo di presidente dell'Apt ben tre settimane dopo aver depositato la candidatura e come nella sua lista sia ''scomparsa'' una candidata e ne sia entrata un'altra e ''risulterebbe fra l’altro, la mancata redazione di una nuova lista per la raccolta di firme, come stabilito dalla disciplina''

Di Luca Pianesi - 05 giugno 2019 - 19:10

FOLGARIA. E se le elezioni di Folgaria non si fossero a norma di legge? Se il neosindaco Rech fosse stato incandidabile? Se si fossero verificati dei vizi anche nella presentazione delle liste? Queste le domande poste oggi dal senatore di Fratelli d'Italia Andrea De Bertoldi a Matteo Salvini, ministro dell'Interno. Un'interrogazione a risposta scritta per sapere se il fatto che Rech abbia depositato la propria candidatura (e della sua lista) il 23 aprile e si sia dimesso dalla presidenza dell'Apt di Folgaria solo il 15 maggio non contravvenga i regolamenti (in particolare il testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali). In particolare, infatti, tra le ''cause di ineleggibilità'' di un sindaco vi è quella di essere amministratore (o dipendente con poteri di rappresentanza o di coordinamento di un ente) di un ente in cui vi sia almeno il 20% di partecipazione da parte del Comune o della Provincia o che dagli stessi riceva, in via continuativa, una sovvenzione. 

 

Proprio per questo De Bertoldi sottolinea che il ''neo eletto sindaco presso il comune di Folgaria in provincia di Trento, lo scorso 26 maggio 2019, risulta con ogni probabilità, ineleggibile - scrive a Salvini - in considerazione che, alla data del 23 aprile 2019, al momento della presentazione della sua candidatura e quella dei candidati consiglieri alla sua lista, non si era dimesso dalla carica di presidente dell’Apt di Folgaria, Lavarone e Luserna, i cui capitali dell’azienda di promozione turistica, superano il 20% della partecipazione di tre comuni della Provincia autonoma di Trento; l’interrogante rileva altresì, che la medesima Provincia autonoma, contribuisce annualmente alla gestione dell’Apt di Folgaria, con un contributo continuativo di oltre 1,2 milioni di euro all’anno, unitamente all’erogazione di altri organi pubblici e pertanto, la medesima azienda è sottoposta al controllo dell’Assessorato dal turismo della Provincia autonoma di Trento''.

 

Per De Bertoldi, tra l'altro, il ricoprire quella carica ben oltre il termine previsto per il deposito delle candidature avrebbe provocato un ''indebito vantaggio a Rech nei confronti di altri candidati all'elezione di sindaco a causa della sua posizione di presidente di APT, in quanto si sarebbe verificata a suo favore, una forma di “captatio benevolantiae”''

 

Ma non è tutto. Anche sullo stesso deposito delle liste di ''Idee in Comune'' civica guidata da Rech che poi ha vinto le elezioni appoggiata anche da ''Impegno Civico'', per il senatore De Bertoldi ci sarebbero ''ulteriori profili di criticità'' ''in considerazione - scrive l'esponente di Fratelli d'Italia - dell’avvenuta sostituzione del nominativo della candidata: Marianna Dalprà, con: Tania Valle, senza che la stessa Dalprà abbia presentato un verbale di rinuncia e che inoltre risulterebbe fra l’altro, la mancata redazione di una nuova lista per la raccolta di firme, come stabilito dalla disciplina normativa vigente, per l’approvazione di una lista elettorale diversa da quella originale''.

 

E in questo senso ecco le due liste dove è chiaro che i nomi in questione sono stati cambiati (tra l'altro tenendo la lettera ''v'', nella seconda lista al terzo posto senza rispettare l'ordine alfabetico).

 


 

Per quanto detto il senatore De Bertoldi chiede al ministro dell'Interno '' se non intenda avviare le opportune verifiche, al fine di stabilire se le elezioni amministrative svolte lo scorso 26 maggio al comune di Folgaria in provincia di Trento, siano state svolte in maniera corretta'' e ''quali iniziative di competenza infine, il Ministro in indirizzo, intenda assumere, al fine di annullare le elezioni amministrative nei confronti del suddetto comune, ove dai riscontri effettuati, siano state evidenziate irregolarità nell’ambito delle procedure amministrative svolte ai fini di quanto disposto dal testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali''.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19. 30 del 06 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
07 maggio - 06:01
Superate alcune incertezze iniziali e qualche cambio del cronoprogramma dettato dal governo nazionale, c'è stata una crescita costante nel numero [...]
Cronaca
06 maggio - 19:58
Trovati 69 positivi, non sono stati comunicati decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 38 guarigioni. Sono 985 i casi attivi sul [...]
Società
06 maggio - 18:04
Per il post-Covid si prevede una "rivoluzione" nella sanità trentina, le linee di programma sono state presentate dai vertici dell'Apss e dalla [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato