Contenuto sponsorizzato

Elezioni Borgo, ballottaggio tra Galvan e Ferrai. La Lega non passa

La sfida così è tra il sindaco uscente alla guida di "Borgo e Olle bene comune" e "Borgo domani" e la candidata sostenuta da "Innova Borgo Olle", "Viviamo Borgo Olle" e "Civitas". Il ballottaggio domenica 9 giugno

Di L.A. - 27 maggio 2019 - 21:05

BORGO. E' ballottaggio tra Enrico Galvan (Qui intervista e programma) e Martina Ferrai (Qui intervista e programma) per il comune di Borgo.

 

Non c'è quindi la Lega nella corsa al municipio. E questa è la sorpresa alla luce anche del risultato del carroccio alle elezioni europee (Qui articolo) e del dato borghigiano che ha premiato Mauro Sutto alle suppletive (Qui articolo).

 

Ferrai si avvia a chiudere davanti a tutti al 34,30%, seguita da Galvan al 31,22%, che aveva raccolto il testimone da Fabio Dalledonne per correre alle elezioni provinciali dell'ottobre scorso.

 

La sfida così è tra il sindaco uscente alla guida di "Borgo e Olle bene comune" e "Borgo domani" e la candidata sostenuta da "Innova Borgo Olle", "Viviamo Borgo Olle" e "Civitas".

 

Finisce anzitempo la speranza di vittoria per Marika Sbetta appoggiata anche da Agire e "Borgo-Olle unione per il cambiamento" che si ferma al 27,62%.

 

Mai in partita Sunil Pellanda e Rivivere Borgo che chiudono in quarta piazza al 6,86%. Ballottaggio in agenda per domenica 9 giugno.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 settembre - 06:01

Il consigliere pentastellato punta il dito contro la possibile privatizzazione del corpo volontari: “Dopo 9 mesi di proclami siamo a un nulla di fatto, non solo hanno scritto e votato un provvedimento inapplicabile ma ora c’è anche chi vorrebbe trasformarli in un’associazione privata”

21 settembre - 19:10

L'uomo ha estratto la pistola quando l'agente gli ha chiesto i documenti e allora a sua volta il poliziotto ha dovuto prendere l'arma e ordinargli di arrendersi. Arrestato un secondo uomo che aveva già rivenduto i gioielli della rapina per 400 euro a un compro oro

21 settembre - 18:51

Le chiavi? Commercio, turismo e agrifood. Una strada difficilissima per diverse ragioni, ma forse l'assessore è stato tradito dalla volontà di strappare consensi e applausi dalla numerosa platea (e poi forse c'è l'innegabile vicinanza della Lega alla galassia russa)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato