Contenuto sponsorizzato

Il consigliere provinciale della Lega va a Dachau e poi mette ''Like'' al post: ''Ci sono i centri sociali da lasciare lì'' (di un consigliere circoscrizionale)

Sembra incredibile ma è andata così: Devid Moranduzzo ha visitato il campo di concentramento e poi lo ha comunicato su Facebook. Poco dopo un consigliere della Lega di circoscrizione (Renato Biagini) ha commentato con questa frase piaciuta, evidentemente, al rappresentante provinciale

Di Luca Pianesi - 24 marzo 2019 - 14:35

TRENTO. Ci mancava pure questo. Un consigliere provinciale della Lega va a Dachau a visitare il campo di concentramento, fa un post dove spiega che ''oggi, 23 marzo 2019 la memoria rimane viva e il dolore persiste'', poi arriva un consigliere circoscrizionale della Lega e come commento scrive ''ci sono i centri sociali da lasciare lì'' e il consigliere provinciale gli spunta un bel ''Like''. Sembra incredibile ma è così. Devid Moranduzzo in questi giorni è andato in Germania, a Monaco, a rendersi conto dal vivo di cosa ha rappresentato la violenza mostruosa del nazi-fascismo. 

 

Il post del consigliere Moranduzzo recita: ''Il 22 marzo 1933: viene creato il campo di concentramento di Dachau, destinato agli oppositori politici per poi diventare a tutti gli effetti un luogo di sterminio. Nel campo transitarono circa 200.000 persone e, secondo i dati del Museo di Dachau, 41.500 vi persero la vita''. Dati corretti che raccontano, in poche cifre, quella struttura di morte e barbarie che è servita da esempio per altri campi e luogo di ''addestramento'' per i più efferati degli Ss. Chiunque vi sia entrato, in quel campo dell'orrore (come in altri simili), non può che uscirne sconvolto, conscio di quanto male può fare l'uomo ad altri uomini, di quanto importante e bella sia la democrazia, di quanto sia fondamentale proteggere l'opinione altrui (soprattutto quella di chi la pensa in maniera diversa da noi) e tutelare la libertà di espressione, patrimonio prezioso di un pluralismo che è  l'unica strada per far crescere la società e che ci mette al riparo da certi spettri del passato. 

 

 

E invece la lezione non è stata recepita, evidentemente. Infatti dopo nemmeno un'ora dal post ecco arrivare un follower di Moranduzzo, Renato Biagini, consigliere circoscrizionale della Lega nella circoscrizione 4 ''Rovereto Sud'', che commenta con un mostruoso ''ci sono i centri sociali da lasciare lì''. Moranduzzo, evidentemente, non ci pensa due volte e gli sgancia un bel ''Like''. Non lo sgancia, invece, a chi controcommenta ''si vergogni di quello che scrive Renato Biagini!'' e aggiunge: ''E il like dell'autore del post a un simile commento toglie la credibilità di un post su Dachau''.

 

E non esiste l'attenuante ''ho messo Like a caso'' perché questi ultimi due ''critici'' sono stati scritti intorno alle 20.30 quindi prima di altri (per esempio un ''Grande Devid'' scritto intorno alle 22) che hanno ricevuto il Like di Moranduzzo. Forse uno scherzo. Una burla. Una battuta. Però qui a forza di ridere si comincia davvero a piangere.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 11:50

Sono stati analizzati 2.388 tamponi per 494 test risultati positivi e un rapporto contagi/tamponi che si attesta al 20,7%. Altri 3 morti, il bilancio sale a 228 vittime in questa seconda ondata, il totale è di 523 decessi da inizio epidemia

28 novembre - 04:01

La questione approda in consiglio provinciale con un'interrogazione di Luca Zeni. Post pro Trump (assistito da Gesù nella sua battaglia), uno su Linkedin dove qualificandosi come capo gabinetto della Pat scrive di essere in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Whuan e poi la ''Q'' sul profilo, l’hastag acronimo “WWG1WGA” usato dagli adepti di questa frangia dell'ultradestra che si rifà a un cattolicesimo reazionario che in America (ma anche in Italia) si sta facendo spazio. Il consigliere chiede chiarezza

28 novembre - 11:15

Anche Trento si è svegliata tappezzata dai manifesti delle "Mascherine tricolori". L'obiettivo, questa volta, è Amazon. Tra inviti a sostenere i commercianti locali e a boicottare il colosso dell'e-commerce, in messaggi intrisi di nazionalismo e cospirazionismo, dietro c'è sempre l'estrema destra

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato