Contenuto sponsorizzato

Maltempo, il Movimento 5 stelle dà 2 milioni alla Protezione civile, ma tra i destinatari ancora una volta non c'è il Trentino

I danni per il maltempo ammontano in totale a 6 miliardi e mezzo di euro, intorno al mezzo milione in Trentino. I soldi girati dalla Protezione civile a Friuli Venezia Giulia, Liguria e Sicilia per interventi da 665 mila euro

Di Luca Andreazza - 06 febbraio 2019 - 14:57

TRENTO. Non ci sono Trentino, Alto Adige e Veneto nel restitution day del Movimento 5 stelle per agevolare le ricostruzioni in quelle regioni flagellate dall'ondata di maltempo di fine ottobre e inizio novembre.

 

I pentastellati si sono "tagliati" gli stipendi per raccogliere circa 2 milioni di euro, per la precisione 1.997.424,09 euro già girati al Dipartimento di Protezione civile, che poi avrebbe deciso come ripartire i fondi. E se il Veneto ha già ricevuto, via libera ai soldi a Friuli, Liguria e Sicilia.

 

"Queste risorse - spiega Angelo Borrelli, capo della Protezione civile - vanno a favore delle popolazioni colpite da quell'evento devastante che ha coinvolto dieci regioni e due province autonome. Nella prima fase abbiamo stanziato 739 mila euro al Veneto, la realtà più colpita, attraverso i soldi raccolti dagli sms solidali. Una decisione unanime delle regioni, ora ci concentriamo invece in Friuli Venezia Giulia, Liguria e Sicilia. Le risorse sono state ripartite per interventi da circa 665 mila euro per ogni territorio".

 

I danni per il maltempo ammontano in totale a 6 miliardi e mezzo di euro, intorno al mezzo milione in Trentino tra almeno 400 strade forestali da rifare, ponti crollati (quello di Stramentizzo concluso solo nel 2016 è costato 4 milioni di euro), interi boschi devastati con migliaia di alberi abbattuti, sradicati, per un totale di circa 1,5 milioni di metri cubi di piante rimaste a terra.

 

Senza dimenticare i danni alle abitazioni (solo a Novaledo ci sono state 50 case scoperchiate), alle aziende private (si pensi a Levico che ha visto devastati dagli allevamenti di polli alle pescicolture) e poi ci sono stati i problemi per l'agricoltura (con i piccoli frutti della Valsugana messi a dura prova per non parlare dei vigneti nella Valle dell'Adige) quelli ai luoghi culturali e turistici, Dimaro messa in ginocchio come parte della Val di Fiemme e della Val di Fassa.

 

Insomma il disastro è stato davvero enorme. Ma il Trentino continua a porgere l'altra guancia. Tutti rassicurano che i soldi arriveranno, gli ultimi in ordine di tempo i ministri Sergio Costa e Riccardo Fraccaro (Qui articolo), ma intanto si continua a restare a bocca asciutta di aiuti statali. 

 

In Friuli si ricostruisce il ponte sopra il torrente Aupa, in Liguria il centro abitato e alcune infrastrutture a Zugli e il perimetro esterno della diga foranea a Sanremo, quindi in Sicilia si lavora alla regimazione delle acque bianche a Caltanissetta e alla sistemazione della strada 217 in contrada Santuzza a Scordia.

 

Per ora resta solo la società civile. Come la raccolta fondi chiusa da Enrico Mentana che con il Tg La7 ha raccolto qualcosa come 263 mila euro e nei prossimi giorni li consegnerà ai governatori di Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino. E c'è FederlegnoArredo (Federazione italiana delle industrie del legno, del sughero, del mobile, dell’arredamento e dell’illuminazione) che dopo aver siglato un accordo con il comune di Cremona acquisterà una parte di quello straordinario legname proveniente dalla Val di Fiemme e in particolare dalla Foresta di Stradivari per donarlo alla Scuola Internazionale di Liuteria (Qui articolo).

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.39 del 23 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 06:01

L'assessora conferma: ''Abbiamo chiesto all'azienda una valutazione sulla nuova organizzazione. E' necessario capire i risultati della sperimentazione per eventualmente rimodulare e rivalutare i modelli''. E in Apss si pensa a dove recuperare risorse. Primo tema da discutere i punti nascita periferici a fronte di cronicità e vecchia veri temi del prossimo futuro

25 maggio - 08:37

E' successo a Egna. Ad essere trasferiti al carcere di Bolzano sono stati due 40enni di Mori e Mezzocorona. Il giorno prima avevano rubato un'auto a Rovereto 

24 maggio - 18:59

Viene da chiedersi cosa avrebbero fatto i membri della giunta se le signore fotografate da Ivan Cristoforetti e messe su Twitter con frasi del tipo ''gran figueria'' o ''festa della prugna'' fossero state loro parenti. O se oggetto degli insulti (per i quali è stato bannato da molti) lanciati dallo stesso braccio destro di Spinelli fossero state persone a loro vicine. Forse avrebbero capito che questo è proprio quel tipo di comportamenti che nelle scuole ai nostri figli cerchiamo di spiegare che è sbagliato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato