Contenuto sponsorizzato

Tempesta Vaia, Degasperi: “Dove sono finiti i fondi raccolti?”, dopo lo stop alle donazioni si attende di sapere come sono state investite le risorse

Le risorse raccolte con l’iniziativa “Calamità Trentino 2018” si aggirano attorno ai 250mila euro, a queste si sommano i fondi raccolti con il numero solidale, ma dal 30 novembre 2019 (data di chiusura della campagna) non si è più saputo nulla. Ora, Filippo Degasperi chiede se e come sono stati spesi questi soldi

Di Tiziano Grottolo - 20 gennaio 2020 - 19:21

TRENTO. Le immagini delle immense foreste abbattute dalla furia della tempesta Vaia fecero in poco tempo il giro del mondo suscitando molto clamore. Proprio sulla scia dalle forti emozioni scatenate vennero attivate alcune campagne solidali per sostenere il risanamento del Trentino dopo il maltempo.

 

In particolare, l’iniziativa “Calamità Trentino 2018”, promossa dalla Provincia autonoma di Trento, dalle associazioni imprenditoriali, dai sindacati e numerosi altri rappresentanti istituzionali, si rivolgeva a tutti i cittadini, lavoratori, imprese e associazioni di categoria allo scopo di raccogliere fondi, tramite adesione libera e volontaria versando il proprio contributo alla tesoreria della Provincia su un apposito conto corrente. Le risorse raccolte con questa campagna erano vincolate in via esclusiva al finanziamento di iniziative a favore del territorio e della popolazione trentina colpita dall’emergenza maltempo di fine ottobre 2018.

 

Come fa notare il consigliere provinciale Filippo Degasperi l’iniziativa, partita a novembre 2018, si è conclusa ufficialmente il 30 novembre 2019 raccogliendo circa 250mila euro, che sarebbero gestiti dal “Tavolo di coordinamento”, di cui fanno parte i sottoscrittori dell’Accordo di solidarietà approvato dalla Giunta provinciale. All’operazione di sensibilizzazione “Calamità Trentino 2018” se ne era affiancata un’altra di livello nazionale, legata al numero solidale 45500, i fondi raccolti anche in questo caso sarebbero stati messi a disposizione dalla Provincia e dallo Stato per fronteggiare le calamità naturali.

 

In questo caso ci furono anche dei problemi con il Trentino-Alto Adige che in un primo momento venne escluso dalla raccolta fondi e solo dopo la segnalazione de Il Dolomiti venne inserito al fianco delle altre regioni colpite come, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Liguria (QUI articolo). Ora però sono in molti a chiedersi che fine abbiano fatto i soldi raccolti e come siano stati spesi, a raccogliere queste preoccupazioni ci ha pensato Degasperi che in tal senso ha depositato un’interrogazione. “Nelle dichiarazioni dei vertici provinciali era stata posta grande premura in ordine alla necessità di comunicare adeguatamente sulla restituzione pubblica delle risorse raccolte e che ciò aveva trovato la piena condivisione delle parti sottoscrittrici dell’Accordo”, ricorda il consigliere provinciale.

 

Per questo alla Pat sono richieste una serie di precisazioni come l’importo totale dei fondi raccolti tramite l’iniziativa di solidarietà nazionale riferita al numero 45500, nonché i criteri e le modalità di ripartizione delle risorse raccolte per Regione (Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Liguria) e le Province autonome di Trento e Bolzano. Inoltre, si vorrebbe conoscere nel dettaglio la destinazione dei fondi sia per quanto concerne il numero solidale 45500 che per l’iniziativa “Calamità Trentino 2018”, così come se esistono o meno dei vincoli in ordine alla raccolta fondi provinciale e se alcuni fondi sono già stati spesi, “in caso – conclude Degasperi – chiedo di conoscere nel dettaglio la loro destinazione”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.00 del 11 Agosto
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 agosto - 05:01

Un servizio che prima dell'arrivo di Covid-19 ha coinvolto oltre 1.200 piccoli, mentre nel corso questa estate atipica per la pandemia il numero di iscritti si è abbassato a circa 600 bimbi. L'assessora Chiara Maule: "Non riusciremo a garantire il servizio a tutti i potenziali interessati, ma lavoriamo per allargare il più possibile la platea di beneficiari. A giorni arriverà una comunicazione a riguardo"

15 agosto - 08:38

I genitori del ragazzino hanno lanciato l'allarme intorno alle 17.20. Subito il soccorso alpino si è mobilitato per andare a cercarlo con squadre di terra lungo i sentieri

14 agosto - 17:44

Nell'elaborazione dei dati fatta dall'Azienda sanitaria, le donne sono state "più diligenti" degli uomini nel prendere parte ai test Covid. Diversa, invece, la situazione per quanto riguarda le lavoratrici e i lavoratori agricoli. Su 1.168 tamponi, sei hanno dato esito positivo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato