Contenuto sponsorizzato

Maltempo di ottobre, in arrivo le risorse del governo: 674 milioni di euro da dividere tra le regioni colpite

Fraccaro e Costa a Dimaro sui luoghi della frana. Le cifre degli indennizzi: risarcimento forfettario di 200 milioni, copertura dei danni per 474 milioni e 2,6 miliardi su tre anni per il dissesto idrogeologico

Pubblicato il - 02 febbraio 2019 - 20:30

TRENTO. "Sono previsti indennizzi per il maltempo". Così il ministro Fraccaro ha voluto annunciare a Trento la disponibilità di risorse statali, destinate alla ricostruzione dopo gli ingenti danni provocati dal maltempo alla fine dello scorso ottobre (qui l'articolo). E lo ha fatto nel corso della visita di una giornata in provincia che, con il ministro Costa, lo ha portato poi a Dimaro (uno dei centri abitati maggiormente colpiti), a Levico Terme e ad Arco.

 

La val di Sole è stata la seconda tappa, dopo Trento, del viaggio dei due ministri del governo Cinquestelle-Lega. A Dimaro hanno incontrato il presidente della Provincia Maurizio Fugatti e visitato i luoghi colpiti dalla frana. "Abbiamo sentito - ha detto il governatore trentino - che ci saranno dei fondi per la ricostruzione e per i danni". Una possibilità che ha definito "un'apertura interessante".

 

Il sindaco di Dimaro Andrea Lazzaroni ha accolto la delegazione in municipio assieme agli amministratori locali e alcuni consiglieri provinciali. "Quello che ci è capitato – ha detto il primo cittadino - ci ha lasciato una ferita profonda oltre che una grave perdita, ma ci siamo rialzati. Non ci siamo mai sentiti soli ed abbiamo potuto apprezzare il significato della parola solidarietà. Ci sono stati vicini sia la Provincia, con le sue strutture della Protezione Civile, sia lo Stato. Abbiamo bisogno di ricostruire, ma anche di realizzare opere di difesa per la prevenzione. Il nostro è un paese turistico che ha un ruolo importante per tutta la valle".

 

"Dimaro – ha quindi ricordato Fugatti - è stato il comune più colpito dal maltempo, sia in termini umani che economici. Con forza e coraggio straordinari questa comunità, sostenuta da tutto il Trentino, ha affrontato una situazione pesantissima. Ma sono molte le zone che il maltempo ha colpito, in particolare le valli di Fiemme e Fassa, il Primiero, la Valsugana, il Pinetano. La prima stima dei danni si attesta sui 250-300 milioni di euro. Ci conforta molto la presenza, qui oggi, del governo perché è un forte segnale di attenzione al territorio".

 

Fraccaro ha ricordato i tre motivi della visita a Dimaro: un ringraziamento al Comune per come ha gestito l'emergenza assieme alla comunità; ribadire, assieme al ministro Costa, quanto sia importante investire sul territorio e fare prevenzione; dare risposte concrete, "in termini di risorse".

 

Dopo i 263.000 euro raccolti per i boschi devastati dal maltempo da Mentana e dal Tg-La7 (il direttore del telegiornale ha da poco annunciato la chiusura della raccolta fondi), arriveranno dunque anche le risorse dello Stato. A Dimaro Fraccaro ha annunciato infatti che, a metà febbraio, il governo stanzierà "200 milioni di euro per risarcire i privati in modo forfettario". A ciò seguirà un altro stanziamento di 474 milioni di euro per i risarcimenti in base agli effettivi danni; 2,6 miliardi in tre anni serviranno per il dissesto idrogeologico. Una parte di queste risorse arriverà anche in Trentino.

 

Il ministro Costa ha invece definito "doverosa" la sua presenza a Dimaro e ha ricordato quando da ragazzo, in occasione del terremoto dell'Irpinia, ha avvertito quanto sia importante il senso di comunità di fronte a fenomeni così gravi. Ha ribadito la volontà di investire in prevenzione e in opere di difesa del territorio, soprattutto attraverso progetti velocemente cantierabili.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 12:57

Il presidente del Mart Vittorio Sgarbi presenterà in conferenza stampa alla Camera un nuovo strumento tecnologico capace di fermare il virus sfruttando le particelle d'argento. "Membrana culture" è una pellicola che si può applicare alle superfici e che non necessita di interventi umani per essere sanificata. "Al museo di Rovereto la prima sperimentazione in Italia. Così i visitatori possono visitare in sicurezza"

30 novembre - 11:41

Dietro il furto e la successiva macellazione degli animali c’è la mano dell’uomo. L’allevatore della Val di Fiemme che ha subito il raid ha ritrovato le teste mozzate di tre capre a poca distanza dalla stalla

30 novembre - 12:39

L’allarme è scattato nella notte, l’impatto fra la moto e l’automobile è stato violentissimo. Luca Belgrado è morto sul colpo, troppo gravi le ferite riportate, inutili anche i tentativi di rianimarlo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato