Contenuto sponsorizzato

Asili pronti a riaprire? Bozzarelli: “Non si giochi sulla pelle di bambini e famiglie”. Ferrari: “Dove sono le linee guida e i fondi?”

L’apertura anticipata di scuole materne e asili nido rischia di trasformarsi in un boomerang per la Pat, Ferrari: “La Giunta fa scaricabarile su Comuni e Enti gestori che si troveranno a pochi giorni dall’apertura senza avere ancora visto né regole né soldi”. Bozzarelli: “L’incompetenza non può ricadere sul futuro dei nostri figli”

Di Tiziano Grottolo - 28 May 2020 - 16:33

TRENTO. La Giunta, dopo l’annuncio a sorpresa sulla riapertura di asili nido e scuole materne fissata per l’8 giungo, tira dritto. Stamattina l’assessore Mirko Bisesti ha fatto sapere, tramite un post sui social di essere al lavoro per accellerare i tempi e di aver avuto un incontro con tutti i sindaci del Trentino: “Oggi (28 maggio) – ha aggiunto – un breve confronto sul tema davanti ad un caffè con il candidato sindaco di Trento Alessandro Baracetti e il consigliere provinciale Devid Moranduzzo”. Ora ci sarà un vertice con i sindacati.

 

Se la volontà della Giunta è comunque quella di procedere non sono mancate le critiche, arrivate più o meno da ogni livello dai comuni ai sindacati fino ad arrivare alla politica: “Non si giochi sulla pelle di bambini e famiglie – ha avvertito la consigliera comunale del Partito Democratico Elisabetta Bozzarelli, che poi ha proseguito sono la prima ad essere felice, ma sono anche consapevole che nulla è pronto: non c’è nessun protocollo pubblico, e senza le regole dello stare insieme non si può organizzare il servizio”.

 

Effettivamente è stato lo stesso Fugatti ad ammettere, durante la conferenza stampa di alcuni giorni fa, che il provvedimento sia ancora in fase di definizione, aggiungendo: “Dobbiamo fare un’ordinanza perché a livello nazionale non c’è una direttiva che ti permette di aprire con questa data ma questo è il percorso che vogliamo fare”. Molte le domande che rimangono senza risposta, d’altronde non è facile riorganizzare un servizio così esteso in pochi giorni, coniugando spazi e sicurezza.

 

Sulla questione è intervenuta con un’interrogazione anche la consigliera Pd Sara Ferrari: “Immagino che subito prima di annunciare a tutti la riapertura, il presidente Fugatti abbia siglato le linee guida alle quali gli asili nido e le scuole dell’infanzia dovranno attenersi, abbia stanziato i fondi necessari ad assumere il nuovo personale, abbia previsto le coperture finanziarie per i Comuni chiamati ad allestire le nuove classi, e abbia portato a termine i necessari accordi contrattuali. Altrimenti – osserva la consigliera provinciale – in mancanza di questi atti di sua competenza un simile annuncio risulterebbe uno scaricabarile su Comuni e Enti gestori che si troverebbero a pochi giorni dall’apertura senza avere ancora visto né regole né soldi”.

 

Proprio per questo Ferrari chiede di sapere quali e quanti finanziamenti abbia stanziato la Giunta per mettere in condizione di riaprire le strutture, facendo fronte ai necessari costi aggiuntivi per il personale, per le dotazioni e per gli spazi previsti dalla legge. Per il momento però di tangibile c’è solo l’annuncio: “Così non si fa – punta il dito Bozzarelli – non si può illudere senza aver pronto il piano organizzativo ed educativo, non si può dire che si riapre senza metterci 1 euro in più.  Nella scuola, nell’educazione si deve investire e soprattutto l’incompetenza non può ricadere sul futuro dei nostri figli”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 dicembre - 19:14

Nonostante i divieti sugli spostamenti in vista delle festività natalizie è iniziata la corsa ai tamponi, nella convinzione (errata) che garantiscano una sorta di “patente d’immunità”. Il numero uno di Apss: “In queste situazioni i test non servono. Quest’anno purtroppo è così sarà un Natale strano, ma dobbiamo accettarlo, per la salute delle persone a cui vogliamo bene”

05 dicembre - 18:52

Mentre domani è stata fissata un allerta arancione per tutta la provincia e rossa per l'Alto Adige e il Veneto ecco la situazione generale di neve e strade. Chiusa per pericolo valanghe la provinciale 25 di Garniga tra Garniga Vecchia e le Viote e istituito il senso unico alternato lungo la provinciale 76 Gardolo – Lases per caduta massi

05 dicembre - 16:44

Tra i nuovi positivi se ne contano 105 over 70 e ci sono 3 bimbi con meno di 2 anni. Una persona in più in terapia intensiva e numero di dimissioni superiore ai nuovi ricoveri: 31 contro 28

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato