Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, l'Austria apre gli impianti per Natale ma solo per i residenti. Chiusi gli hotel fino a gennaio

L'annuncio del governo austriaco in una conferenza stampa per presentare le misure prese per le festività natalizie e pianificare l'uscita dal lockdown totale delle ultime settimane

Pubblicato il - 02 December 2020 - 14:34

VIENNA. Gli impianti da sci in Austria aprono il 24 dicembre, ma solo per i residenti mentre alberghi, ristoranti e rifugi restano chiusi fino al prossimo 6 gennaio. Per Natale è stato fissato un tetto massimo di dieci commensali.

 

Questo l'annuncio del governo austriaco in una conferenza stampa per presentare le misure prese pianificare l'uscita dal lockdown totale delle ultime settimane e che scattano dal 7 dicembre, valide per le festività.

 

Il coprifuoco viene confermato dalle 20 alle 6. Da lunedì aprono le scuole dell'obbligo, compreso l'ultimo anno delle superiori, mentre per gli altri casi e l'università si procede con la didattica a distanza.

 

Consentiti gli sport all'aperto, come le discipline sciistiche (la capienza delle cabinovie viene ridotta al 50%), mentre quelli indoor oppure di contatto amatoriali restano fermi fino a gennaio.

 

Riprende anche il commercio: obbligatorio indossare le mascherine e mantenere il distanziamento personale; via libera anche a musei e biblioteche

 

I cinema e i teatri restano chiusi fino al 6 gennaio, sempre annullati i Mercatini di Natale. C'è la quarantena per le persone che rientrano dai Paesi considerati a rischio.

 

Nelle prossime ore sono attese le decisioni definitive a livello italiano per le festività, l'indicazione è quella di chiusura impianti e strette sugli spostamenti (Qui articolo). Anche Germania e Francia sembrano intenzionate a seguire Roma.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 January - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato