Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, stanziati 500mila euro per 8 enti culturali, le opposizioni: “Diciamo sì, ma serve più coraggio non basta anticipare”

Le opposizioni votano a favore (un solo astenuto) ma avvisano Bisesti: “Non basta anticipare dei fondi già previsti nel 2021”. Ferrari (Pd): “Non è più il momento di tergiversare, bene finanziare 8 soggetti ma bisogna pensare anche a tutti gli altri e soprattutto bisogna agire in fretta”. Ghezzi (Futura): “Non sono state aggiunte nuove risorse”

Di Tiziano Grottolo - 15 aprile 2020 - 19:11

TRENTO. Via libera alla delibera presentata dall’assessore alla cultura, Mirko Bisesti, presentata in Quinta commissione e che prevede la ripartizione del capitolo per fondo unico provinciale per lo spettacolo per gli esercizi finanziari 2020-21. Nel concreto sono stati stanziati circa 500mila euro per finanziare 8 soggetti: Filarmonica di Rovereto, Filarmonica di Trento, Compagnia Abbondanza Bertoni, Evoè Teatro, Compagnia Arditodesio, Aria Teatro, Teatro è, Trento spettacoli. E questo è il capitolo che riguarda alcune fra le realtà più grandi che hanno avuto accesso al fondo unico provinciale per lo spettacolo, c’è poi la questione che riguarda una miriade di associazioni ed enti che hanno chiesto finanziamenti al di fuori del Fus (vedi allegato).

 

“Anche il mondo della cultura sta risentendo di questo lockdown – ha osservato Bisesti che poi ha aggiunto – questo comparto resta per noi prioritario, stiamo ragionando affinché la ripartenza non ci trovi impreparati”.  Se in linea di massima i consiglieri di opposizione hanno apprezzato l’iniziativa è altrettanto vero che non sono mancate le perplessità, ad esempio Sara Ferrari del Partito Democratico ha fatto notare come accanto a questo 8 grandi realtà ce ne siano moltissime che si trovano ugualmente in difficoltà: “C’è bisogno di uno sforzo importante per non far scomparire realtà culturali medio piccole, che garantiscono occupazione e offerta di teatro, musica, spettacolo, danza, festival, cinema”.

 

 

 

 

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il capogruppo di Futura, Paolo Ghezzi che si è astenuto: “In primo luogo perché i fondi stanziati sono solo un’anticipazione su quelli già previsti nel 2021, quindi non sono state aggiunte nuove risorse, ma anche per la disarmante assenza di risposte da parte dell’assessore”. Come fatto notare dal consigliere di Futura sul piatto rimangono ancora 1,4 milioni sulle domande presentate dalle varie associazioni e ammesse a contributo che però restano congelati e pertanto non saranno erogati. Altri nodi riguardano richieste di assoluta urgenza avanzate dai soggetti culturali, come ad esempio il rimborso di spese legate alle sedi o la sospensione degli affitti e che tempi dobbiamo aspettarci per arrivare ad un intervento straordinario.

 

Dal canto suo Bisesti ha replicato che si sta lavorando ad un piano unico per la cultura che affronti l’emergenza in atto e per questo l’assessore ha auspicato la disponibilità dei commissari ad un confronto e ad una collaborazione, “inoltre – ha aggiunto per quanto riguarda i finanziamenti ad altri progetti – siamo in attesa del vaglio definitivo della ragioneria per offrire risorse aggiuntive rispetto a quelle previste dall’attuale determina”.

 

Ferrari ha comunque voluto ribadire come serva maggior rapidità: “Chi lavora nel mondo della cultura non può aspettare i ritmi lenti che questa Giunta ha espresso finora, con i ‘vedremo’, ‘analizzeremo’, ‘faremo le verifiche’, non si campa”. La consigliera Dem ha chiesto lo sblocco dei finanziamenti dei progetti già approvati: “Queste risorse sono fondamentali per la sopravvivenza di tante piccole realtà destinate a scomparire se la Pat non garantisce anticipi e non posticipa al 2021 realizzazione e rendicontazione”, ha concluso Ferrari.

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 30 settembre 2022
Telegiornale
30 set 2022 - ore 22:49
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
01 October - 19:46
La manifestazione si è svolta in piazza Mazzini a sostegno delle donne iraniane, contro la morte della 22enne curda Mahsa Amini. [...]
Politica
01 October - 18:45
Dopo il brutto risultato della Lega anche in Trentino, più che doppiata da Fratelli d'Italia, si sono aperte delle crepe nella maggioranza di [...]
Società
01 October - 17:30
Si va dalle certezze, come il San Leonardo e si arriva alle novità ''a partire da Revì che si trova in compagnia con diverse cantine da [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato