Contenuto sponsorizzato

Mentre la maggioranza leghista attacca l'Ue (e divide i trentini) Paccher critica le opposizioni ''serve unità''. Ma ora che Salvini ''rilancia'' una proposta del Patt che si fa?

Dopo che il presidente del consiglio regionale ha attaccato le minoranze che da tempo chiedono di essere coinvolte di più dalla maggioranza, visto quanto sta succedendo, proprio una delle proposte delle opposizioni, non presa in considerazione dall'assessore Bisesti, viene rilanciata su scala nazionale anche dal Capitano che chiede: ''Che ne pensate?''

Di Luca Pianesi - 04 aprile 2020 - 12:45

TRENTO. Mentre il Trentino finisce sulle televisioni nazionali come ''lezione da non seguire'' per come ha gestito l'emergenza coronavirus (QUI ARTICOLO), mentre le minoranze da settimane chiedono in tutti i modi di essere coinvolte dalla maggioranza per poter dare il loro contributo, mentre il presidente della Provincia Fugatti si è distinto assieme a gran parte dei suoi consiglieri leghisti per aver lanciato dalle loro pagine Facebook (QUI ARTICOLO) degli inutili e strumentali attacchi all'Europa (attività divisiva, fine a sé stessa e che ha avuto l'unico effetto di creare contrasti e spaccature ulteriori all'interno della società trentina che si è spaccata tra pro e contro in un momento tanto difficile) il presidente del consiglio regionale Paccher ha avvertito ''l'urgenza di rivolgere un appello ulteriore all’unità in questa delicata fase''.

 

''Non è il tempo delle polemiche fini a sé stesse - dice il consigliere leghista - volte solo ad avere un po’ di visibilità. Dobbiamo dare un segnale di compattezza da parte della politica, lo dobbiamo ai nostri concittadini: le polemiche che nascono per avere spazio sui giornali, alimentate anche da chi ha rivestito in passato ruoli nelle Giunte provinciali, sono fuori luogo''. Insomma un messaggio che, all'inizio poteva sembrare un richiamo proprio al suo presidente e ai suoi colleghi consiglieri di maggioranza ma che in realtà è rivolto alle opposizioni e in particolare a quelli che, in passato, hanno ricoperto ruoli nelle Giunte provinciali.

 

L'attacco, quindi, nemmeno tanto velato è anche all'ex presidente della Provincia Ugo Rossi e all'ex assessore al turismo Michele Dallapiccola che negli scorsi giorni, proprio in una logica costruttiva, avevano lanciato (con anche Paola Demagri) una proposta: ''Perché non pensare, almeno per le elementari e medie, alla registrazione di moduli formativi da parte di insegnanti selezionati che potrebbero poi andare in onda sulle televisioni private del Trentino? Abbiamo due televisioni con un numero di ore di trasmissione più che sufficienti. Si tratta di strutturare un programma “minimale” per ognuna delle 8 classi''. Un'idea senz'altro interessante che, però, pare non essere stata presa nemmeno in considerazione dalla maggioranza leghista e dall'assessore Bisesti.

 

Ora, però, le cose potrebbero cambiare perché la stessa richiesta, praticamente identica anche se adattata su scala nazionale, è stata fatta dal Capitano. ''La Lega - scrive su Twitter Matteo Salvini - ha proposto che, come accadrà da aprile in Australia sulla rete Abc, la televisione pubblica dedichi un canale (la Rai ne ha 13) alle lezioni per gli studenti: scuole elementari la mattina, medie e superiori il pomeriggio. Non tutti in Italia hanno connessione internet o Wi-Fi, non tutte le famiglie hanno i soldi per Pc o tablet. Il diritto allo studio deve valere per tutti, non possono esserci bambini e ragazzi di serie B. Che ne pensate?''. Chissà che ne pensa il segretario della Lega e assessore all'istruzione Mirko Bisesti. Forse è davvero il momento di essere un po' più uniti e di ascoltare anche le minoranze.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 maggio - 19:27
Complessivamente ci sono 5.399 casi e 461 decessi da inizio emergenza coronavirus in Trentino. I tamponi analizzati sono stati 1.694 per un rapporto contagi/tampone a 0,71%. Sono 12 i nuovi positivi, 9 con sintomi negli ultimi 5 giorni e 3 con screening
24 maggio - 18:58
I tamponi analizzati sono stati 1.694 per un rapporto contagi/tampone che resta sotto la soglia dell'1% di test positivi, a 0,71% per la precisione. Sono 4 i pazienti nei reparti di terapia intensiva. Il Trentino si porta complessivamente a 5.399 casi da inizio emergenza coronavirus
24 maggio - 17:24

Il Tweet indifendibile, se vero (che recita ''quelli con più morti siete voi lumbard e spero di vederli crescere sempre di più, schiattate merde''), è stato pubblicato il 21 maggio. Il giorno dopo l'Fbk ha dato la sua versione spiegando che il ricercatore ha affidato la questione alla polizia postale. Ieri è finito sulla pagina Facebook del leader della Lega (con circa 10.000 commenti) e, così, oggi l'assessore Spinelli si è sentito in dovere di dire la ''sua'' usando, comunque, due pesi e due misure rispetto ad altre vicende simili e più chiare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato