Contenuto sponsorizzato

Mossa Ghezzi-Zanella, Futura rompe il silenzio: ''Siamo rimasti sorpresi dagli eventi. Ci scusiamo ma pronti a riconquistare la fiducia di tutti''

Dalla morte di Piergiorgio Cattani alle dimissioni di Ghezzi, Futura affida a una lettera (in forma integrale) l'analisi di un momento complicato per il movimento nato nel 2018: "Confermato o meno l’importante assessorato che ci era stato assegnato, l’unica cosa che ci sentiamo di garantire è presenza responsabile, curiosa e attiva"

Di Luca Andreazza - 23 novembre 2020 - 19:06

TRENTO. "Racconteremmo una bugia se dicessimo che questo novembre non ci ha sorpreso. Siamo stupiti e un po' spaventati", Futura rompe il silenzio dopo la querelle seguite dalle dimissioni del consigliere provinciale Paolo Ghezzi e il passaggio dall'assessorato in Comune a Trento al ruolo di opposizione in piazza Dante di Paolo Zanella.

 

Una decisione che mette in imbarazzo palazzo Thun e apre dopo pochi mesi dall'insediamento una falla in Giunta (Qui articolo). L'ormai ex assessore intanto non ha ancora parlato a tre giorni dal passo indietro di Ghezzi.

 

"Ci scusiamo con tutti quelli che ne subiscono gli esiti o che in un certo senso sentono tradita la fiducia riposta in Futura. Gli elettori e le elettrici, i simpatizzanti e le simpatizzanti, i soci e le socie. E ancora gli alleati con cui condividiamo percorsi politici che riteniamo importanti e il sindaco Franco Ianeselli, con il quale sarebbe servita maggiore condivisione in un passaggio tanto critico. Paolo Zanella sarà il nuovo consigliere provinciale di Futura. Un subentro che non avviene in maniera lineare e indolore, e che può creare spaesamento".

 

Un mese difficile per Futura: "Ci ha colpito come un pugno in pieno volto la perdita di Piergiorgio Cattani, mente vulcanica e presenza costante nella breve ma intensa storia politica e culturale di Futura. La sua morte, così improvvisa da togliere il fiato, ci ha lasciati senza parte delle fondamenta della nostra casa comune. L’ha resa più fragile, ne ha minato le certezze. Non poteva essere altrimenti".

 

A stretto giro sono arrivate le dimissioni di Paolo Ghezzi. "Ci dispiace. Lo ringraziamo per il ruolo che ha avuto nell’ideazione e nella costruzione di Futura ma non possiamo che sottolineare l’inopportunità e l’intempestività con cui ha condotto questo passaggio. Non si mettono in dubbio le motivazioni personali che spingono a un cambio di vita (il ruolo in Consiglio Provinciale è complesso, totalizzante, spesso ingrato), ma la decisione di tirar dritto, rapidamente e senza la dovuta condivisione e soprattutto l’aver sorvolato sulle conseguenze è un gravissimo limite per chi si è proposto come guida di una comunità".

 

Il posto lasciato libero da Zanella passa invece a Nicola Serra e il movimento comunque assicura il massimo sostegno a Ianeselli e il massimo impegno per la città. "Confermato o meno l’importante assessorato che ci era stato assegnato, l’unica cosa che ci sentiamo di garantire è la nostra presenza responsabile, curiosa e attiva in ognuno dei molteplici temi che caratterizzeranno una consiliatura che, causa anche gli impatti del Covid-19, è decisiva per ri-progettare le caratteristiche della nostra comunità e della sua convivenza".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 20:46

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 20 i Comuni con almeno 1 nuova positività

27 gennaio - 21:02

Il deputato della Lega ha incassato l'interessamento dell'associazione Millions of friend in Romania a valutare la possibilità di ospitare un orso attualmente rinchiuso al Casteller. Maturi: "Ora bisognerà comprendere le eventuali incombenze burocratiche e perfezionare eventuali accordi, ma possiamo serenamente affermare che da oggi c'è un cambio di passo"

27 gennaio - 19:08

Nella frazione tionese di Saone campeggia ancora una via dedicata al gerarca fascista Italo Balbo. Il responsabile trentino dell'Uaar Giacomini ha scritto una lettera aperta al Comune affinché si cambi: "E' una manganellata alla memoria dei trentini". Il sindaco di Tione Eugenio Antolini: "Se ci verrà posta la questione, valuteremo il da farsi"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato