Contenuto sponsorizzato

Per il ritiro del Milan ci pensa Bisesti (con Moranduzzo). Bocciatura per l'assessore titolare Failoni dopo il ''bidone'' della Roma e l'accordo al rialzo con il Napoli?

L'assessore di riferimento, Roberto Failoni? Appoggia l'operazione e ci mancherebbe. Il Napoli è costato di più rispetto alle edizioni precedenti, mentre la Roma si è tirata indietro a poche ore dall'arrivo a Pinzolo. La trattativa viene portata avanti dall'assessore all'istruzione, università e cultura e da un consigliere provinciale

Di Luca Andreazza - 23 gennaio 2020 - 19:39

TRENTO. La Provincia leghista si muove per portare il Milan in ritiro in Trentino? Forse un'uscita buona in vista della campagna elettorale per le amministrative oppure un vero e proprio dialogo per portare i rossoneri alle nostre latitudini? Bisogna aspettare, anche se c'è da dire che i tempi sono giusti per imbastire una trattativa con la società di Elliott Management Corporation. A portare avanti la discussione? L'assessore Mirko Bisesti, accompagnato nell'ultima occasione da Devid Moranduzzo, consigliere provinciale in quota Lega.

 

"E' vero - ha spiegato Bisesti sulle pagine de l'Adige - c'è un confronto in corso. Dall'inizio di dicembre sono entrato in contatto con i responsabili del Milan tramite un amico, vicino al club. Nel giro di pochi giorni mi hanno chiamato i dirigenti i quali hanno subito manifestato il loro interesse su un ritiro estivo da svolgere in una delle nostre vallate". E' stata tra le prime giravolte della Lega governativa, dopo le interrogazioni e i dubbi del centrodestra nella versione di opposizione, si punta e tanto sui ritiri estivi. 

 

L'assessore di riferimento, Roberto Failoni? Appoggia l'operazione e ci mancherebbe. Ma il fatto che venga scavalcato potrebbe essere forse una bocciatura? Dopo aver portato il Napoli a circa 700 mila euro all'anno per poco più di 2 milioni di euro nel periodo 2019/2021 contro i circa 600 mila euro messi sul piatto dall'amministrazione Rossi nel 2018 e i 400 mila nel triennio 2015/2017 (cioè un milione e 200 mila euro). Euro più, euro meno (Qui articolo). 

 

E poi c'è il caso della Roma. Dopo l'articolo de Il Dolomiti sulla situazione dei ritiri presenti in Trentino (Qui articolo), che aveva messo nella lente di ingrandimento Pinzolo: la critica (costruttiva) che avevamo lanciato era che dopo anni di grande calcio tra InterJuventus Roma, era arrivato il Bologna di Pippo Inzaghi. La località rendenese in primavera aveva a lungo accarezzato l'idea Inter per chiudere alla fine sul Benevento

 

Poi l'annuncio della Roma e un ritiro organizzato a tempo di record (Qui articolo), quindi la retromarcia giallorossa dopo appena quindici giorni, ma soprattutto a 72 ore da quello che sarebbe dovuto essere il quarto arrivo in Trentino (Qui articolo). Insomma, i risultati in termini di ritiri calcistici dell'assessore Failoni non sono stati brillantissimi in questo primo anno di governo.

 

Una trattativa difficile con i rossoneri in quanto i top club costano e sono orientate a monetizzare tra States e Asia: la Juventus richiede un investimento da un milioncino, l'Inter è poco lontana, il Milan probabilmente non si discosta tanto. 

 

Una discussione, quella del ritiro in provincia, affrontata a margine della gara tra i rossoneri e Udinese tra il direttore vendite dei rossoneri e la delegazione trentina. Un primo avvicinamento che non sarebbe arrivato tramite i canali istituzionali, ma non è un dramma. E' l'iter che sembra già particolare. Fosse intervenuto il presidente della Provincia andrebbe anche bene, ci sarebbero ovviamente le prerogative. Stupisce in questo caso che le danze e la trattativa vengano portate avanti dall'assessore all'istruzione, università e cultura e da un consigliere provinciale. Ma Salvini è milanista e il capitano trentino forse vuole spendersi in prima persona per la causa.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
13 aprile - 19:33
Trovati 119 positivi, 3 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 168 guarigioni. Sono 1.558 i casi attivi sul territorio provinciale
Cronaca
13 aprile - 20:24
L'incidente è avvenuto questo pomeriggio. Il giovane che era alla guida dell'Honda ha perso la vita sul colpo
Cronaca
13 aprile - 16:24
Se da un lato la Provincia di Bolzano è quella che ha vaccinato più anziani del Paese e presenta dati del contagio in continua decrescita [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato