Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, il ministro Speranza: ''Epidemia in fase espansiva, 12 territori a rischio alto. No agli spostamenti tra Regioni anche in zona gialla''

Il governo è intenzionato a istituire le zone bianche. Il ministro ha informato la Camera delle misure previste nel nuovo Dpcm in fase di stesura dopo il confronto con le Regioni: "Resta valida l’indicazione di poter ricevere a casa massimo due conviventi"

Di L.A. - 13 gennaio 2021 - 11:32

ROMA. "Il Covid ha i mesi contati e con i vaccini sconfiggeremo questo virus. Ma non abbiamo ancora vinto e non dobbiamo sbagliare la lettura di questa fase decisiva". Così il ministro Roberto Speranza alla Camera nell'informare sulle misure che si delineano dal 16 gennaio per fronteggiare l'emergenza coronavirus. "E' indispensabile prorogare lo stato di emergenza fino al 30 aprile".

 

"Questa settimana - prosegue Speranza - c'è un peggioramento generale della situazione epidemiologica, aumentano le terapie intensive sopra la soglia del 30%, sale l'Rt e ci sono focolai sconosciuti. L'epidemia è ancora in fase espansiva e 12 Regioni e province autonome sono a rischio alto, 8 a rischio moderato di cui 2 in progressione a rischio alto e 1 solo territorio a rischio basso".

 

Sono molti i governo europei che sono tornati in lockdown, la cancelliera della Germania, Angela Merkel, ha riferito che i prossimi mesi saranno ancora difficili. "Il virus continua a circolare con forza crescente - aggiunge il ministro - anche se con i vaccini verrà piegato. Nel mondo c'è un decesso ogni 4 mila abitanti e in Ue 1 caso confermato ogni 27 abitanti, sono numeri terribili"

 

Sono 12 le realtà territoriali in Italia considerate a rischio alto e sono quasi certe di entrare in zona arancione, mentre in quelle gialle resta il divieto di spostamento tra Regioni, anche se nel nuovo Dpcm si prevede l'intenzione di riaprire i musei. "Un segno di ripartenza. Nella giornata di lunedì (11 gennaio, ndr) - evidenzia Speranza - dopo un confronto con le Regioni, abbiamo avviato la stesura del nuovo provvedimento. Prevediamo la proroga delle misure vigenti, viene aggiunto il divieto di spostamento anche tra regioni in zona gialla, il divieto di asporto dei bar alle 18. Resta valida l’indicazione di poter ricevere a casa massimo due conviventi". 

 

Un altro argomento è quello del vaccino. "Auspico piena e totale collaborazione istituzionale. Si deve andare avanti con  zero polemiche e piena collaborazione. Siamo solo all'inizio della vaccinazione. Questa campagna è lunga e difficile, c'è ancora tantissimo lavoro da fare", commenta il ministro.

 

Il governo è intenzionato a istituire le zone bianche con un'incidenza sotto i 50 casi ogni 100 mila abitanti e Rt sotto 1, naturalmente restano le misure quali mascherine e distanziamento fisico. "In un clima positivo di dialogo - conclude Speranza - sono convinto che la stragrande maggioranza degli italiani deciderà di vaccinarsi senza ricorrere all'obbligo. Per il governo resta comunque fondamentale l'obiettivo dell'immunità di gregge da perseguire con ogni energia".

 

Il ministro inoltre annuncia che entro marzo arriverà l'ok dall'Ema al vaccino Johnson&Johnson, mentre entro fine mese dovrebbe arrivare quello su Astrazeneca.   

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 13:34

Una questione che prosegue da ormai diversi anni. Mentre la Provincia di Trento è riuscita a portare avanti l'apertura della strada fino al confine con il Veneto, arrivando a circa 3 chilometri dal rifugio, dall'altro la Provincia di Vicenza, non ha provveduto a fare l'intervento per i chilometri di sua competenza

25 gennaio - 11:48

Numeri del contagio in crescita in Alto Adige, dove nelle ultime 24 ore si registrano 200 nuovi positivi e 4 decessi. Cresce l'indice contagi/tamponi, così come tutti i numeri negli ospedali. Le vittime da inizio pandemia salgono a 845, 551 solamente da settembre

25 gennaio - 05:01

Un punto appare fermo: la data del 15 febbraio è un po' l'ultima chiamata. L'inverno è compromesso da tempo e siamo già ai tempi supplementari di una stagione mai partita. Un discrimine forte potrebbe poi essere quello della mobilità: "Si deve distinguere tra turismo e servizio alla collettività. Persi circa 30 milioni di euro solo per la società impianti''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato