Contenuto sponsorizzato

Statale Valsugana, la Pat presenta il raddoppio tra Castelnuovo e Grigno: ''Progetto da 86 milioni con tre criteri: sicurezza, tempi di realizzazione, compatibilità economiche''

Il presidente Fugatti si è anche impegnato a riservare in sede di progettazione e realizzazione una particolare attenzione alle tematiche ambientali (recupero e messa disposizione di territorio per le coltivazioni agricole), alla pista ciclo-pedonale della Valsugana e alle attività economiche esistenti lungo l’asse dell’attuale Ss 47, rendendosi da subito disponibile al confronto sulle soluzioni tecnico-progettuali più idonee a tale finalità

Di Luca Andreazza - 06 marzo 2021 - 13:09

TRENTO. E' pronto il progetto di nuova viabilità sulla strada statale 47 della Valsugana, un raddoppio nel tratto tra Castelnuovo e Grigno. Un'opera considerata di valore strategico e rientra tra quelle che vedono la nomina di un commissario straordinario, come previsto dalla legge provinciale 3/2020 (Qui articolo). 

 

"Il fine - si legge nella nota della Pat - naturalmente è quello di accelerare quanto più possibile la realizzazione dell'opera in un momento molto complicato quale è quello attuale a causa dell'epidemia Covid. Il Documento preliminare alla progettazione, a seguito dello svolgimento del processo di concertazione con le parti interessate, è già stato approvato, e prevede il raddoppio della viabilità, il "2+2", al fine di separare il traffico locale, che utilizzerà la vecchia statale, da quello pesante e di transito, che utilizzerà invece la nuova viabilità".

 

Il nuovo tracciato sarà privo di incroci a raso, che rappresentano attualmente la principale fonte di pericolo. "I criteri che hanno orientato la nostra scelta - commenta il presidente Maurizio Fugatti - sono tre, cioè sicurezza, tempi di realizzazione, compatibilità economiche. Il progetto che è stato scelto potrà essere realizzato in circa 60 mesi con una spesa di 86 milioni. Risulta in base all'analisi multicriteria sostenibile sul piano temporale e finanziario, tenendo conto delle risorse previste nel bilancio. L'alternativa delle 4 corsie avrebbe comportato tempi di realizzazione di circa 140 mesi, oltre dieci anni, comportando anche lo spostamento della ferrovia, oltre a un costo quasi raddoppiato".

Il presidente Fugatti si è anche impegnato a riservare in sede di progettazione e realizzazione una particolare attenzione alle tematiche ambientali (recupero e messa disposizione di territorio per le coltivazioni agricole), alla pista ciclo-pedonale della Valsugana e alle attività economiche esistenti lungo l’asse dell’attuale Ss 47, rendendosi da subito disponibile al confronto sulle soluzioni tecnico-progettuali più idonee a tale finalità. Il tutto di concerto con le amministrazioni comunali dei territori interessati con verifica sul campo.

 

Il progetto di riorganizzazione e raddoppio della Ss 47 della Valsugana tra Castelnuovo e Grigno entra quindi ora nella sua fase realizzativa. L'iter ha comportato la stesura del Documento preliminare alla progettazione-Dpp, con un duplice obiettivo: definire gli interventi volti a garantire la separazione del traffico veicolare di transito da quello locale e definire la programmazione delle risorse, con conseguente attivazione della procedura di concertazione con i cittadini. La concertazione si è svolta in diverse fasi, e ha comportato anche l'indizione di tre conferenze pubbliche, a cui è seguita una fase aperta alla presentazione di osservazioni da parte dei diversi portatori di interesse.

 

Alla fine del percorso, la scelta pianificatoria ha "premiato" la soluzione 2+2 corsie, risultata come la migliore. Il progetto permette di ottenere un controllo dell’accesso del traffico pesante dal Veneto e un allontanamento del medesimo dai centri abitati. Si mantiene quindi l’attuale sede stradale della Ss 47, messa in sicurezza nel corso degli anni, come strada locale di accessibilità agli abitati. Tutto il traffico d’attraversamento utilizzerà invece la nuova arteria.

 

La soluzione "2+2 corsie" non impatta sulla ferrovia che corre adiacente alla Ss 47, e comporta una previsione di spesa di 86,827 milioni di euro, a fronte dei 156,886 euro preventivati per la soluzione alternativa, che prevedeva la trasformazione dell'attuale statale a 2 corsie in una viabilità a 4 corsie. Non pregiudica inoltre potenziamenti futuri in relazione all’evoluzione della domanda di traffico. Il progetto è stati presentato da Fugatti e dall'assessora Giulia Zanotelli, con i dirigenti e tecnici provinciali di settore Luciano Martorano e Mario Monaco, ai sindaci e ai consiglieri comunali di Castel Ivano e Ospedaletto. Un piano che però presenterebbe diverse criticità (Qui articolo).

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 aprile - 19:36
Trovati 13 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 38 guarigioni. Sono 1.342 i casi attivi sul territorio provinciale
Ambiente
19 aprile - 18:35
L'incontro tra il plantigrado e l'escursionista, documentato da un video pubblicato da quest'ultimo su Facebook, è avvenuto ieri fra i boschi [...]
Cronaca
19 aprile - 19:27
Le ricerche erano cominciate già ieri ma si erano concluse senza esito. Questa mattina il corpo dell'animale è stato trovato purtroppo senza vita
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato