Contenuto sponsorizzato

Concerto di Vasco Rossi, il conto aumenta: dopo le recinzioni (657mila euro) solo per il servizio sanitario spesi 255mila euro

Mentre la Provincia non ha mai fatto un punto sulle reali spese, voce per voce, per il mega concerto del maggio scorso e la Music Arena emergono, qua e là, piazzate in varie delibere alcune cifre. Solo di servizio sanitario e recinzioni e messa in sicurezza della Music Arena oggi siamo a circa 1 milione di euro. E poi c'erano i 6,5 milioni stimati dai consiglieri del Pd il tutto a fronte di entrate che per Modena (dove gli spettatori erano stati il doppio) erano state calcolate in 6 milioni di euro

Di Luca Pianesi - 27 marzo 2023 - 19:08

TRENTO. Piano, piano, un pezzettino alla volta emergono un po' di cifre che raccontano le dimensioni della spesa pubblica che è stata fatta per garantire il concertone del presidente Fugatti alla Music Arena con Vasco Rossi. Pochi giorni fa vi abbiamo dato notizia di come recentemente sono stati messi a bilancio ben 657mila euro per la ''realizzazione della recinzione a delimitazione dell'area S. Vincenzo a Trento Sud a protezione delle contigue infrastrutture per la mobilità (SS 12 dell'Abetone e del Brennero e Ferrovia Verona - Brennero)''.

 

Una cifra mastodontica solo per le recinzioni che mettano in sicurezza la zona e permettano a qualcuno, prima o poi, di organizzare un altro concerto in quel luogo che è stato ribattezzato Music Arena ma al momento ha ospitato solo il concertone di Vasco Rossi. Oggi siamo in grado di aggiungere quanto è costato solamente l'assistenza sanitaria per quell'evento: la bellezza di 255 mila euro. La cifra, infatti, è stata inserita nella delibera provinciale firmata dal presidente Fugatti, di venerdì scorso, per integrare le risorse destinate al finanziamento del Servizio sanitario provinciale del 2022.

 

Tra le spese del servizio sanitario pubblico ecco allora 255mila euro che, si legge a chiare lettere sono serviti solo all'Assistenza sanitaria concerto Vasco Rossi. Insomma in pochi giorni siamo giunti a due cifre concrete che sommate fanno 1 milione di euro solo per recinzioni e per il servizio sanitario di quei giorni. 

 

E il resto? Come è noto non è mai stato fatto un report reale (e mai verrà fatto a questo punto) su quali sono state le spese, voce per voce, per quel singolo evento. Un conto che i consiglieri del Pd Luca Zeni e Alessio Manica avevano provato ad abbozzare in un documento che arrivava a stimare almeno in 6,5 milioni di euro. Dalla Provincia non sono mai arrivate cifre concrete (d'altronde non sono arrivate nemmeno quelle sulle ricadute per il concertone di Vasco Rossi dato che sono state fatte cifre approssimative tra indotti ipotetici e ritorni fantomatici arrivando a parlare di 44 milioni di euro quando ci sono stati 105.000 spettatori mentre a Modena, dove gli spettatori furono 220.000 le entrate stimate ammontavano a 6 milioni QUI APPROFONDIMENTO).

 

Questo era il calcolo fatto dai consiglieri provinciali del Partito democratico:

 

''La realizzazione dell’evento, che coinvolge oltre 130.000 persone fra pubblico e personale impegnato nell’organizzazione anche se manca ancora l’autorizzazione in tema di sicurezza dell’area, pare giunta alla stretta finale. Con quest’ultimo atto, a firma del Presidente della Provincia, si stabilisce anche la spesa di euro 1.600.000,00.= a sostegno dei costi generali di allestimento. Dagli atti fin qui prodotti - spiegano i due consiglieri provinciali - dall’Amministrazione provinciale risulta poi che le spese, già effettuate per la realizzazione delle tre fasi di sistemazione dell’area S. Vincenzo, ammontano ad ulteriori euro 2.991.338,00.=, ai quali vanno aggiunti euro 31.720,00.= a coprire il servizio di ingegneria per la modellazione dell’esodo in emergenza ed euro 23.821,00.= per la locazione di alcuni fondi privati, contigui alla stessa area S. Vincenzo. La somma di queste spese ammonta quindi ad un totale pari ad euro 4.646.879,00.=''.

 

A queste spese ''vive'' vanno aggiunti, poi, tutti i costi del personale, appartenente alle diverse amministrazioni pubbliche interessate dalle procedure organizzative e messo a disposizione a tempo pieno per tutte le procedure connesse. Come è noto, infatti, la macchina provinciale da mesi dedica personale, risorse, dirigenti al concertone voluto dal presidente Fugatti. ''Un calcolo approssimativo per difetto - spiegano i due consiglieri Pd -porta a ritenere che tale costo sia pari a circa euro 1.000.000,00.= , al quale va aggiunto un altro milione circa, speso per lo spostamento e al riattivazione del centro vaccinale, il che porta il totale stranamente assai vicino alla somma, ipotizzata da qualche previsione come ricaduta economica complessiva, salvo non sottolineare come tale ricaduta andrebbe nelle casse dei privati e non del bilancio pubblico. Ognuno ne tragga il commento che più ritiene utile''.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 maggio - 21:00
I numerosi avventori, quelli che hanno ormai piantato le tende (è proprio il caso di dirlo: sono ben 11 attualmente) nel giardino dell'università [...]
Montagna
25 maggio - 20:30
Il Comune di Cavalese ha approvato il posizionamento di una quindicina di termocamere lungo la strada di fondovalle. Il sindaco Sergio Finato: "In [...]
Montagna
25 maggio - 18:46
La notizia del rinvenimento (avvenuto ad aprile) di un lupo morto, presumibilmente ucciso da un colpo di fucile, corre veloce fra le contrade della [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato