Contenuto sponsorizzato

Referendum, chiusi i seggi. Alle 23 affluenza altissima in Trentino: siamo al 77%

In Italia l'affluenza si aggira intorno al 70%. In Alto Adige ci si ferma sul 67%

Pubblicato il - 04 dicembre 2016 - 19:04

TRENTO. Ore 23. Seggi chiusi per il referendum costituzionale che ha diviso e infiammato la Penisola. L'affluenza in Italia si chiude sotto il 68,64%, mentre in Trentino la mobilitazione arriva al 76,8%, mentre la risposta in Alto Adige si ferma al 67,4%. Il dato regionale si conferma in linea con la media italiana introno al 72,22%.

 

La seconda tranche di dati sull'affluenza aveva confermato che gli italiani si sentono davvero coinvolti in questa sfida referendaria. In tutto il Paese si è già giunti al 57% dei votanti. In Trentino si fa meglio con un'affluenza del 63,5% ma anche in provincia di Bolzano sono tantissime le persone che si sono recate al seggio: intorno al 59%. A Trento città l'affluenza è del 64,3% a Bolzano del 63%.

 

Il dato regionale è intorno al 61,5%. Continua, dunque a crescere la partecipazione popolare per questo cruciale referendum costituzionale.

 

In Trentino l'affluenza alle 12 era del 22,38 %, di qualche punto superiore alla Provincia di Bolzano che si attesta al 20,74%. Nel 2006 in Trentino a mezzogiorno era del 10%. A livello nazionale era del 20%.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 20:54
L'esecutivo comunale è composto da 4 donne: 2 in quota Partito democratico, una rappresentante per Azione-Unione e Insieme. Il primo cittadino, Franco Ianeselli, ha delineato la Giunta a palazzo Thun chiamata a guidare Trento per i prossimi 5 anni: "Lavoriamo per la città in un'ottica di sostenibilità ecologica, economica, sociale e istituzionale"
29 settembre - 19:46

Sono 25 fino a questo momento le classi messe in quarantena perché sono stati riscontrati alunni positivi, ma 9 di queste hanno già terminato il periodo di isolamento mentre le altre 16 dovrebbero concludere questa misura tra pochi giorni

29 settembre - 20:36

L’assessore all’istruzione parla di “discriminazione ai danni dei nostri cittadini” ma l’unica ad aver discriminato qualcuno è la Provincia di Trento, così come stabilito da un giudice. Se un tribunale, di fronte a un ricorso di un cittadino, applica le leggi la colpa non è sua ma di quella Giunta incapace di scrivere un provvedimento degno di questo nome

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato