Contenuto sponsorizzato

Tosi e Giuliana divisi sul referendum ma uniti incontrano il sindaco e l'imam

Appuntamento a Gardolo venerdì prossimo per parlare di "Amministrare, modi e idee a confronto". Ma c'è distanza sul fronte referendum sui due alleati 

Pubblicato il - 12 novembre 2016 - 16:05

TRENTO. Speriamo arrivi presto il 4 di dicembre. Così si chiude questa campagna referendaria, caratterizzata da contrapposizioni e contraddizioni anche all'interno degli stessi schieramenti politici. Litiga il Pd, volano gli stracci all'interno dell'Associazione Partigiani e la Cgil si divide tra il sì e il no fino ai piani alti.

 

Ma c'è un'altra curiosità. Anche un movimento piccolo piccolo, quello di Flavio Tosi – si chiama Fare! – ha i suoi problemi. Tosi è un insolito sostenitore del Sì al referendum: “Noi siamo tra chi vuole salvare questo Paese perché se non passa questo referendum l’Italia è morta”, afferma infatti.

 

Ora dovete sapere che la propaggine trentina del sindaco Flavio Tosi si chiama Emilio Giuliana. Tutti lo conoscono, è un esponente della destra, già consigliere comunale, ad un soffio dal diventare consigliere provinciale. Ma lui sul referendum ha idee diverse.

 

“Per il No ci sono i difensori della Costituzione partorita dalla massoneria talmudica dopo la Seconda guerra mondiale, per il Sì i sostenitori del cambiamento costituzionale voluto dalla stessa massoneria talmudica”. Sempre di ebrei si tratta, che a quanto sembra a Giuliana non sono per niente simpatici.

 

A parte le considerazioni dal sapore razzista (per non dire altro) sull'origine del No e del Sì, osserviamo che il microcosmo del movimento di Tosi non riesce a consolidare l'alleanza sul referendum con quello ancor più piccolo di Emilio Giuliana (Progetto Nazionale si chiama il suo). Ma “Me ne frego”, avrebbe detto quello dal mento volitivo affacciato su piazza Venezia. Poco importa infatti: se si litiga sul referendum ci si unisce su altri fronti.

 

Ecco che venerdì prossimo al teatro di Gardolo alle ore 20.30, Giuliana e Tosi saranno insieme per una conferenza dal titolo “Amministrare, modi e idee a confronto”. Modererà Stefano Frigo del Corriere del Trentino e gli ospiti saranno d'eccezione. Ci saranno il sindaco Alessandro Andreatta e l'imam trentino Aboulkheir Breigheche.

 

Di cosa parleranno staremo a vedere. Sul referendum hanno posizioni distinte, sull'amministrazione discuteranno i sindaci. E l'Imam? Forse lo coinvolgeranno sul refendum. Lo scopriremo venerdì.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

26 maggio - 13:07

Quando aveva 12 anni Ibrahim Songne è arrivato dal Burkina Faso a Trento. Qui ha studiato all'Enaip e dopo aver lavorato in un panificio-pasticceria ha deciso di realizzare il suo sogno di aprire un proprio locale. Nel 2018 in via Cavour a Trento apre "Ibris''

26 maggio - 17:18

In alta quota le temperature sono tornate sotto lo zero, Meteotriveneto: “Registrate raffiche tra i 60 e i 70 chilometri orari in tutte le vette dolomitiche trentine e venete”. Sul Ra Valles misurate raffiche fino a 119 chilometri orari

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato