Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, l'Università di Trento si ferma per una settimana: ''Ragioni di cautela''

Come anticipato ieri, domenica 23 febbraio, questi provvedimenti vengono presi dall'Ateneo a integrare la comunicazione trasmessa sabato e in conformità all'ordinanza provinciale, così come alle linee guida stabilite dal ministero della salute per evitare assembramenti di persone in luoghi chiusi

Pubblicato il - 24 febbraio 2020 - 16:53

TRENTO. Niente attività didattiche quali lezioni, esami e lauree, niente conferenzaseminari, così come eventi vari e procedure concorsuali. Saltano anche le attività di front office, compreso il ricevimento di studenti, anche se il personale docente e tecnico amministrativo a rendersi disponibile con modalità di interazione diverse. Si ferma l'Università di Trento a causa del coronavirus.

 

Sempre per ragioni di cautela chiuse le biblioteche, le sale studio e i centri sportivi universitari fino al 1 marzo. Come già comunicato, l’Opera Universitaria ha disposto la chiusura di mense e bar. Limitatamente alle procedure selettive e concorsuali, il responsabile del procedimento, valutata l'assenza di rischi, potrà stabilire se proseguire.

 

Come anticipato (Qui articolo), questi provvedimenti vengono presi dall'Ateneo a integrare la comunicazione trasmessa sabato e in conformità all'ordinanza provinciale, così come alle linee guida stabilite dal ministero della salute per evitare assembramenti di persone in luoghi chiusi. 

 

L'università in generale raccomanda comunque di privilegiare il ricorso ai mezzi di comunicazione telematici. Rimane attiva, fino a diversa comunicazione, l'operatività del personale universitario tutto (docente, ricercatore e tecnico amministrativo), per ogni attività che non comporti ricevimento al pubblico, secondo le modalità previste. In ogni caso l'invito è quello di limitare gli spostamenti fuori dal territorio provinciale.

 

L'ateneo resta in costante contatto e raccordo con la Provincia, l'Azienda provinciale per i servizi sanitari, il Comune di Trento e Rovereto e il ministero dell'università e della ricerca per analizzare  i potenziali fattori di rischio per gestire i casi specifici nella logica della proporzionalità. 

 

Questo periodo di sospensione permetterà all'Ateneo di valutare le idonee procedure per garantire i servizi e progressivamente a riportare la situazione alla normalità (Qui info). L'università ricorda inoltre il comportamento da seguire, quali lavarsi spesso le mani, evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute, non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani e coprirsi bocca e naso in caso di starnuto e tosse.

 

 

E ancora pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol, non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico, contattare il numero verde 1500 se si ha febbre o tosse e sei tornato da zone endemiche da meno di 14 giorni, usare la mascherina solo se sospetti di essere malato o assisti persone malate (Qui info).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

20 ottobre - 20:05

Ci sono 46 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 94 positivi a fronte dell'analisi di 846 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,1%

20 ottobre - 17:58

La Provincia di Bolzano ha comunicato nuove limitazioni per frenare la diffusione del virus. In una giornata segnata dal record di positivi (ben 209), Kompatscher ha annunciato che le scuole superiori dovranno fare almeno un 30% della didattica a distanza. Sport e grandi eventi, con la cancellazione dei mercatini di Natale, gli altri ambiti maggiormente interessati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato