Contenuto sponsorizzato

Quando la burocrazia frena lo sviluppo e un "to play" mal interpretato blocca ogni cosa. Mosna: "Come non condividere questo esempio di ottusità"

La società C9 Riva del Garda voleva tesserare un giocatore originario dello Sri Lanka che vive da tantissimo tempo in Italia. La Federazione ha chiesto un documento dove si specificasse che non era mai stato tesserato nel suo Paese e quel documento è arrivato ma un burocrate italiano s'è messo in mezzo: ecco cos'è successo

Di Luca Pianesi - 18 febbraio 2018 - 13:45

RIVA DEL GARDA. Quando la burocrazia vince su tutto e si porta a casa il successo per 3 set a 0 senza volerne sapere della rivincita: stiamo parlando di pallavolo e ad essere sconfitto in questo match è stato essenzialmente il buonsenso tanto che anche il presidente della Trentino Volley e presidente onorario della Lega Pallavolo Serie A Diego Mosna su Facebook ha usato queste parole: "Come non condividere questo esempio di ottusità da parte di una burocrazia freno allo sviluppo? Complimenti ai colleghi del C9 per l'elegante esposizione dei fatti".  

 

E allora veniamo ai fatti che la squadra di volley di Riva del Garda C9 (una delle più attive e complete del panorama trentino con team maschili e femminili di serie B, squadre giovanili e minivolley) ha spiegato perfettamente con tanto di documento allegato in un post:

 

"In questi giorni abbiamo cercato di tesserare un “ragazzo” che è nato nel 1977 in Sri Lanka e che abita qui da tantissimi anni. L’Ufficio Tesseramento Fipav Roma - scrive la società trentina - ci chiede una dichiarazione della Federazione srilankese da cui emerga che l’atleta non è mai stato tesserato in Sri Lanka. La nostra segretaria riesce, con bravura, ad ottenere la dichiarazione richiesta, su carta intestata e con tanto di firme e timbri. Scritta in inglese, recita testualmente che l’atleta “has never played in the Sri Lanka Volley Federation”.

 

 

 

 
"Increduli e soddisfatti - prosegue la C9 Riva del Garda - inviamo il tutto a Roma ma un solerte funzionario ci risponde che “to playnon vuol dire “ tesserare” e che, di conseguenza, la dichiarazione non va bene! Ma cosa può voler dire “giocare nella Federazione”? La Federazione non è una squadra per cui, in qualità di presidente del C9, dopo essermi bevuto una tazza di Ceylon Tea (giusto per rimanere in tema), ho chiesto, gentilmente, di considerare che, nella dichiarazione, “to play” potesse avere il significato di “far parte”, perché questo è quello che davvero volevano dichiarare i nostri amici lontani: l’atleta non ha mai fatto parte della Sri Lanka Volley Federation".

 

Ma per i burocrati italiani la dichiarazione proveniente dal Sri Lanka, redatta dal segretario generale della Federazione Pallavolo srilankese, non era sufficientemente chiara. Quel "to play" che in qualsiasi parte del mondo sarebbe stato interpretato come andava interpretato, in Italia si trasforma in un'affermazione non conforme: "I burocrati della Federazione Italiana Pallavolo non ci sentono - prosegue il presidente del C9 - e, con pec, mi spiegano che “dichiarare che l'atleta non ha Mai giocato, non significa attestare che l'atleta non è stato MAI tesserato” (sic). Tra l’altro - sottolinea ironicamente il numero uno del team di Riva del Garda - il mondo è pieno di gente strana che, pur non volendo giocare a pallavolo, si tessera per una federazione solo per il gusto di tesserarsi". 

 

"Io non so come andrà a finire - conclude amaramente  - ma, condividendo con voi, giovani pallavolisti, questa paradossale situazione, voglio invitarvi a usare la testa, in palestra e nella vita: analizzate con intelligenza le situazioni, siate elastici, rispettate le leggi cogliendone l’essenza e ribellatevi alla burocrazia ottusa che sta piegando l’ItaliaYou have to play! (dove "to play", in questo caso, va inteso come “suonare”, suonare la carica per liberarci da questi piombi !!!)".

 

E allora playamo tutti insieme contro i bizantinismi della burocrazia. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 luglio - 19:27

Dopo la boutade di Sgarbi che aveva definito il planetario “tre palle su un prato” ecco la mossa del Muse che incassa già alcuni endorsement importanti come quello dell’astronauta Samantha Cristoforetti: “Evento importante per la città di Trento e non solo”. Lanzinger: “Un unicum per tecnologia e innovazione”

21 luglio - 12:18

La storia della squadra di calcio che è diventata un esempio di inclusione e dialogo interculturale vista attraverso gli occhi di Youness Et-tahiri che per un anno ha giocato con il team di Trento e che adesso sta per trasferirsi in un altro club, ma che fa sapere: “Questo è solo un arrivederci”

21 luglio - 19:00

Il consigliere dei Verdi non ha votato il Prg ed è uscito dall'aula puntando il dito contro la maggioranza che ha accettato l'emendamento arrivato dai banchi della minoranza. "In una fase di cambiamenti climatici enormi, dove lo zero termico si alza sempre più e noi insistiamo con le politiche turistiche legate allo sci in luoghi che fra 10/15 anni non avranno più le condizioni per avere la neve"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato