Contenuto sponsorizzato

''Rossi, concedi il patrocinio al Dolomiti Pride'', la lettera di un padre spiega che folclore ed esibizionismo non ci sono: ''C'è gioia e voglia di visibilità''

Mario Caproni è il presidente di Agedo, l'associazione di Genitori di omosessuali: "Sono rammaricato perché così si rischia di perdere una occasione di confronto, di inclusione, di riconoscimento e di accoglienza di una diversità, quindi di arricchimento per tutta la società trentina"    

Alcuni esponenti di Agedo del Trentino alla sfilata di un GayPride
Pubblicato il - 01 aprile 2018 - 10:08

TRENTO. E' un padre che scrive, che chiede a Ugo Rossi di ripensarci, di cambiare posizione, di concederlo il patrocinio al Dolomiti Pride. Lo fa a nome suo e a nome di tutti i genitori di figli e figlie omosessuali e transgender.

 

Mario Caproni è infatti presidente di Agedo Trentino, l'Associazione Genitori di Omosessuali. E scrive questo:

 

"Io penso che abbia fatto male il presidente Ugo Rossi a negare il patrocinio della Provincia al Dolomiti Pride del prossimo 9 giugno. Sono rammaricato perché si rischia di perdere una occasione di confronto, di inclusione, di riconoscimento e di accoglienza di una diversità, quindi di arricchimento per tutta la società trentina.      

 

 In Italia, questo è un dato ribadito da numerosi studi, il 70% delle persone omosessuali in tutto l’arco della propria esistenza non si svela ai propri genitori, quasi questa condizione fosse una colpa, una vergogna, una ignominia.     

 

L’omosessualità è un modo di essere, è una variante naturale della sessualità umana, eppure il contesto culturale e sociale spesso non aiuta le persone omosessuali a riconoscersi e a presentarsi per come esse sono, in tutti gli aspetti del loro essere. Ci sono quindi ancora tante persone omosessuali invisibili, e penso che ciò avvenga soprattutto per l’ignoranza, l’impreparazione, la poca sensibilità del contesto familiare e sociale.

 

Il corteo festoso del Pride allora è occasione innanzitutto di incontro e di conoscenza di questa realtà, che si scopre poi non così spaventosa come pensavamo, ma è soprattutto una occasione di visibilità, direi che è la festa della visibilità, da non confondere con il mero folclore, o con l’ostentazione, o con la provocazione o con “l’esibizionismo” termine questo usato improvvidamente dal presidente Rossi.

 

La festa della visibilità non è un riflesso narcisistico, o una smania ideologica, ma è un dire ‘noi esistiamo, anche noi ci siamo’ è qualcosa che costruisce una comunità, qualche cosa di bello, di cui non dovremmo avere paura.

 

Nelle tre esperienze di gay-pride a cui ho partecipato ho sempre respirato un clima autentico di festa e di gioia, e ho sempre riscontrato, nelle città di Bologna, di Verona e di Udine, una risposta solidale e accogliente, direi commossa, da parte della popolazione locale che assisteva al corteo.

 

A nome mio e dell’associazione che ho l’onore di presiedere, auspico vivamente che il presidente Rossi ci ripensi e accordi il suo patrocinio, affinché in Trentino ci sia più capacità di empatia, più capacità di accoglienza e di inclusione di tutte le diversità".       

 

       

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 novembre - 05:01

E' un po' presto per tirare le conclusioni. Il percorso verso dicembre è lungo e ci sono audizioni, emendamenti e votazioni in mezzo. Ma la manovra sembra piccola, molto piccola, rispetto alle possibilità e alle capacità del Trentino. Tante scelte e decisioni potrebbero essere rimandate al prossimo assestamento di bilancio

19 novembre - 19:41

Sono una quarantina i soci iscritti alla cooperativa Radio Taxi Trento che operano sul territorio provinciale. "La sicurezza negli anni è diminuita" ha spiegato il presidente Braccia. Al via, intanto, il "Taxi Rosa" per donne e minori che possono usare i mezzi nella fascia notturna con un buono sconto di 5 euro

19 novembre - 20:12

I contesti più critici sono rappresentati dalle frane verificatesi nel fondo valle e dalle valanghe in alta quota, la Pat: “Monitoriamo la situazione”. Rimane chiusa la strada statale 240, che collega Riva del Garda con Torbole, per la possibilità che altri massi si stacchino dal Monte Brione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato