Contenuto sponsorizzato

''Rossi, concedi il patrocinio al Dolomiti Pride'', la lettera di un padre spiega che folclore ed esibizionismo non ci sono: ''C'è gioia e voglia di visibilità''

Mario Caproni è il presidente di Agedo, l'associazione di Genitori di omosessuali: "Sono rammaricato perché così si rischia di perdere una occasione di confronto, di inclusione, di riconoscimento e di accoglienza di una diversità, quindi di arricchimento per tutta la società trentina"    

Alcuni esponenti di Agedo del Trentino alla sfilata di un GayPride
Pubblicato il - 01 aprile 2018 - 10:08

TRENTO. E' un padre che scrive, che chiede a Ugo Rossi di ripensarci, di cambiare posizione, di concederlo il patrocinio al Dolomiti Pride. Lo fa a nome suo e a nome di tutti i genitori di figli e figlie omosessuali e transgender.

 

Mario Caproni è infatti presidente di Agedo Trentino, l'Associazione Genitori di Omosessuali. E scrive questo:

 

"Io penso che abbia fatto male il presidente Ugo Rossi a negare il patrocinio della Provincia al Dolomiti Pride del prossimo 9 giugno. Sono rammaricato perché si rischia di perdere una occasione di confronto, di inclusione, di riconoscimento e di accoglienza di una diversità, quindi di arricchimento per tutta la società trentina.      

 

 In Italia, questo è un dato ribadito da numerosi studi, il 70% delle persone omosessuali in tutto l’arco della propria esistenza non si svela ai propri genitori, quasi questa condizione fosse una colpa, una vergogna, una ignominia.     

 

L’omosessualità è un modo di essere, è una variante naturale della sessualità umana, eppure il contesto culturale e sociale spesso non aiuta le persone omosessuali a riconoscersi e a presentarsi per come esse sono, in tutti gli aspetti del loro essere. Ci sono quindi ancora tante persone omosessuali invisibili, e penso che ciò avvenga soprattutto per l’ignoranza, l’impreparazione, la poca sensibilità del contesto familiare e sociale.

 

Il corteo festoso del Pride allora è occasione innanzitutto di incontro e di conoscenza di questa realtà, che si scopre poi non così spaventosa come pensavamo, ma è soprattutto una occasione di visibilità, direi che è la festa della visibilità, da non confondere con il mero folclore, o con l’ostentazione, o con la provocazione o con “l’esibizionismo” termine questo usato improvvidamente dal presidente Rossi.

 

La festa della visibilità non è un riflesso narcisistico, o una smania ideologica, ma è un dire ‘noi esistiamo, anche noi ci siamo’ è qualcosa che costruisce una comunità, qualche cosa di bello, di cui non dovremmo avere paura.

 

Nelle tre esperienze di gay-pride a cui ho partecipato ho sempre respirato un clima autentico di festa e di gioia, e ho sempre riscontrato, nelle città di Bologna, di Verona e di Udine, una risposta solidale e accogliente, direi commossa, da parte della popolazione locale che assisteva al corteo.

 

A nome mio e dell’associazione che ho l’onore di presiedere, auspico vivamente che il presidente Rossi ci ripensi e accordi il suo patrocinio, affinché in Trentino ci sia più capacità di empatia, più capacità di accoglienza e di inclusione di tutte le diversità".       

 

       

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 luglio - 05:01

L’assestamento di bilancio presentato dalla giunta Fugatti non convince, Rossi: “Pura propaganda, se poi non si stanziano i fondi le grandi opere rimarranno solo sulla carta, gli unici cantieri che sono stati avviati sono collegati alle opere pensate nella scorso legislatura”. Per gli imprenditori le chiusure domenicali provocheranno la fuga dei consumatori verso Bolzano e il Veneto

12 luglio - 20:06

C’è sconcerto tra i segretari di Cgil, Cisl e Uil che, durante l’audizione in prima commissione del Consiglio provinciale, hanno appreso che la manovra di fatto prevede tagli al bilancio provinciale per 100 milioni di euro sul 2020 e per 200 milioni di euro sul 2021

12 luglio - 18:02

Il totale sul territorio resta così a 5.503 casi e 470 morti da inizio epidemia. La Pat: "Rispetto a ieri migliorano decisamente i dati riferiti al contagio a Covid-19 in Trentino". In Alto Adige sono stati registrati 5 casi di nuova positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato