Contenuto sponsorizzato

Volontariato, il CSV pronto alle sfide del cambiamento. Alla Bookique l'assemblea dei soci

Appuntamento domani, mercoledì 31 gennaio,  alle ore 17.30 in via Torre d’Augusto 29. Il presidente Casagranda: "Ci sono ottime ragioni per affrontare il futuro serenamente, il mondo del volontariato e le associazioni possono incidere anche nelle istituzioni più alte"

Di Andreas Fernandez - 30 gennaio 2018 - 12:35

TRENTO. Dire che il Trentino è terra di volontariato, non è solo un modo di dire retorico per sottolineare l’impegno verso gli altri nella nostra comunità. Dati e numeri sono gli alleati più sinceri di questo modo di dire.  

 

I volontari che quotidianamente, dentro tutto il Terzo settore, si dedicano alla costruzione di fiducia, di relazioni e di stima reciproca, quindi che costruiscono giorno per giorno le fondamenta della convivenza civile, in Trentino sono più di 100.000, impegnati in circa 5.000 associazioni. Un dato incredibile se pensiamo che equivale a dire che  vi sono 100 associazioni ogni 10 mila abitanti, quasi il doppio rispetto alla media nazionale.

 

Come mostra la nuova rilevazione campionaria dell’Istat, il “Censimento permanente sulle istituzioni non profit”, uscito a dicembre 2017, anche a livello nazionale i numeri sono positivi.  Dal 2011 i volontari sono cresciuti di 770 mila unità (+16,2 per cento), passando da 4 milioni e 758 mila a 5 milioni e 528 mila: sono 911 ogni diecimila abitanti, contro gli 801 del 2011.

 

Il volontariato, inoltre, sta vivendo un momento storico di cambiamento, dovuto alla nuova Riforma del Terzo Settore. Come ormai noto, si tratta della prima riforma organica che ri-descrive un mondo costituito da più di 300 mila associazioni, circa 1 milione di lavoratori e oltre 5 milioni di volontari. Ma che prima di tutto, porta con sé una pluralità di contenuti che, indipendentemente dagli effetti tecnici, ha il grosso merito di porre al centro il civile, il sociale.

 

Anche i numeri del CSV del Trentino, gestito dall'associazione Non Profit Network, mostrano una realtà in crescita, la cui base sociale risponde in modo sempre più partecipato al dibattito sul volontariato nella nostra comunità.  

 

Solo due anni fa, l’assemblea dei soci contava 85 organizzazioni socie. L’assemblea di domani supera le 130, in un momento storico che da una parte può riservare diversi rischi per l’associazionismo e, dall’altra, detta un forte cambiamento dell’assetto dei CSV di tutta Italia. Un cambiamento ancora costellato di molte incognite legate ai futuri decreti attuativi della Riforma.

 

Ma di fronte alle sfide i volontari non indietreggiano mai. Infatti, non solo molte associazioni del nostro territorio hanno deciso di entrare a far parte del CSV Trentino, ma nella nostra vicina e amica Provincia Autonoma di Bolzano/Autonome Provinz Bozen-Südtirol, lo scorso dicembre ben 28 federazioni del mondo del volontariato sudtirolese, nonché diverse singole associazioni di rilevanza provinciale, hanno posto le prime pietre per la fondazione del CSV Alto Adige/DZE Südtirol.

 

Un segnale importante, che fa ben sperare. E il CSV di Trento non poteva perdere l’occasione di invitare i referenti di questa nuova “organizzazione sorella” all’assemblea di domani, invito che è stato subito accettato, nella speranza di entrambe le parti che questi piccoli momenti siano la scintilla per una prospettiva di collaborazione per il bene comune del territorio regionale.

 

Ci sono ottime ragioni per affrontare il futuro serenamente”, afferma il presidente del CSV di Trento Giorgio Casagranda, “il mondo del volontariato e le associazioni, se unite, possono incidere a livello decisionale anche nelle istituzioni più alte, proprio perché il volontariato riceve con la Riforma un ulteriore riconoscimento normativo e politico e cerca di andare oltre i tanti elementi di frammentazione. Ma ricordiamoci che questo non garantisce innovazione perché quest’ultima è fatta dalle persone, non dalle norme”.

 

Ecco perché all’assemblea dei soci del CSV di Trento, prima di tutto, si vogliono incontrare le persone che hanno voglia di cambiare le cose, in meglio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 luglio - 12:18

La storia della squadra di calcio che è diventata un esempio di inclusione e dialogo interculturale vista attraverso gli occhi di Youness Et-tahiri che per un anno ha giocato con il team di Trento e che adesso sta per trasferirsi in un altro club, ma che fa sapere: “Questo è solo un arrivederci”

21 luglio - 10:44

L'uomo, 79 anni, era rimasto ferito in un incidente avvenuto a Canal San Bovo. Finito in ospedale aveva una concentrazione di alcol etilico nel sangue pari a 1,77 g/l

21 luglio - 10:16

La donna, assieme al compagno, si trovava sul Baffelan. E' andata a sbattere con la testa e il corpo contro la roccia. Il compagno è riuscito a recuperarla poi è intervenuto il soccorso alpino 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato