Contenuto sponsorizzato

Volontariato e associazionismo al top in Trentino Alto Adige, numeri da record e l'Italia insegue: ''Dobbiamo entrare nelle scuole per mantenere alto il livello''

Il nostro territorio può vantare una diffusione capillare del volontariato in tutte le sue forme. Il Csv del Trentino: "Si lavora in modo innovativo perché esigenze e bisogni cambiano. Si cerca di incontrare i diversi mondi del tessuto sociale, come quello imprenditoriale. Se prima il comparto si reggeva sui pilastri di famiglia, lavoro e casa, oggi tutto e cambiato, diventa fondamentale essere aderenti alla società"

Di Luca Andreazza - 29 ottobre 2019 - 19:59

TRENTO. Numeri da record per il Trentino Alto Adige nel Terzo settore. La regione si posiziona, infatti, ai vertici e per distacco nei grafici Istat in materia volontariato e non profit. Spesso, quasi sempre, per un problema si riesce a trovare una soluzione, offerta anche dalla partecipazione attiva dei cittadini.

 

"Il volontariato - spiega Giorgio Casagranda, presidente del Csv Trentino - è nel dna della popolazione: sono oltre 3.500 le associazioni attive e impegnate in questo comparto. Questo percorso collettivo che affonda le radici anche nell'orografia delle valli, un tempo isolate. I territori hanno trovato nel tessuto associativo un modo per svilupparsi e lottare contro le difficoltà. E' una grandissima ricchezza della nostra provincia che bisogna difendere".

 

Non a caso, la cooperazione è nata proprio in Trentino. "Si è imparato a fare squadra - prosegue il presidente di Csv - restare uniti e mettersi a disposizioni era e resta fondamentale. Si è partiti dal volontariato sociale, ma oggi le forme si sono differenziate e alcune restano peculiari del nostro territorio come il sistema di protezione civile e dei vigili del fuoco volontari".

 

Insomma, una diffusione capillare delle diverse tipologie di volontariato. "C'è la dimensione culturale e sportiva - evidenzia Casagranda - che rappresentano una parte importantissima del Trentino. Ma molto sviluppata è anche la parte socio-sanitaria con associazioni che si occupano di malattie e patologie diffuse, anche per il graduale invecchiamento della popolazione".

 

La lotta allo spreco alimentare è un fronte dai numeri importantissimi, quindi le risposte all'autismo, ma anche i progetti di welfare che coinvolgono i cittadini. C'è un nuovo filone, una forma di volontariato più recente. "Quello dei beni comuni - dice il numero uno di Csv - che è un fenomeno che valorizza le associazioni e le singole persone. Penso agli orti comuni: anziani e giovani che si mettono insieme e coltivano pezzi di terreno per donare il cibo alle persone che hanno bisogno".

 

La spesa sociale pro-capite posiziona la provincia di Bolzano saldamente in testa a 517, quindi Friuli Venezia Giulia a 292 e il Trentino in terza piazza a 252. Via via ci sono tutti gli altri territori, mentre la media nazionale si attesa a 116. "Devo dire - aggiunge Casagranda - che il settore è molto florido e in Italia iniziano a esserci tantissime iniziative".

 

Dati e primati costruiti in anni di impegni che comunque vanno difesi, se non ulteriormente sviluppati. "Oltre alla quantità - spiega Andreas Fernandez, responsabile comunicazione per Csv del Trentino - c'è anche tantissima qualità: cerchiamo di valorizzare la progettualità del volontariato. Recentemente abbiamo anche lanciato un accordo con l'ordine dei commercialisti, un'altra iniziativa importante è quella di aprire gli sportelli sul territorio a supporto delle associazioni nelle valli. Questo per aiutarle ad affrontare i cambiamenti importi dalla riforma del Terzo settore. Si lavora in modo innovativo perché esigenze e bisogni cambiano. Si cerca di incontrare i diversi mondi del tessuto sociale, come quello imprenditoriale. Se prima il comparto si reggeva sui pilastri di famiglia, lavoro e casa, oggi tutto e cambiato, diventa fondamentale capire come cambia la società".

 

Un nodo, infatti, è quello di riuscire a coinvolgere i giovani. "Le motivazioni ci sono - continua Casagranda - ma vanno chiaramente stimolati. Per questo dobbiamo intervenire soprattutto dentro le scuole per portare avanti la cultura del volontariato. Si devono creare opportunità per i ragazzi e quindi si può poi pensare a svecchiare gradualmente le associazioni: serve l'apporto di tutti".

 

E' cambiato il modo di vivere l'associazionismo. "I giovani non si attivano a 360 gradi - dice Fernandez - ma aderiscono a progetti specifici in base a esigenze, interessi e tempo. Ora il quadro è più fluido e quindi il mondo del volontariato si deve adattare per diventare un'opportunità".

 

Un'altra criticità è legata alla burocrazia, sempre più stringente. "Un aspetto che può soffocare l'associazionismo e per questo ci mettiamo a disposizione come Csv per agevolare la situazione. La burocrazia - aggiunge Casagranda - non deve essere un impedimento, le associazioni devono poter dimenticare queste preoccupazioni".

 

Il Trentino e l'Alto Adige presentano poi dati superiori alla media anche per quanto riguarda gli obiettivi dell'Agenda Onu 2030. "Il nostro prossimo bilancio triennale - conclude Casagranda - viene proprio costruito in base a questi interventi. E' necessario tenere presente questi obiettivi da raggiungere. Anche in questo caso, si deve intervenire nelle scuole, un discorso culturale: si deve puntare sulle nuove generazioni quali attori e portatori di messaggi anche alle famiglie, un esempio sono le tematiche ambientali, più sentite rispetto al passato, un discorso sul quale riflettere seriamente".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 January - 05:01

L'ex rettore ha analizzato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss e ha scoperto che nella settimana conclusa lo scorso 10 gennaio, su 1471 "nuovi" contagi segnalati in Trentino, solo 624 si riferivano alla settimana considerata e ben 847 erano casi arretrati segnalati con grande ritardo. In questo modo verificando molto tardi gli antigenici con i molecolari, se risultano negativi spariscono dalle statistiche se risultano positivi non entrano nel conteggio della settimana corrente perché classificati "arretrati"

17 January - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 January - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato