Contenuto sponsorizzato

Droghe tra i giovani, con il progetto ''Scuole sicure'' stanziati 48.000 per educare alla legalità

L'iniziativa, finanziata dal ministero per l'Interno, ha avuto l'ok del Commissariato del governo. Coinvolgerà i docenti per la sensibilizzazione dei ragazzi contro spaccio e assunzione di stupefacenti

Di Martino Brigadoi (Liceo Prati) - 04 luglio 2019 - 10:56

TRENTO. Si chiama "Scuole sicure" l'iniziativa in arrivo con l'obiettivo di contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti fuori dagli edifici scolastici.

 

Un progetto che risponde a una preoccupazione e a un'attenzione crescente da parte delle forze dell'ordine. Tra settembre e dicembre dello scorso anno, polizia locale, carabinieri e guardia di finanza, si sono mobilitati per presidiare le entrate e le uscite di nove istituti. Effettuati anche dei controlli a sorpresa in molte scuole superiori da parte dell'unità cinofila, più sei interventi che hanno richiesto la collaborazione di 24 agenti, per un totale di 120 ore di servizio.

 

Nel 2019, invece, i controlli sono proseguiti nei parchi pubblici, impegnando per 64 ore totali 14 agenti. Del 13 giugno scorso è, in questo contesto, l'approvazione da parte del Commissariato del governo, del progetto "Scuole sicure", finanziato dal ministero dell'Interno con un fondo di 48.000 euro.

 

Il progetto ha come obiettivo non solo l'intensificazione e il rafforzamento dei controlli rispetto all'anno precedente, ma anche e soprattutto la diffusione della formazione e della sensibilizzazione in merito tra i giovani. Si vuole insomma educare alla legalità quanti più studenti possibile nelle scuole.

 

Tutto ciò in collaborazione con i docenti: in virtù del loro ruolo di educatori saranno chiamati ad affrontare il tema con i ragazzi. Ai docenti verranno proposti corsi di formazione, per la prevenzione e la comunicazione. Saranno poi loro, secondo gli obiettivi del progetto, a cercare di trasmettere ai giovani il valore della legalità.

 

Ma non è finita qui: non si parla solo di personale e di corsi formativi. Lo stanziamento previsto dall'iniziativa servirà all'acquisto di nuovi mezzi e attrezzatura per la polizia locale, tra cui un nuovo veicolo per il trasporto di persone in stato di fermo, dotato di cella di sicurezza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 18:05

Oggi la Giunta provinciale ha approvato il documento attraverso il quale si avvierà la riduzione delle presenze all'interno della residenza fino alla chiusura. Sul tema dell'accoglienza il neo sindaco di Trento, Franco Ianeselli, ha spiegato che tra Pat e Comune ci sono due linee opposte: "Sbagliato scaricare sulla città tutti gli oneri come è stato fatto negli ultimi anni. La strada giusta è l'accoglienza diffusa"

29 settembre - 18:14

La Provincia rinnova infine l'appello di seguire le regole: "Si devono tutelare il più possibile gli anziani, obiettivo che i giovani devono concorrere a raggiungere attuando le regole igieniche e il corretto distanziamento"

29 settembre - 17:19

Se Riva pare la piazza più in bilico dove la destra potrebbe tentare il colpo forte anche dell'alleanza con i civici di Malfer e il Patt locale, quello provinciale ricorda ai suoi elettori da che parte sta l'Autonomia. Intanto anche le Sardine tornano a farsi sentire (giovedì a Riva alle 17 ci sarà un flash mob) ben consce del fatto che anche nelle piazze dove qualcuno poteva sperare nel cambiamento il rischio di ritrovarsi con la Lega del Trentino (e non quella di Zaia) al governo è troppo alto 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato