Contenuto sponsorizzato

Povo diventa Paf e Besenello ritorna Pysein, ecco la mappa del Trentino austroungarico

Questa è solo l'ultima azione dopo la raccolta firme per la doppia cittadinanza italo-austriaca in salsa trentina, che è sempre aperta, e quindi la richiesta indirizzata a sindaco di Trento e presidente della Provincia per intitolare una piazza o concedere un luogo per allestire un museo in onore di Andreas Hofer

Di Luca Andreazza - 23 febbraio 2019 - 18:31

TRENTO. E' un periodo particolarmente attivo tra le fila della Schützenkompanie Trient Major Giuseppe de Betta. Ecco la mappa che riporta la toponomastica austroungarica.

 

Questa è solo l'ultima azione dopo la raccolta firme per la doppia cittadinanza italo-austriaca in salsa trentina, che è sempre aperta (Qui articolo), e quindi la richiesta indirizzata a sindaco di Trento e presidente della Provincia per intitolare una piazza o concedere un luogo per allestire un museo in onore di Andreas Hofer (Qui articolo). 

 

Ora arriva la mappa interattiva del Trentino per ricordare la toponomastica ai tempi del Tirolo. E così Trento è Trient o Povo diventa Paf. E ancora Pysein e Rofreit, le odierne Besenello e Rovereto, mentre Ravina resta Ravina (Qui mappa).

 

Un'antica battaglia per Paolo Primon. "I nomi odierni - commenta il numero uno di Popoli liberi - sono un'eredità sbagliata dell'epoca fascista, così come il cambio dei cognomi dei trentini tirolesi nel dopoguerra, ma anche la toponomastica dei paesi, senza dimenticare a tutti i soprusi subiti dalla popolazione che non si è allineata alle direttive italiane. Qui si guarda al Triveneto, un artifizio fascista, invece che alla storia".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 04:01

In Trentino il turismo è un settore strategico, pesa per il 20% del Pil provinciale, il periodo di Natale e Capodanno vale un terzo della stagione invernale e il "buco" in caso di chiusura tout-court viene valutato in 1 miliardo. Un danno che si aggiunge alla primavera cancellata e l'estate oltre le aspettative ma in fortissimo calo: si stima di aver bruciato tra indotto diretto e indiretto circa 280 milioni di euro e mezzo miliardo da marzo

25 novembre - 08:56

La 73enne Iolanda Balzano si è spenta dopo aver lottato contro il coronavirus: madre di quattro figli, nonna e bisnonna si era candidata in sostegno di Franco Ianeselli nelle ultime elezioni comunali. Il figlio: “Una manciata di giorni ti hanno portata via da quella quotidianità che vivevi con la forza e il coraggio”

24 novembre - 16:58

Un’analisi dei certificati di decesso ha mostrato che il Covid-19 è la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi raccolti nel Sistema di Sorveglianza. L’Iss: “È probabile che nei mesi di marzo e aprile i decessi legati al coronavirus siano sottostimati perché molti pazienti morirono senza essere testati”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato