Contenuto sponsorizzato

“Ad Antonio Megalizzi, che ha inseguito il sogno di un’Europa giusta”, inaugurata la stele in ricordo del giovane giornalista trentino ucciso a Strasburgo

La stele è stata posizionata nel giardino del Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento: “Ad Antonio Megalizzi, che ha inseguito il sogno di un’Europa giusta, libera e unita nella diversità, attraverso la sua passione per la verità nella formazione e nell'informazione”

Pubblicato il - 13 febbraio 2020 - 20:20

TRENTO. Molte le autorità presenti, insieme a tanti studenti dell’Ateneo trentino che si sono stretti attorno alla famiglia di Antonio Megalizzi, giovane giornalista trentino ucciso a Strasburgo in un attentato terroristico a dicembre del 2018.

 

L’occasione, che ha riunito i genitori Domenico e Anna Maria, la sorella Federica e la fidanzata Luana Moresco, è stata quella dell'inaugurazione della stele, scoperta oggi nel giardino del Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento, in memoria di Antonio Megalizzi.

 

“Ad Antonio Megalizzi, che ha inseguito il sogno di un’Europa giusta, libera e unita nella diversità, attraverso la sua passione per la verità nella formazione e nell'informazione”, queste le toccanti parole incise sulla stele.

 

La stele è stata posizionata vicino all'ulivo piantato un anno fa per Antonio in segno di pace e la cerimonia di oggi pomeriggio si inserisce nelle iniziative previste per la nascita della Fondazione dedicata ad Antonio Megalizzi, che hanno visto oggi anche la presentazione, nel salone di rappresentanza di Palazzo Geremia, del libro “Il sogno di Antonio: Storia di un ragazzo europeo” di Paolo Borrometi.

 

“Noi non dobbiamo soltanto ricordare Antonio – ha detto l’assessore provinciale all'istruzione e alla cultura, presente in rappresentanza della Provincia – ma dobbiamo seguire il suo esempio. Antonio ci ha dato tanto, perché grazie al forte sentimento scaturito dalla sua tragica vicenda ha saputo unire la nostra comunità, quella trentina e quella nazionale. I valori umani che ci sono nella sua figura sono patrimonio di tutti noi e a noi spetta saperli portare avanti, per continuare ad inseguire quello che era il suo sogno”.

 

Domani, alle 10.30, presso la sala Depero del Palazzo della Provincia, sarà il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, insieme al presidente della Provincia e alle massime autorità istituzionali, ad inaugurare la Fondazione che porta il nome del giornalista trentino.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 04:01

Una seconda ondata del coronavirus che sembra aver preso la direzione di un andamento più ''standardizzato'' per la diffusione di un'epidemia che solitamente si propaga e dovrebbe avere tassi maggiori nelle zone più popolate. E infatti Trento, questa volta sta facendo registrare dei dati molto alti di contagio. In ottobre triplicati i casi di settembre: quasi 10 mila positività da inizio epidemia

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato