Contenuto sponsorizzato

I rider e il coronavirus, Deliveroo lancia il servizio di consegna senza contatto e l'assicurazione in caso di contagio

La categoria dei rider, impegnata particolarmente in questo periodo, aveva lanciato da qualche giorno un appello alla sicurezza, lasciata a sé stessa nell'auto-organizzarsi con delle misure per ridurre il rischio di contagio. L'azienda Deliveroo, per ovviare alle necessità, ha comunicato una nuova modalità di ritiro e consegna delle ordinazioni. Nel contempo garantisce ai propri dipendenti un'assicurazione nel caso in cui si infettino

Di Davide Leveghi - 18 marzo 2020 - 10:32

TRENTO. Tra le categorie che il virus non ha “lasciato a casa”, c'è di certo quella dei rider, fattorini che in sella ad una bicicletta o ad una moto consegnano ogni giorno il cibo a domicilio. Al centro di annose battaglie per i propri diritti, tra paghe troppo basse e nessuna tutela in caso di malattia o infortunio – piuttosto comune in chi si deve districare nel traffico delle città italiane – ai tempi del coronavirus si sono ritrovati a fare i conti con una realtà lavorativa decisamente pericolosa.

 

Come denunciato da una fonte rimasta anonima per la sua sicurezza, i riders, in questo momento di emergenza sanitaria, sono stati invitati a auto-organizzarsi e ad adottare misure per lo più improvvisate per ridurre al minimo i contatti con il pubblico. Tra l'igiene dello zaino e la pulizia delle mani prima e dopo la consegna, tra la raccomandazione di lasciare il sacchetto a debita distanza al momento della consegna e la scarsa attenzione mostrata dai ristoratori nei confronti delle misure di sicurezza dei fattorini, lavorare in questa fase si è dimostrato motivo di ulteriore ansia. 

 

Per questo Deliveroo ha annunciato un nuovo tipo di consegna teso a limitare le occasioni di contatto. Sin dal momento in cui si apre l'applicazione, infatti, compare un messaggio con cui l'utente viene informato delle nuove modalità di consegna; vengono richieste così nuove istruzioni per la consegna in modo da poter indicare al rider dove lasciare esattamente il cibo.

 

Quando il rider si troverà nelle vicinanze dell'abitazione, il cliente riceverà una notifica di promemoria delle modalità di consegna. A quel punto, una volta arrivato, il rider lascerà la borsa termica con l'ordine fuori dalla porta, allontanandosi di un metro in attesa ce la consegna dell'ordinazione sia avvenuta.

 

Nella nuova policy adottata dalla nota azienda di consegna a domicilio, inoltre, anche il ritiro delle ordinazioni dai ristoratori avverrà con “tutte le precauzioni del caso”. Deliveroo assicura difatti d'aver inviato ai ristoranti del materiale da esporre nei locali per informare tutti riguardo alle nuove misure di sicurezza intraprese, in modo che possano essere capite e rispettate.

 

Nella stessa direzione è stato inoltre attivata un'assicurazione ai propri rider nel caso dovessero risultare positivi al Covid-19. Tutti i rider contrattati dalla piattaforma o collegati alla stessa negli ultimi 12 mesi, indipendentemente dal loro inquadramento e dai compensi, saranno così tutelati. "Siamo stati la prima piattaforma ad assicurare i rider. Vogliamo continuare ad essere leader anche da questo punto di vista e, in particolare, in un momento così difficile come quello che stiamo vivendo - ha affermato Matteo Sarzana, general manager di Deliveroo Italy - l'assicurazione non ha alcuna franchigia e nessun costo per i rider. Rappresenta per noi uno sforzo economico importante e ha l'obiettivo di coprire, in modo significativo, tutti i rider che collaborano con noi qualora dovessero risultare positivi al coronavirus".

 

In ogni caso, come già avvenuto per i fattorini di Amazon, i rider hanno lanciato l'appello di ridurre le ordinazioni in base alla necessità più stretta.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 13:50

L'allerta è scattata intorno a mezzogiorno nell'area della val di Ledro. In azione le unità del soccorso alpino e l'elicottero con l'equipe medica. Per il base jumper però non c'è stato nulla da fare

21 ottobre - 17:23

I casi in Lombardia sono raddoppiati rispetto a ieri e sono decedute 20 persone, mentre il rapporto contagi/tamponi si attesta all'11%. Un'osservata speciale è Milano che ha fatto segnare 1.800 nuovi infetti. Anche a Verona saltano i Mercatini di Natale. Probabili misure restrittive del governo per il fine settimana

21 ottobre - 16:10

Ecco tutti i beni che verranno battuti all'asta del comune che si svolgerà martedì 3 novembre. Prima si potranno andare a visionare gli oggetti e poi si potrà fare la proposta in busta chiusa. Ecco la lista e come partecipare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato