Contenuto sponsorizzato

Boom di bagnine, in Trentino Alto Adige a quota 8,3% del totale

Se si analizzano i dati Istat, il 76% dei bagnini conta meno di quarant'anni. Un’attività che attrae i giovani, ma solo il 14,5% dei bagnini ha meno di 24 anni. Il 2,2% degli occupati (dati Unioncamere) ha un contratto a tempo indeterminato

Pubblicato il - 10 August 2017 - 12:37

TRENTO. E' boom di bagnine sulle spiagge italiane, Trentino Alto Adige compreso che si trova al secondo posto per donne occupate professionalmente in questo settore. Al primo posto si trova la Calabria (circa il 21,2%, oltre una su cinque addetti), alle sue spalle la nostra regione a 8,3%, quindi Campania (6,5%), Emilia Romagna (6,1%) e Veneto (5,2%).

 

Questo dato a fronte dei circa 11 mila bagnini regolarmente assunti in Italia e impegnati sui litorali marittimi come fiumi e laghi, piscina e parchi acquatici. Le donne in generale rappresentano il 14% che si traduce in quasi un'addetta ogni sette colleghi uomini. 

 

Si aggiunge quindi un tocco di femminilità a un'attività altamente professionale e rischiosa, che ben si coniuga nella maggiore capacità delle donne di trattare i bambini una volta sfuggiti ai controlli degli adulti in famiglia.

 

Un altro dato interessante è quello dei bagnini non nati in Italia, a quota 7%. La diffusione dei bagnini immigrati presenta un andamento molto difforme. In Friuli Venezia Giulia rappresentano il 21,2% del totale e sul podio salgono anche la Liguria (14,37%) e la Sardegna (8,77%), quindi Veneto (7,57%) e Puglia (6,77%).

 

La maggiore diffusione di bagnini immigrati sul litorale è spiegata prima di tutto dalla loro provenienza: il 49% è nato nei Balcani, il 41% nell’Europa dell’Est, il 10% dal resto del mondo con una spiccata presenza (6%) dei nordafricani.

 

Se si analizzano inoltre i dati Istat, il 76% dei bagnini conta meno di quarant'anni. Quella del bagnino è un’attività che attrae i giovani, ma solo il 14,5% dei bagnini ha meno di 24 anni.

 

Il 2,2% degli occupati (dati Unioncamere) ha un contratto a tempo indeterminato, mentre il restate 97,8% è composto da lavoratori stagionali. Il bagnino deve aver completato la scuola dell’obbligo e frequentato un corso specializzato di alcuni mesi alla Federazione italiana nuoto o alla Società nazionale di salvamento.

 

Al termine del corso di formazione si affronta un esame e, se lo si supera, si ottiene il brevetto. Il livello d’istruzione della categoria è mediamente elevato: solo il 22,6% si è fermato alla scuola dell’obbligo, il 51,4% possiede un titolo professionale e il 26% ha conseguito un diploma secondario. Non mancano universitari e laureati.

 

Che cosa li attira nell’attività di bagnino? Oltre, ovviamente, alla passione per l’acqua, il nuoto e l’aria aperta, uno stipendio medio base di 1.200 euro per almeno quattro mesi all’anno cui si aggiunge l’indennità di disoccupazione per un altro trimestre.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 20:08

Sono 211 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 38 pazienti sono in terapia intensiva. Oggi 1 decesso. Sono 87 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

26 February - 18:14

Il dirigente dell'Azienda Sanitaria Pier Paolo Benetollo ha spiegato che ad oggi "Il numero di varianti che stiamo trovando è limitato''. Sono in totale quattro le mutazioni inglesi registrate fino ad oggi in Trentino 

26 February - 18:02

Adesso si parte con la fase successiva. Il virologo del Cibio, Massimo Pizzato: "La prossima settimana prevediamo di proseguire con lo studio. Un migliaio di analisi in parallelo ai tamponi molecolari per verificare la sensibilità dei test salivari. Poi si parte a regime, questo step dovrebbe iniziare a metà marzo"

 
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato