Contenuto sponsorizzato

Le tribune del Briamasco saranno intitolate a Ito Del Favero e Giorgio Grigolli, storici presidenti del Trento

Questa mozione è stata proposta dai consiglieri comunali della Lega Nord Devid Moranduzzo e Stefano Osele. Mauro Giacca: "Un bel segnale. L'intenzione è inoltre quella di posizionare una targa commemorativa di tutti i presidenti dal 1921 per celebrare un secolo di storia"

Di Luca Andreazza - 11 ottobre 2017 - 11:23

TRENTO. Le tribune del Briamasco potrebbero presto avere un nome, quello di Ito Del Favero e Giorgio Grigolli. Questa la mozione proposta dalla Lega Nord nelle figure dei consiglieri comunali Devid Moranduzzo e Stefano Osele, che hanno accolto una richiesta dei tifosi del Calcio Trento.

 

"E' un bel segnale - commenta Mauro Giacca, numero uno del Trento - quello di ricordare queste figure così importanti nella storia del calcio a Trento. Non possiamo che essere favorevoli all'intitolazione a Ito Del Favero e Giorgio Grigolli delle tribune del Briamasco. Non vogliamo però sminuire il ricordo degli altri presidenti e vorremmo posizionare una targa commemorativa che possa riportare tutti i nominativi dal 1921, anche quelli che magari hanno fatto meno bene, per celebrare un secolo di storia: questa si fermerebbe a prima del mio nome, ho ancora tanto da dimostrare".

 

Tra i presidenti di spicco, l'ingegner Ito Del Favero ha segnato profondamente la storia in regione negli anni '60 come presidente del sodalizio di via Sanseverino fin dal 1959. "Sono più giovane - aggiunge il presidente aquilotto - ma ho vissuto questa epoca e gli storici traguardi per il calcio trentino soprattutto nei ricordi di mio padre". 

 

Dopo un periodo di assestamento iniziale, Del Favero riuscì, infatti, a far raggiungere nel 1970 alla squadra cittadina una emozionante promozione in serie C. Al suo grande impegno, sia umano che economico, si deve il più bel periodo fin qui vissuto dai colori del Trento. 

 

"Dopo 17 anni - spiegano i consiglieri comunali - Ito Del Favero è ancora nel cuore del tifo gialloblu e per chi ha seguito la squadra della nostra città in quegli indimenticabili anni, risulta impossibile scordarsi di un presidente che è riuscito a far sognare migliaia di tifosi. Alla luce di ciò, riteniamo doveroso consegnare alla memoria delle future generazioni con un gesto concreto una figura così importante".

 

Tra gli sportivi locali è inoltre ancora vivo il ricordo di Giorgio Grigolli, scomparso nel 2016, politico e giornalista, presidente della Provincia di Trento dal '74 al '79, molto amato dalla piazza in qualità di dirigente del Calcio Trento, prima come vice-presidente e poi raccogliendo il testimone proprio da Ito Del Favero dalla fine degli anni '70 e fino ai primi anni novanta.

 

Proprio per la sua gran passione per il calcio è stato tra i protagonisti di un match-revival del maggio 2010 per una raccolta fondi in favore di Haiti, quando gli venne assegnato il compito simbolico del calcio d'inizio.

 

"Ricordo - conclude Giacca - molto bene questa era del Trento in quanto avevo iniziato a frequentare il Briamasco. L'intento dell'attuale Trento è quello di scrivere nuove pagine e riportare la società almeno in LegaPro, senza dimenticare l'impegno nel settore giovanile per ritornare un punto di riferimento per la comunità".

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 05:01

Il presidente dell'Ordine dei medici, Marco Ioppi: "Sulla scuola si deve agire in modo sartoriale caso per caso. Annullare i Mercatini è stata una scelta di buonsenso e prevenzione. La stagione invernale va attentamente pianificata e gestita"

22 ottobre - 10:33

Per quanto riguarda il calcio, vanno avanti i campionati di serie D e di Eccellenza, oltre a quelli di categoria superiore. Per le castagnate, invece, è prevista la presenza massima di una persona ogni quattro metri quadrati

21 ottobre - 19:21

La startup trentina, produttrice del Vaia Cube, dopo due anni dal grave evento meteorologico che nel 2018 ha messo in ginocchio il paesaggio dolomitico, ha deciso di ricordare il triste anniversario donando un albero per ogni giorno trascorso: così ci saranno 726 nuovi alberi in segno di resilienza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato