Contenuto sponsorizzato

Il Taliercio non si espugna e Trento conclude la sua avventura in Supercoppa. PAGELLE.

Venezia resta in vantaggio per tutta la partita, ma in qualche momento sembra esserci possibilità anche per Trento. Particolarmente buona la seconda metà di gioco, in cui l'Aquila sembra più volte in grado di completare il recupero

Di Mattia Sartori - 14 settembre 2020 - 22:25

TRENTO. Ultima gara di ritorno del girone C di Supercoppa per la Dolomiti Energia. Questa sera si affrontano al Taliercio contro gli orogranata di coach De Raffaele. Per avere la possibilità di passare alle Final Four i trentini hanno bisogno di vincere di almeno 14 punti, sperando che Treviso vinca con un margine di vantaggio inferiore. Ancora fuori Maye e Conti, ma coach Brienza potrà contare su Martin, appena integrato in squadra, ma che già contro Trieste ha dato prova del suo valore, soprattutto in difesa.

 

Venezia parte forte con un parziale di 8-0, interrotto dal canestro più fallo di Williams. I bianconeri però fanno fatica a trovare il canestro e si rivolgono ancora all’atletismo del proprio lungo sotto canestro. De Nicolao nel frattempo continua a far male dal perimetro (3/4 nei primi 5 minuti). Coach Brienza decide quindi di ricorrere all’esperienza di Forray e Martin per sbloccare il gioco dell’Aquila. L’ingresso del capitano si rivela una mossa azzeccata e Trento si porta sul -6, chiudendo così il primo quarto.

 

Ancora una volta la Reyer cerca fin da subito di imporsi sugli avversari. Riescono a riportarsi sul +9, ma i tre tiri liberi di Browne riportano il divario a 6 punti. Non basta però a fermare gli orogranata, che con un’altra spinta riescono a riconquistare la doppia cifra di vantaggio. La Dolomiti Energia non riesce a riscuotersi, nonostante qualche buona giocata di Browne e Williams continua a sprofondare, arrivando a -16. Si sblocca Morgan dalla lunga distanza, ma la Reyer continua a rispondere a tono e chiude il secondo periodo a +14.

 

Il terzo periodo vede Trento chiudersi in difesa, riuscendo a mettere in difficoltà i padroni di casa e tornando subito a -10. De Raffaele chiama timeout e riorganizza i suoi, riuscendo a infliggere immediatamente un parziale di 8-0 ai trentini. Sanders riesce a segnare due triple di fila, Forray la mette in allontanamento e Trento si riporta a -10. Mezzanotte e Williams se la giocano in area per il nuovo -6 trentino di fine quarto.

 

Cerca di allungare ancora Venezia, ma due triple di Forray mantengono i bianconeri vicini. Pascolo firma il -4 con un sottomano in penetrazione, ma come sempre in questa partita i veneziani rispondono al colpo e si rialzano a +10. Entrambe le squadre esauriscono il bonus ed entrambe finiscono spesso in lunetta. Con un canestro da sotto e una schiacciata di Williams porta la Dolomiti Energia a -5. I frequenti viaggi in lunetta aumentano e diminuiscono il vantaggio in continuazione. Sanders schiaccia il -4 a soli 9 secondi dalla fine. Tonut si guadagna due tiri liberi che mettono fine alla partita, a nulla serve la tripla di Sanders all’ultimo secondo.  

 

MARTIN 6 – Non riesce a impattare come ha fatto la scorsa partita. Tuttavia fa il suo lavoro e nonostante sia l’ultimo arrivato sembra che si stia inserendo bene.

 

JOVANOVIC – N.E.

 

PASCOLO 6,5 – Non presentissimo, ma quando si accende riesce a colpire con precisione quando c’è più bisogno di lui.

 

CONTI – N.E.

BROWNE 6,5 – A inizio partita non sembra essere in serata: non riesce a trovare né il canestro, né i compagni. Tuttavia si riprende e nella seconda metà ritorna praticamente quello di sempre, riuscendo a portare a casa 17 punti e 8 assist.

 

FORRAY 7 – Questa sera è lui a comandare nei momenti in cui Trento ha reagito meglio e ha cercato di recuperare. Riesce inoltre a trovare 10 punti, di cui molti in momenti delicati.

 

SANDERS 6 – Per gran parte della partita non si fa notare, ma negli ultimi minuti riesce a dare il suo contributo per ridurre lo svantaggio.

 

MEZZANOTTE 4 – Stasera in campo non esiste. Molto male soprattutto a rimbalzo, dove non sembra neanche provarci.

 

MORGAN 5 – Prova varie volte a sbloccarsi e impattare sulla partita, ma proprio non ce la fa. Riesce a centrare un solo tiro e molti di quelli sbagliati sono stati tirati male.

 

WILLIAMS 7,5 – Il migliore in campo questa sera. Uno dei pochi a riuscire a penetrare nell’area avversaria e mettere in difficoltà i veneziani. Si guadagna 22 punti e 5 rimbalzi.

 

LADURNER 5,5 – Si vede che ha voglia di fare bene e va apprezzato lo sforzo. Purtroppo però non fa un gran lavoro a rimbalzo, dove viene eclissato dai più esperti lunghi veneziani.

 

BRIENZA 6,5 – A parte il momento in cui i bianconeri si trovano sotto di 17, la partita vede Trento resistere abbastanza bene contro la corazzata veneziana. Non subisce grandi parziali e riesce anche ad infliggerne, riportandosi varie volte a pochi possessi dai padroni di casa. Sarebbe stato meglio vincere, ma in generale queste sei partite sono state un buon rodaggio per la Dolomiti Energia.

 

UMANA REYER VENEZIA - DOLOMITI ENERGIA TRENTINO   78-75

(21-15; 45-31; 57-51; 78-75)

 

UMANA REYER VENEZIA. Casarin 5, Stone 2, Bramos 10, Tonut 13, Daye 2, De Nicolao 13, Vidmar 2, Chappell 4, Mazzola 8, D’Ercole, Cerella, Watt 19. Allenatore: Walter De Raffaele.

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO. Martin 2, Jovanovic, Pascolo 6, Conti, Browne 17, Forray 10, Sanders 11, Mezzanotte 2, Morgan 3, Williams 22, Ladurner 2. Allenatore: Nicola Brienza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

19 settembre - 12:36

L'allerta è scattata intorno alle 7.30 di oggi, sabato 19 settembre, sull'Agner. Il 23enne stava procedendo in conserva insieme al compagno di cordata sulla parte sommitale dello zoccolo dello Spigolo nord. In azione il Pelikan di Bolzano, il Soccorso alpino di Agordo e l'equipe medica

19 settembre - 11:02

Salgono a quasi 1800 le persone in quarantena e di queste una cinquantina sono di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta. Il rapporto tamponi – contagi rimane sopra l'1% 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato