Contenuto sponsorizzato

La Dolomiti Energia inciampa in Slovenia: vittoria al Cedevita per 87-65. PAGELLE

Dopo un buon inizio di partita Trento va in blackout e gli sloveni non si lasciano sfuggire l'occasione. Con un paio di dolorosi parziali gli sloveni scavano un solo praticamente impossibile da colmare per i bianconeri, che si vedono costretti ad alzare bandiera bianca

Di Mattia Sartori - 08 dicembre 2020 - 20:48

LUBIANA. La partita contro Venezia è stata un successo per i bianconeri, che sono riusciti ad espugnare il Taliercio grazie al rientro di Williams e alla sontuosa prestazione di Browne. Ora si torna a giocare in Europa per difendere un primo posto del girone che i trentini vogliono mantenere fino alla fine. Gli avversari sono gli sloveni del Cedevita, che all’andata avevano lasciato Trento dopo un’amara sconfitta.

 

Iniziano subito forte gli sloveni, che cercano sempre di giocare in campo aperto, trovandosi velocemente in vantaggio. I bianconeri tengono testa ai padroni di casa e in pochi minuti riprendono il controllo del match con un paio di ottime difese. Un momento di imprecisione di Trento permette al Cedevita di rimettersi in testa. I trentini alzano l’intensità negli ultimi minuti e con uno sprint finale concludono il primo quarto in vantaggio (20-21).

 

Forray si accende in apertura del secondo periodo, mantenendo avanti la Dolomiti Energia.  Il fallo antisportivo di Hodzic regala a Trento l’occasione di scavare un piccolo solco e di portarsi a +6. Non dura molto il vantaggio: i padroni di casa infliggono un parziale di 13-0, che inverte la situazione. Williams sblocca il punteggio bianconero, ma non basta per tornare a contatto e il Cedevita torna negli spogliatoi avanti di 9 (44-35).

 

Inizia abbastanza bene Trento, che sembra aver ritrovato il ritmo. Purtroppo gli sloveni sono molto più precisi al tiro e riescono a lasciare ancora più indietro i bianconeri, scivolati a -18. I trentini però non ci stanno e lottano con le unghie e con i denti per riaprire la partita. Il divario rimane comunque grande e permette ai padroni di casa di costruire con più calma, trovando tiri più efficaci e rimanendo quindi in vantaggio fino alla fine del quarto (70-44).

 

Continua la carestia di Trento, che non trova il canestro per quasi tre minuti. I primi punti sono di Sanders dalla lunetta, ma ancora non sembrano riuscire ad ingranare i bianconeri. La difesa del capitano rilancia la Dolomiti Energia, che sembra finalmente acquistare un po’ di sicurezza e riprende a segnare, soprattutto attraverso Williams. Non basta però a colmare il divario e il Cedevita si prende la vittoria per 87-65.

 

MARTIN 6 – Un mastino in difesa, come sempre l’incubo peggiore dei suoi avversari. Riesce anche a performare bene a rimbalzo, portandone a casa 7.

 

JOVANOVIC – N.E.

 

PASCOLO 5,5 – Ha dei buoni momenti nei primi quarti, ma poi si spegne per non riprendersi più fino alla fine.

 

CONTI 4,5 – Non riesce a portare il suo contributo e su di lui pesano soprattutto i 4 falli, alcuni dei quali potevano essere evitati.

 

BROWNE 5 – Questa sera non sembra lui. Dopo il primo parziale sembra perdere lucidità e non riesce a dirigere la squadra come fa di solito.

 

FORRAY 6,5 – Nemmeno nei momenti più duri dà segno di voler mollare. Difende fortissimo e cerca anche di trovare buoni canestri. Unica pecca l’imprecisione al tiro.

 

SANDERS 5,5 – Tenace nei primi quarti, dove fa bene in difesa e anche a rimbalzo. Purtroppo subisce anche lui la cattiva influenza del blackout del secondo e terzo quarto, soprattutto per quanto riguarda la precisione al tiro.

 

MEZZANOTTE 5 – Di positivo c’è il fatto che sia riuscito a farsi trovare libero per dei buoni tiri da tre. Il lato negativo è che di questi tiri sia riuscito ad infilarne solo uno.

 

WILLIAMS 7 – Non molla mai e riesce a finire a quota 20 punti e 9 rimbalzi. La sua prestazione sarebbe stata una buona base da cui ripartire, ma i compagni non riescono

 

LADURNER 4,5 – Ha dei momenti positivi in difesa, ma sono di più gli errori in questa serata per il diciannovenne altoatesino.

 

LECHTHALER – N.E.

 

BRIENZA 5 – Si ricade nuovamente nell’errore dei parziali, che sembrava essere stato superato quest’anno. Di sicuro c’erano molte condizioni a sfavore dei bianconeri, ma nel secondo e terzo quarto c’è proprio un blackout che pregiudica le possibilità di successo dei trentini.

 

CEDEVITA OLIMPIJA LJUBLJANA - DOLOMITI ENERGIA TRENTINO  87-65

(20-21; 44-35; 70-44;)

 

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO. Martin 5, Jovanovic, Pascolo 6, Conti 1, Browne 9, Forray 14, Sanders 7, Mezzanotte 3, Williams 20, Ladurner, Lechthaler. Allenatore: Nicola Brienza.

CEDEVITA OLIMPIJA LJUBLJANA. Radovic, Perry 14, Hopkins 7, Muric 8, Ukic 4, Blazic 14, Brown 13, Hodzic 5, Jones 14, Dimec 2, Marinkovic 2, Rupnik 2. Allenatore: Jurica Golemac.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 settembre
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 September - 17:29
Sono stati analizzati 2.035 tamponi tra molecolari e antigenici. Sono stati trovati 13 casi tra under 19 e 3 contagi tra gli over 60. Ci [...]
Ambiente
16 September - 13:23
Rinascita Rovereto annuncia un ricorso alla Corte dei Conti per “il danno erariale procurato dalle normative poste in essere dai responsabili [...]
Cronaca
14 September - 17:37
L'uomo ha attirato l'attenzione delle forze dell'ordine durante un controllo stradale, la perquisizione allargata anche all'abitazione ha portato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato