Contenuto sponsorizzato

Débâcle Trentino Volley, il Tours rimonta e alza la coppa Cev

Volley. La formazione di Angelo Lorenzetti cede contro i francesi allenati da Giampaolo Medei. La gara si chiude 3-1 (31-29, 22-25, 25-22, 25-23) e il golden set (15-13) premia il Tours

Un fase di gioco (foto Marco Trabalza)
Di Luca Andreazza - 15 aprile 2017 - 23:20

TRENTO. Un palazzetto completamente bianco e infuocato spinge il Tours alla clamorosa rimonta. I francesi si trasformano rispetto alla scialba apparizione al PalaTrento e non basta il caloroso e rumoroso supporto di una trentina di tifosi alla Trentino Volley. La Diatec si scioglie e, dopo la vittoria per 3-0 nella gara d'andata, si aggiudica un solo parziale e consegna la coppa Cev ai transalpini. Il golden set premia un Tours presente e sempre in partita, mentre i trentini pagano alcuni passaggi a vuoto.

 

Un grande rammarico per la formazione di Angelo Lorenzetti che ora dovrà riordinare le idee e trovare la concentrazione per affrontare le semifinali di playoff scudetto a Perugia (Gara 4 si gioca mercoledì 19 aprile alle 20.30 in Umbria, mentre l'eventuale Gara 5 sabato 22 aprile alle 20.30 in Trentino). 

 

Giampaolo Medei schiera il suo Tours con Hernan Ruperez al palleggio, Konecny opposto, Alves Cabral e Barnes schiacciatori, Collin e Jouffry centrali, Henno libero. 

Angelo Lorenzetti schiera Giannelli in regia, Stokr opposto, Urnaut e Lanza in posto 4, Van de Voorde e Solé centrali, Colaci libero.

 

L'inizio del match è equilibrato e la parità si protrae a lungo (9-9), Urnaut firma il primo break spingendo la Diatec sul 9-11. Gli scambi si susseguono, ma il cambio palla scorre regolare fino all'11-13. Il Tours prova a forzare il servizio, ma Giannelli e Lanza costruiscono il 12-14, prima del muro out di Van de Voorde per il 13-14 e il pareggio dei padroni di casa sul 14-14. La Trentino Volley si porta nuovamente avanti sul 15-17 e il Tours chiama il time out. Gli effetti della pausa funzionano per i francesi che trovano prima la parità e quindi il vantaggio per 18-17. Angelo Lorenzetti corre ai ripari e chiama il time out. La Diatec perde un po' di lucidità e pasticcia in difesa consentendo ai francesi di scappare via sul 21-19. Il tecnico trentino interrompe il gioco per riordinare le idee. Gli ospiti reagiscono e impattano il risultato sul 21-21. Il Tours cambia marcia e Cabral pesca l'ace del 23-21. La Diatec non si scompone e recupera sul 23-23, costringendo i francesi al time out. Il match si trascina ai vantaggi, che premiano il Tours 31-29.

 

Anche il secondo set viaggia sul filo dell'equilibrio, Trento riesce a prendere un piccolo margine sul 5-8. Il Tours si avvicina sul 10-12, ma Stokr riporta i trentini a distanza sull'11-14. Urnaut dice 12-15. Lanza realizza l’ace del 18-14 che galvanizza la Trentino Volley che arriva velocemente sul 24-17. I transalpini reagiscono: si scatena Alves Cabral al servizio, che annulla cinque palle set. Lanza però chiude il parziale sul 22-25.

 

Il terzo parziale si gioca sulla falsariga dei precedenti e le squadre sul parquet restano incollate fino al 7-7. Grande difesa della Trentino Volley e Stokr dalla seconda linea e aiutato dal nastro dice 7-9, quindi il suo ace allunga ancora per il 7-10. Il Tours replica con Barnes e i francesi si riportano sotto (13-14). La Diatec sfrutta qualche errore francese e si riporta sul 13-16. I padroni di casa chiamano il time out. Al rientro sul parquet Barnes al servizio è letale e vale il 16 pari. Konecny in battuta dice 21-18, quindi il ceco riporta avanti il Tours (25-22). 

 

La quarta frazione vede il Tours partire meglio (8-5), Lanza prova a replicare (12-10) e dopo il cambio di campo la Trentino Volley si avvicina nuovamente ai francesi: un ace di Urnaut dice 16-15. I francesi mantengono il sangue freddo e concludono a terra uno scambio lungo per il 19-16. Angelo Lorenzetti chiama il time out. Al rientro sul parquet però è doppio ace per i transalpini: 22-17. Lanza non si arrende e schiaccia di rabbia per il 22-18. Antonov prova a tenere i trentini in partita per il 22-19. Giampaolo Medei chiama il time out. La Diatec sembra poter rientrare in partita, ma i francesi mantengono il margine e chiudono 25-23, rimandando tutto al golden set.

 

Il golden set si apre nel segno del Tours, decisamente più in partita. I francesi si portano sul +4 (9-5). Giannelli prova a scuotere la Diatec e l'errore di Barnes riporta i trentini in scia (9-7). Il Tours chiama il time out. I transalpini si portano sul 10-7, ma Van de Voorde dice 10-8. L'arbitro non vede un ace dei padroni di casa e consegna l'11-9 alla Diatec, mentre Lanza forza una schiacciata per l'11-10. Il servizio in rete di Van de Voorde dice 12-10. Collin restituisce il favore (12-11). Stokr trova l'ace per la parità sul 12-12, ammutolendo per un momento il palazzetto. Stokr sbaglia e Angelo Lorenzetti chiama il time out sul 13-12. Konecny non si scompone e trova l'ace del 14-12. Solè annulla la prima palla match. Cabral mette però a terra il 15-13. 

 

TOURS-DIATEC TRENTINO 3-1, golden set 15-13
(31-29, 22-25, 25-22, 25-23)

TOURS VB: Barnes 13, Collin 12, Konecny 27, Alves Cabral 17, Jouffry 8, Hernan Ruperez 2, Henno (L); Nevot. N.e. Zudiberg, Conre, Jansen Vandoorn, Rabiller, Masson, Fleury. All. Giampaolo Medei.
DIATEC TRENTINO: Lanza 17, Van de Voorde 7, Giannelli 6, Urnaut 11, Solé 10, Stokr 17, Colaci (L); Mazzone T., Antonov 4, Nelli 1, Burgsthaler, Mazzone D.. N.e. Blasi, Chiappa.  All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Mylonakis di Atene (Grecia) e Makowski di Stettino (Polonia).
DURATA SET: 40’, 29’, 31’, 32’, 20’; tot  2h e 32’. 
NOTE: 3.237 spettatori. Tours Vb: 6 muri, 14 ace, 25 errori in battuta, 11 errore azione, 50% in attacco, 37% (16%) in ricezione. Trentino Diatec: 9 muri, 7 ace, 26 errori in battuta, 11 errore azione, 51% in attacco, 33% (16%) in ricezione. Mvp Konecny.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 12:01

Il criterio dei 10 anni di residenza per accedere agli alloggi Itea era stato definito dai giudici “discriminatorio”: ora la Corte di Appello ha bocciato anche il ricorso della Pat, con quest’ultima che dovrà pagare 50 euro di sanzione per ogni giorno di ritardo. L’assemblea Antirazzista: “È stato ristabilito un principio di equità e di antidiscriminazione contenuto nelle direttive europee”

16 gennaio - 15:41

L'allarme è stato lanciato quando i residenti si sono accorti dell'enorme quantità di fumo che in poco tempo aveva occupato diversi locali dell'abitazione

16 gennaio - 15:03

L'allerta è scattata intorno alle 14 di oggi a Lavis. La macchina dei soccorsi è in azione per gestire l'emergenza. Attività di spegnimento in corso 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato